Approfondimenti

Elie Wiesel, messaggero dell’umanità

“Se sono sopravvissuto, dev’esserci stata una ragione”. Lo ha detto una volta, in un’intervista, Elie Wiesel, e la frase rende molto bene il senso di ciò che questo scrittore ha fatto tutta la vita. E cioè testimoniare, preservare la memoria, tenere vivo il ricordo di quanto successe a lui e ad altri milioni di ebrei.

Wiesel nasce a Sighet, in Romania. E’ appena adolescente quando l’Ungheria occupa la sua città. Prima vive l’esperienza del ghetto, poi il trasferimento, con il padre, ad Auschwitz. Il padre di Wiesel viene ucciso dai nazisti durante un altro trasferimento, a Buchenwald. La madre e la sorella muoiono nelle camere a gas. Il giovane Elie sopravvive. Si trasferisce prima a Parigi, dove comincia a scrivere per giornali francesi e israeliani. Poi, nel 1955, c’è l’arrivo negli Stati Uniti, dove Wiesel vive per il resto della sua vita.

Nel 1960, proprio negli Stati Uniti, lo scrittore pubblica “La notte”, resoconto autobiografico degli orrori sperimentati nel lager e, al tempo stesso, racconto del senso di colpa provato da Wiesel, come da molti altri ebrei, per il fatto di essere sopravvissuto; e riflessione sui dubbi, i tormenti di fronte a un dio che ha permesso una tale atrocità. Il libro ha un impatto straordinario negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Wiesel infatti racconta, rende esplicito quello che fino a quel momento molti sopravvissuti avevano tenuto per se’, evitato di raccontare, per vergogna, disperazione, paura di non essere creduti. Da allora, per 50 anni, con i suoi libri, interviste, interventi pubblici, Wiesel ha fatto soprattutto questo: il testimone delle atrocità subite, il “messaggero dell’umanità”, come è scritto nella motivazione del premio Nobel per la pace, che gli è stato assegnato nel 1986.

Wiesel ha levato la sua voce ogni volta che sono scoppiate nuove atrocità, persecuzioni, violenze. Ha condannato i bombardamenti Nato nell’ex-Yugoslavia. Si è battuto per il Darfur, per i diritti del popolo armeno, contro le violazioni dei diritti in Sud Africa e Argentina. Nel 2012, per protesta contro la china autoritaria e negazionista assunta dal governo ungherese, Wiesel ha restituito una medaglia che proprio l’Ungheria gli aveva attribuito. Per 50 anni, Elie Wiesel c’è stato, ovunque uomini e donne siano stati perseguitati, per la loro religione, appartenenza etnica, visioni politiche. Perché, come ha detto una volta, “Dobbiamo sempre prendere posizione. La neutralità aiuta l’oppressore, mai la vittima. Il silenzio incoraggia chi tormenta, non il tormentato”.

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 25/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 25/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 25/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 25/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 25/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 24/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/06/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 24/06/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 25/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 24/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 25/06/2022

  • PlayStop

    Luca Crovi e Peppo Bianchessi, Il libro segreto di Long John Silver

    LUCA CROVI, PEPPO BIANCHESSI – IL LIBRO SEGRETO DI LONG JOHN SILVER – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/06/2022

Adesso in diretta