Approfondimenti

Netanyahu rischia il posto?

I guai giudiziari inseguono Benjamin Netanyahu da parecchio tempo.

Il premier israeliano è già stato al potere per 12 anni, anche se non ininterrottamente. La domanda in queste ore è se alla fine le ultime inchieste a suo carico, quelle confermate dal rapporto della polizia israeliana, emesso ieri sera, gli costeranno il posto.

Lui dice di no e molti analisti israeliani sono d’accordo con lui.

“In tutti questi anni ho ricevuto forti pressioni – ha detto Netanyahu – ci sono state almeno quindici inchieste a mio carico, tutte con l’obiettivo di farmi cadere. Ma è sempre finito tutto nel nulla. Sarà così anche questa volta”.

Il quotidiano Haaertz fa notare come la reazione di Netanyahu – niente dimissioni – sia l’unica che gli possa garantire la sopravvivenza politica. Da una posizione di potere – scrive Haaretz – sarà più facile resistere, soprattutto in caso di processo. Le prossime elezioni saranno tra circa un anno e mezzo, nel 2019. I membri del governo, seppur con dei distinguo, hanno confermato la loro fiducia al primo ministro. Ma nonostante tutto questo Netanyahu appare più debole e vulnerabile.

Le inchieste delle polizia sono due. La prima riguarda i rapporti del premier israeliano con alcuni magnati, come il produttore cinematografico Arnon Milchan, che in cambio di doni avrebbe ottenuto da Netanyahu una legge che avrebbe regalato l’esenzione fiscale per dieci anni agli israeliani che tornavano a vivere in Israele. La legge non venne mai approvata.

La seconda inchiesta riguarda invece i rapporti tra Netanyahu e il proprietario del quotidiano Yediot Aharonot, Arnon Mozes. Qui lo scambio era una posizione filo-governativa da parte del giornale per l’aiuto dell’esecutivo nel contenere la crescita di un gruppo editoriale rivale di Yediot Aharonot.

La polizia ha chiesto che Netanyahu venga incriminato. La decisione la prenderà il procuratore generale. Potrebbero anche passare dei mesi.

Israele è anche un importante attore in Medio Oriente. Le ultime frizioni con l’Iran in Siria hanno aggiunto un’ulteriore variabile pericolosa. Ma per ora i guai giudiziari del primo ministro non dovrebbero creare problemi ai rapporti tra Israele e gli altri paesi, come Russia e Stati Uniti. Ma se si dovesse arrivare a un processo diverse cancellerie potrebbero dover valutare se il paese – per loro importante per questioni economiche oppure geopolitiche – sia ancora stabile e il suo governo un partner affidabile.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Viaggi&Miraggi

    L'agenzia Viaggi&Miraggi mette in palio un viaggio a Lanzarote per 2 persone, il nostro primo premio. Al1 e Disma hanno…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di venerdì 27/05/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 28/05/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/05/2022

    Tommaso Toma ricorda Andy Fletcher, Intervista a Cathy Lucas ( Vanishing Twins)

    Jack - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ramen Remix

    quando il dj emergente Niccolò Guffanti presenta il nuovo remix di Noi siamo i Robot da lui stesso eseguito, poi…

    Poveri ma belli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 28/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 28/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 28/05/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/05/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 28/05/2022

Adesso in diretta