Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 21/02 delle ore 18:30

    GR di ven 21/02 delle ore 18:30

    Giornale Radio - 21/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 21/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 21/02 delle 07:14

    Metroregione di ven 21/02 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di ven 21/02

    Esteri di ven 21/02

    Esteri - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 21/02

    Ora di punta di ven 21/02

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 21/02 (seconda parte)

    Arrivano i vostri di ven 21/02 (seconda parte)

    Arrivano i vostri - 21/02/2020

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 21/02 (prima parte)

    Arrivano i vostri di ven 21/02 (prima parte)

    Arrivano i vostri - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 21/02 (seconda parte)

    Al telefono Michela Lugli per parlare della nuova sezione Anpi Audrey Hepburn, e Francesca Castelbarco per l'arrivo della nuova mappa…

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 21/02 (prima parte)

    Al telefono il professore e antropologo Mauro Van Aken per parlare di antropologia e rappresentazione del cambiamento climatico. (prima parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 21/02 (seconda parte)

    Nina Simone, Elza Soares, Achlle Lauro, Indie Re, Alanis Morisette, Andreson Paak (seconda parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 21/02 (prima parte)

    Nina Simone, Elza Soares, Achlle Lauro, Indie Re, Alanis Morisette, Andreson Paak (prima parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 21/02

    Considera l'armadillo ven 21/02

    Considera l’armadillo - 21/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di ven 21/02

    Radio Session di ven 21/02

    Radio Session - 21/02/2020

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Giuseppe Costanza

    Quarto incontro del ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele Liguori.…

    Lezioni di antimafia - 21/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di ven 21/02

    Tazebao di ven 21/02

    Tazebao - 21/02/2020

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Giuseppe Costanza

    L’ospite della quarta lezione di antimafia è stato Giuseppe Costanza, autista personale del giudice Giovanni Falcone. Costanza era a bordo…

    Memos - 21/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 21/02

    Note dell'autore di ven 21/02

    Note dell’autore - 21/02/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 21/02 (seconda parte)

    Cult di ven 21/02 (seconda parte)

    Cult - 21/02/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 21/02 (prima parte)

    Cult di ven 21/02 (prima parte)

    Cult - 21/02/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 21/02

    C'e' Luce di ven 21/02

    C’è luce - 21/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 21/02

    Prisma di ven 21/02

    Prisma - 21/02/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 21/02 (seconda parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 21/02 (seconda parte)

    Il giorno delle locuste - 21/02/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 21/02 (prima parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 21/02 (prima parte)

    Il giorno delle locuste - 21/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Nel dubbio usiamo l’auricolare

Il 30 marzo scorso, ma si è appreso oggi, il tribunale di Ivrea ha condannato l’Inail a indennizzare il dipendente di un’azienda che per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezioni e al quale è stato diagnosticato un tumore benigno, che causa una sordità permanente dell’orecchio destro.

Il giudice del lavoro Luca Fadda ha riconosciuto che il tumore è stato causato dall’uso scorretto del cellulare. Finché la sentenza non viene pubblicata, non si può sapere come abbia fatto una scoperta che per ora nessuna ricerca scientifica è riuscita a fare.

Il problema per i ricercatori è che siamo a bagno in un mare di radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti. A dosi elevate possono essere decisamente nocive come i raggi ultravioletti o la radiazione infrarossa detta banalmente calore. Distinguere l’effetto sull’organismo delle radiofrequenze dei cellulari da quello di altri fattori ambientali e genetici è difficilissimo. Trasmettono un po’ di energia che le cellule assorbono, è vero, ma è molto inferiore a quella necessaria per danneggiare il nostro DNA.

Si sono fatti esperimenti sui ratti, ma non è chiaro se le lesioni cellulari fossero dovute alle radiofrequenze o al fatto che rimanessero legati per sei mesi a un cellulare, perché la differenza con il gruppo di controllo – altrettanti ratti legati a un cellulare vuoto – era minuscola.

Forse un giorno si scoprirà che certe radiofrequenze sono dannose per certe persone e non per altre, com’è successo con il fumo o con l’amianto. Nel frattempo, se proprio dobbiamo stare delle ore al telefono ogni giorno, possiamo usare l’auricolare e stare più tranquilli.

  • Autore articolo
    Sylvie Coyaud
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni