Approfondimenti

Nel nome di Sarah Saartjie

Questa è una storia che copre oltre 200 anni e arriva fino ai giorni nostri. Una storia del nostro tempo.

Sarah Saartjie era una donna del gruppo etnico Khoisan, nata presumibilmente nel 1789 nell’odierno Sudafrica. Rimase orfana a causa di un raid di un commando boero e fu assegnata come schiava ad una famiglia di Città del Capo. Il fratello del suo proprietario ebbe la bella idea di portarla in Inghilterra come fenomeno da baraccone e così, nel 1810 fu trasferita a Londra dove fu esibita come fenomeno e esempio delle popolazioni di un Africa che era ancora misteriosa e lontana. Sarah fu motivo di curiosità morbosa, ma anche di interesse pseudo-scientifico per le sue grandi natiche, inusuali nella popolazione femminile europea (e invece abbastanza comuni in Africa) e per le labbra della sua vagina che sporgevano di oltre otto centimetri.

Erano gli anni dell’abolizione della schiavitù e le sue esibizioni crearono scandalo, ci fu un movimento di protesta e Sarah fu interrogata da una coorte per stabilire se si esibiva volontariamente o meno. Rispose che era capace di intendere e di volere e che non era ridotta in schiavitù. Le polemiche però non si spensero: che alternative di risposte aveva Sarah? A chi si sarebbe rivolta da donna libera?

In Inghilterra la sua “carriera” era però finita e fu venduta ad un francese che la espose in modo ancora più duro che in Inghilterra. Si trattava di un domatore di animali che la concesse anche per visite di naturalisti e scienziati che, tra l’altro, stabilirono che era una donna intelligente, con un’eccellente memoria, che parlava fluentemente l’olandese.

Morì il 29 dicembre del 1815 all’età di 25 anni di vaiolo o di sifilide. Sul suo corpo furono condotte diverse autopsie e i suoi genitali e il suo cervello furono esposti al Musèe dell’Homme di Parigi fino al 1974. Crearono scandalo e furono rimossi e conservati in un luogo più riservato, fuori dalla vista del grande pubblico.

Il suo era ormai diventato famoso come il caso della “Venere Ottentotta” e ci volle Mandela per chiudere degnamente una vicenda che non aveva certamente dato lustro all’umanità. Uno dei suoi primi atti dopo l’elezione a presidente del Sudafrica fu quello di chiedere alla Francia la restituzione dei resti di Sarah. Li ottenne solo nel 2002 e nell’agosto di quello stesso anno furono sepolti sulla collina sovrastante la città di Hankey.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 04/06

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 06/04/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 04/06 delle 07:15

    Metroregione di gio 04/06 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 06/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tempi Diversi di gio 04/06 (terza parte)

    Tempi Diversi di gio 04/06 (terza parte)

    Tempi diversi - 06/04/2020

  • PlayStop

    Tempi Diversi di gio 04/06 (seconda parte)

    Tempi Diversi di gio 04/06 (seconda parte)

    Tempi diversi - 06/04/2020

  • PlayStop

    Tempi Diversi di gio 04/06 (prima parte)

    Tempi Diversi di gio 04/06 (prima parte)

    Tempi diversi - 06/04/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 04/06 (seconda parte)

    Radio Session di gio 04/06 (seconda parte)

    Radio Session (Stay Human) - 06/04/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 04/06 (prima parte)

    Radio Session di gio 04/06 (prima parte)

    Radio Session (Stay Human) - 06/04/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 04/06

    La mappa del potere economico e finanziario in Italia potrebbe essere in corso di ridefinizione. Diversi indizi portano in questa…

    Memos - 06/04/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 04/06/20

    ROBERTO BRAMBILLA E ALBERTO FACCHINETTI - 4 a 3 - presentato da ELENA MORDIGLIA E MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 06/04/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 04/06 (seconda parte)

    ira rubini, cult, archivissima 2020, Manuela Iannetti, Memoria Festival 2020, Giampaolo Ziroldi, Barbara Sorrentini, Biografilm 2020, Valentina Pedicini, faith, giovanni…

    Cult - 06/04/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 04/06 (prima parte)

    ira rubini, cult, archivissima 2020, Manuela Iannetti, Memoria Festival 2020, Giampaolo Ziroldi, Barbara Sorrentini, Biografilm 2020, Valentina Pedicini, faith, giovanni…

    Cult - 06/04/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 04/06

    Parliamo di denunce e ricorsi alla magistratura: Medicina Democratica presenta una diffida alla Regione Lombardia su test e tamponi; varie…

    37 e 2 - 06/04/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 04/06 (terza parte)

    L'Italia che riparte. Commentiamo la crisi del lavoro con l'economista Antonio Marano e la situazione generale con la sociologa Chiara…

    Prisma - 06/04/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 04/06 (seconda parte)

    Interviste a due dei cittadini nominati dal Presidente Mattarella Cavalieri della Repubblica: Francesco Pepe (intervista di Anna Bredice) e Maria…

    Prisma - 06/04/2020

  • PlayStop

    I giganti del Lock Sheil

    Fiaba di i Marco Paschetta da Fiabe e leggende dalla Scozia. Letta da Serena Tarabini

    Favole al microfono - 06/04/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 04/06 (prima parte)

    Con Vittorio Agnoletto commentiamo le notizie di un farmaco anti Covid in sperimentazione negli Usa (prima parte)

    Prisma - 06/04/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/06

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/06

    Rassegna stampa internazionale - 06/04/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/06

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/06

    Il demone del tardi - 06/04/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 04/06 (terza parte)

    Intervista a Martino Mazzonis sulla situazione negli Stati Uniti. (terza parte)

    Fino alle otto - 06/04/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 04/06 (seconda parte)

    L'edicola di Popolare Network. Il brano del giorno – The Weekend: In your eyes. The Weekend insiste su sonorità decisamente…

    Fino alle otto - 06/04/2020

Adesso in diretta