Approfondimenti

Mottarone, il reportage da Stresa a un anno dalla tragedia

Stresa - funivia del Mottarone

È passato da poco mezzogiorno quando la voce del parroco di Stresa scandisce i nomi di quattordici persone in vetta al monte Mottarone. A pochi metri, c’è la stazione d’arrivo della funivia. In quegli stessi momenti, un anno prima, la cabina numero 3, quasi al termine della salita, improvvisamente prendeva velocità verso valle. Precipitava per quasi duecento metri, prima di cadere sul fianco della montagna e lasciare a terra quattordici persone. Le stesse di cui oggi, un anno dopo, sul Mottarone, vengono ricordati i nomi e vengono commemorate le morti.
La montagna in auto è lontana più di venti chilometri dal paese di Stresa. La funivia la rendeva raggiungibile in pochi minuti, ma ora è sotto sequestro. Al lido di Carciano, in riva al lago Maggiore, l’ingresso è sigillato dal giorno della strage. Delle buste aperte, con dei brevi messaggi, preghiere laiche per le vittime, sono infilate nelle fessure della porta d’ingresso. Un mazzetto di fiori è stato legato da qualcuno alla maniglia. Oltre a questi piccoli segni e alle locandine dei giornali fuori dalle edicole, in paese non si ritrova altro che un anno dopo ricordi agli stresiani l’anniversario e le commemorazioni. Provando a chiedere un ricordo di un anno fa a chi s’incontra fuori da un bar qualcuno dice che in dodici mesi sono successe tante altre tragedie, dalla guerra in giù, che quasi è difficile ricordare quella domenica 23 maggio 2021. Qualcun altro, invece, preferisce non dire niente e subito sembra in difficoltà a controllare le emozioni. Le parole degli esercenti di una libreria ricordano come la distanza fisica dal luogo della tragedia rendesse frammentarie le informazioni anche in paese.

Le persone indagate più conosciute a Stresa sono Luigi Nerini, il titolare della società che gestiva la funivia e il caposervizio Gabriele Tadini. In interrogatorio, Tadini aveva detto di aver manomesso il sistema di sicurezza della funivia per ovviare a un’avaria senza dover tenere fermo l’impianto. È stato agli arresti domiciliari finché non sono scaduti i termini della misura cautelare, ora è in libertà.
Le indagini ancora devono concludersi e non è certo che termineranno a breve, com’è previsto, in estate. Anche per questo è risuonata forte la richiesta di giustizia alle commemorazioni sul Mottarone. Sul luogo dov’è precipitata la cabina della funivia, nel bosco della montagna, è stata svelata una stele. Un piccolo monumento in ferro battuto, molto semplice. Anche qui ritornano i nomi dei quattordici morti. Ad assistere allo svelamento e a partecipare alla messa in vetta c’erano alcuni familiari delle vittime. A loro è andato il pensiero della procuratrice di Verbania Olimpia Bossi, la persona incaricata di fare avanzare le indagini.

In vetta al Mottarone, il silenzio e il senso di abbandono dominano lo scenario vicino alla stazione della funivia. Il piazzale diventa deserto pochi minuti dopo la fine della messa, l’albergo lì di fronte sta per chiudere definitivamente dopo un secolo di attività. A voler dare voce a quel silenzio, è la signora Teresa Pelaggi che sulla cabina numero 3 della funivia, un anno fa, ha perso la figlia, il genero e il nipote di 5 anni.

 

 

Luca Parena
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta