Approfondimenti

Morte alla ricerca della giada

Almeno novanta persone sono morte in una frana nello stato settentrionale di Kachin, a Myanmar.

Le vittime rovistavano tra i cumuli di macerie delle miniere di giada di Hpakant, quando si è verificato lo smottamento.

Global New Light, da Myanmar, afferma che “ancora molti mancano all’appello”.

I soccorritori domenica mattina stavano scavando tra le macerie, alla ricerca di sopravvissuti.

E’ abitudine diffusa tra i più poveri di queste zone arrampicarsi sulle montagne di scarti di lavorazione della giada, alla ricerca di frammenti del prezioso minerale da rivendere. Macerie e rifiuti sono ammassati nella zona dalle scavatrici che lavorano nelle miniere.

Decine di baracche sarebbero rimaste sepolte e si teme che all’interno di queste abitazioni si possano trovare altri corpi senza vita.

Myanmar è il luogo più importante al mondo per l’estrazione della giada, un minerale dal colore verde che è particolarmente apprezzato e lavorato in Cina.

A Hpakant si raccolgono migliaia di disperati, richiamati da tutto il Paese dal sogno di ricchezza associato alla giada. In realtà, molti di questi rimangono prigionieri degli abusi e delle violenze delle società di estrazione della giada, controllate dai membri dell’ex-giunta militare.

Frequenti sono gli incidenti, o la confisca di terreni, in quest’area del Paese che è stata devastata dalle operazioni di estrazione. Molti dei lavoratori che operano nell’industria della giada sono poi vittime dell’uso di eroina e di anfetamine.

L’industria di estrazione della giada, ufficialmente, produce un volume di affari pari a 3,4 miliardi di dollari. In realtà gli introiti, in un commercio spesso segreto e che sfugge ad ogni controllo, sarebbero secondo Global Witness dieci volte più alti, pari a 31 miliardi di dollari, la metà del prodotto interno lordo di Myanmar.

“Le operazioni di estrazione su larga scala larga scala controllate dalle famiglie dei militari, dai loro amici e dai signori della guerra hanno reso Hpakant una terra devastata e terribile dove gli abitanti locali sono letteralmente soffocati”, ha detto Mike Davis di Global Witness, che chiede che l’industria della giada venga assoggettata alle regole di trasparenza e rispetto dei diritti della Extractive Industries Transparency Initiative (EITI).

Ascolta la testimonianza da Bankgok del nostro collaboratore Stefano Vecchia

Stefano Vecchia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/06/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 01/07/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 07/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 30/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/07/2022

  • PlayStop

    Chassis di giovedì 30/06/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 01/07/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/06/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 01/07/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 30/06/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 01/07/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 25/06/2022

    Speciale AGENDA BRASIL - Festival Internazionale di Cinema Brasiliano 2022 alla sua nona edizione milanese dal 6 all'8 luglio. Ospiti…

    Avenida Brasil - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 30/06/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 30/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 30/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/07/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/06/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/06/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 30/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/07/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/06/2022

    Jazz Ahead 179 - Playlist: 1. Earthlings, Anteloper, Pink Dolphins, International Anthem, 2022 2. Delfin Rosado, Anteloper, Pink Dolphins, International…

    Jazz Ahead - 29/06/2022

  • PlayStop

    Raul Montanari, Il Cristo zen

    RAUL MONTANARI – IL CRISTO ZEN – presentato da SANDRO GILIOLI

    Note dell’autore - 01/07/2022

  • PlayStop

    Frigoriferi in bolla

    quando gli ascoltatori danno prova di grande sapienza domestica, salutiamo Gilberto Dindini della Cedola e continuiamo a tenere una sciarpa…

    Poveri ma belli - 01/07/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 12:50

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 01/07/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/06/2022

    A Bari “Lungomare di libri” in collaborazione col Salone del Libro di Torino, “Timpani”il laboratorio di ascolto musicale di “Welcome…

    Cult - 01/07/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 30/06/2022

    IL VERTICE NATO SACRIFICA I CURDI. Orietta Moscatelli analista della rivista di geopolitica Limes, Eddi Marcucci attivista e combattente con…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 01/07/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 30/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 01/07/2022

Adesso in diretta