Approfondimenti

Giorgio Albertazzi, l’ultimo sipario

Giorgio Albertazzi è morto nella sua casa in Toscana all’età di 92 anni, per un problema cardiaco.

Imperatore della scena o mattatore esorbitante? Seduttore per natura eppure capace di impallidire in scena per il dolore. Repubblichino mai pentito ma a fianco della sinistra nelle battaglie sociali. Inguaribilmente italiano ma insignito di riconoscimenti per avere recitato Shakespeare in Inghilterra.
E si potrebbe andare avanti a lungo di questo passo.

Sarebbe facile scegliere una delle molte etichette per incollare questo protagonista del nostro tempo nell’album dedicato al Secolo Breve. Ma non sarebbe onesto e nemmeno funzionale: quello che lo rende un grande era proprio la sua scarsa disponibilità a essere semplificato.

Un percorso lungo e pieno di colpi di scena, quello di Giorgio Albertazzi: dagli esordi con Visconti, che forse si era invaghito di lui, ai film e agli sceneggiati della neonata TV italiana, alle grandi produzioni con la regia di Zeffirelli e Squarzina, al sodalizio professionale e privato con un’altra mattatrice, Anna Proclemer, al teatro nelle fabbriche e nelle scuole, all’esperienza della regia e della direzione del Teatro di Roma, per approdare alle letture di Dante e alle lezioni di teatro con Dario Fo, di nuovo in TV, dove si era permesso anche un’incursione nel sabato sera di “Ballando sotto le stelle.”

La politica fu altra costante della vita di Albertazzi. A partire da quella adesione convinta e mai rimpianta alla Repubblica Sociale Italiana e al brutto episodio che lo vide partecipare a una fucilazione poco prima della Liberazione. Seguirono poi sporadiche esperienze con il centrodestra, sempre vanificate dalla acuta capacità di distinguere cose e persone, che faceva di Albertazzi un uomo troppo intelligente per essere qualificato come un politico.

Tuttavia, Albertazzi ebbe spesso modo di far notare come molte cose lo legassero al pensiero di sinistra: dall’anticlericalismo alle lotte per i lavoratori, dalla cultura come strumento da mettere a disposizione di tutti alle battaglie per i diritti civili con i radicali, oltre all’amicizia con artisti e intellettuali comunisti, come Squarzina, Visconti, la stessa Proclemer.

Giorgio Albertazzi, infine, è morto coerentemente a quanto aveva spesso affermato in vita: da non credente, come Kafka.

  • Autore articolo
    Ira Rubini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 29/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 30/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 19:47

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 30/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 29/10/20

    Rotoclassica di gio 29/10/20

    Rotoclassica - 30/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 29/10/20

    A casa con voi di gio 29/10/20

    A casa con voi - 30/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 29/10/20

    1-Attentato islamista a Nizza. 3 persone uccise nei pressi della cattedrale Notre dame...“ è la Francia che è sotto attacco…

    Esteri - 30/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 29/10/20

    Ora di punta di gio 29/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 30/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 29/10/20

    Uno di Due di gio 29/10/20

    1D2 - 30/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 29/10/20

    Considera l'armadillo gio 29/10/20

    Considera l’armadillo - 30/10/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 29/10/20

    Intervista a Francesco Bianconi a cura di Margherita De Valle

    Jack - 30/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 29/10/20

    Spazio Musica, Rino Gaetano, Marracash, The Who, Nirvana, Billie Eilish, Jamiroquai, The Pogues, Sting, Arctic Monkeys

    Stay human - 30/10/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 29/10/20

    L’ospite di oggi è un grande studioso della contemporaneità, uno dei principali rappresentanti dell’antropologia culturale. E’ il professor Arjun Appadurai…

    Memos - 30/10/2020

  • PlayStop

    Luca Martinelli, L'Italia è bella dentro

    LUCA MARTINELLI - L'ITALIA E' BELLA DENTRO - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 30/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 28/10/20

    Jazz Ahead 97 - Playlist: 1. Billete, Aquiles Navarro and Thceser Holmes, Heritage of the Invisible II, International Anthem, 2020..2.…

    Jazz Ahead - 30/10/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 29/10/20

    ira rubini, cult, lionello cerri, anteo spazio cinema, barbara sorrentini, cinema chiusi, daniele tyerzoli, trieste science fiction festival 2020, alexander…

    Cult - 30/10/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 29/10/20

    Rispondiamo alle domande che sono arrivate; cerchiamo di capire perché molte volte l’app immuni e le strutture che sono intorno…

    37 e 2 - 30/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 29/10/20

    Prisma di gio 29/10/20

    Prisma - 30/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 29/10/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 29/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 30/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 29/10/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 29/10/20

    Il demone del tardi - 30/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto - 30/10/2020

Adesso in diretta