Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 19/02 delle ore 19:31

    GR di mer 19/02 delle ore 19:31

    Giornale Radio - 19/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 19/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 19/02 delle 19:47

    Metroregione di mer 19/02 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mer 19/02

    1-Intelligenza artificiale. Nel suo libro bianco l’unione europea chiede norme obbligatorie. Il riconoscimento facciale è tra i sistemi ad alto…

    Esteri - 19/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 19/02

    Ora di punta di mer 19/02

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 19/02 (seconda parte)

    Malos di mer 19/02 (seconda parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 19/02 (prima parte)

    Malos di mer 19/02 (prima parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 19/02 (seconda parte)

    Due di due di mer 19/02 (seconda parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 19/02 (prima parte)

    Due di due di mer 19/02 (prima parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 19/02 (seconda parte)

    Jack di mer 19/02 (seconda parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 19/02 (prima parte)

    Jack di mer 19/02 (prima parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 19/02

    Considera l'armadillo mer 19/02

    Considera l’armadillo - 19/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 19-02-20

    a cura di Giordano Casiraghi, con Barbara Volpi.

    Radio Session - 19/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mer 19/02

    Tazebao di mer 19/02

    Tazebao - 19/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 19/02

    Quante “Italie” ci sono in Italia? E quali sono le differenze tra loro? E se quelle differenze sono dei veri…

    Memos - 19/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore 19/02/20

    MARCO PASTONESI - IL MIO CALCIO LIBERO - presentato da MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 19/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, cimitero monumentale, carla de bernardi, passeggiata con quiz, tiziana ricci, indifesa, contro la violenza…

    Cult - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 19/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, cimitero monumentale, carla de bernardi, passeggiata con quiz, tiziana ricci, indifesa, contro la violenza…

    Cult - 19/02/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 19/02

    Il profilo di Socrates e la Democrazia Corintiana, la squalifica del Manchester City dalla Champions League, rubrici libri e sport…

    Barrilete Cosmico - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (terza parte)

    Prisma di mer 19/02 (terza parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (seconda parte)

    Prisma di mer 19/02 (seconda parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (prima parte)

    Prisma di mer 19/02 (prima parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/02

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/02

    Rassegna stampa internazionale - 19/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Johan Cruyff, calciatore e liberatore

Sulla maglia Johan Cruyff portava il 14. Chi non mastica di calcio deve sapere che prima di lui ogni numero aveva un ruolo: il 5 era lo stopper, il 9 il centravanti e il 10 il regista. Scegliere il 14 significava sancire l’assoluta e rivoluzionaria diversità di un modo di concepire il calcio. Era il manifesto dell’Olanda del “calcio totale” dove tutti facevano tutto. Nessuna cifra sulla maglia, proprio come nessuno schema era in grado di imbrigliarlo. Ma Cruyff, come insegna la sua storia di calciatore e allenatore a Barcellona, era un marziano anche fuori dal campo di calcio.

Figlio del popolo, fu tesserato dal club ebraico di Amsterdam dove arrivò piccolo assieme alla mamma, che ci andò a lavorare come lavandaia. Cruyff a Barcellona divenne lo straniero che la liberò dall’atmosfera della dittatura franchista. Quando sbarcò in città nel 1973, il livore antifranchista era sì poderoso e diffuso, ma represso. Con lui si esplicitò.

E questo gli è riconosciuto a tal punto che, pur essendo uno straniero, è diventato, per Barcellona, essenza dell’identità cittadina quanto la Sagrada Familia. Il Barça non era la squadra stratosferica di oggi: quando Cruyff debuttò era penultimo in classifica. Con lui il Barca vinse il titolo della Liga dopo 14 anni di astinenza, non succedeva dai tempi di Helenio Herrera, Suarez e Kubala. Lo 0-5 con cui la squadra da lui ispirata, il 16 febbraio del ’74, umiliò il Real Madrid al Santiago Bernabeu davanti a centomila increduli madrilisti, gli fece definitivamente capire che da quelle parti il calcio non era uno sport, ma un affare politico. E lui non era solo un calciatore, ma un liberatore.

Per capire che non è una esagerazione basta ricordare che Cruyff decise di chiamare suo figlio Jordi, in onore alla Catalogna. E siccome i nati a Barcellona, sotto la dittatura di Franco, non potevano essere chiamati con nomi catalani, decise di far nascere Jordi ad Amsterdam. Tra i suoi dribbling vincenti, uno dei più affascinanti…

  • Autore articolo
    Claudio Agostoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni