Approfondimenti

Monopattini elettrici, la soluzione è la “città a 30 all’ora”

Monopattini elettrici

Nella puntata di lunedì 21 settembre Prisma ha ospitato l’ingegnere dei trasporti e amministratore delegato di Polinomia Alfredo Drufuca per tornare sulla questione dei monopattini elettrici. Una tematica spinosa quella della convivenza tra tutte le diverse modalità di trasporto in una città come Milano. Auto, biciclette, monopattini e pedoni, che sono poi i soggetti più deboli in tutta questa catena. Si è partiti da un dato: quello dei 150 incidenti con monopattini da giugno a settembre nella sola città di Milano. Sinistri a cui vanno aggiunti quelli fatti con le automobili, che sono stati 455. Intervista di Lorenza Ghedini e Roberto Maggioni.

Ingegner Drufuca quali sono, secondo lei, gli interventi che servono per muoversi tutti in sicurezza?

Allora devo innanzitutto dire che sono ben contento che si parli di sicurezza sulle strade perché adesso con la storia dei monopattini il tema risulta emergenziale. Di emergenziale in realtà non c’è nulla. Se il monopattino ha 1 ferito al giorno il dato non è poi così grave. Viviamo in una città che di feriti, in tema di mobilità, ne fa almeno 30 al giorno e siamo migliorati. Quindi, non è che prima dell’avvento dei monopattini elettrici vivessimo in una città dei sogni. No, facevamo lo stesso incidenti e ancora il numero dei morti, in un anno, è vicino ai 50. Non vivevamo, dunque, nell’Eden della sicurezza stradale. Questa è la doverosa premessa. Benissimo che si parli di problemi legati alla circolazione dei monopattini elettrici, che necessariamente ci sono. Ma è giunto, anche, il momento di cominciare a parlare della sicurezza in generale. Perché nella statistica dei 151 incidenti con monopattino e dei 455 con auto, ci sono pure i 260 feriti tra i pedoni e i 230 tra i ciclisti nello stesso periodo. E si tratta delle due categorie più “incolpevoli” in questa catena di “civile massacro” reciproco. Quindi abbiamo ancora un problema molto grave di sicurezza nella mobilità cittadina.

La soluzione? Allora sicuramente esiste un problema specifico legato al mezzo monopattino. Non ci sono dubbi. Effettivamente per come lo vediamo circolare in città si capisce che è un mezzo, al momento, privo di regole. Questo perché il monopattino è un mezzo a metà, nella facilità d’uso, tra l’andare a piedi e usare un veicolo in senso proprio. Le norme sono arrivate in ritardo e c’è sicuramente bisogno di un’educazione all’uso di questo mezzo. C’è poi un problema legato alla normativa. In Italia il monopattino è stato ammesso con una velocità massima che, a mio avviso, è eccessiva: 25 km/h sono molto di più di quello che normalmente fa un ciclista in città, che si muove a 18 km/h come media. Questo problema non è solo italiano però, ma coinvolge anche altri paesi. Abbiamo quindi introdotto un veicolo che ha aumentato il disordine in città. La Svizzera, ad esempio, forse meno sotto pressione rispetto alle aziende che producono questi mezzi, ha adottato una velocità massima più bassa: 20 km/h. Adesso ci si aspetta che siano i Comuni con la potestà sindacale a risolvere questo “errore” normativo e a ridurre la velocità di questi veicoli. Detto questo l’avvento del monopattino, come dicevo all’inizio, deve porre nei confronti di tutti i mezzi una questione di sicurezza. A nulla serve una campagna d’odio esclusivamente rivolta al monopattino. È necessaria da parte di tutti gli utenti del suolo pubblico una moderazione dei propri comportamenti.

Quindi professore quali provvedimenti, oltre alla riduzione della velocità massima, lei ritiene necessari?

Abbassare la velocità è una questione primaria, ma non solo per i monopattini elettrici ma per tutti i mezzi meccanizzati che circolano nelle nostre città. Le cosiddette “città a 30 all’ora” sono il primo tassello per una ri-civilizzazione delle nostre strade. I 50 km/h sono ormai una velocità incompatibile con la sicurezza e l’uso promiscuo dello spazio pubblico. Non è più una velocità che consente a un pedone di stare vicino a un mezzo meccanizzato che pesa una tonnellata. Si tratta di un problema fisico: dobbiamo tutti andare più piano nelle città perché le città sono un luogo dell’uso promiscuo dello spazio. Naturalmente potranno essere sottratte da questa regola alcune grandi arterie cittadine, per carità. Non si parla di 30 all’ora in tangenziale. Ma nei centri cittadini, dove ci sono pedoni che circolano, soprattutto anziani, i bambini, i ciclisti, i monopattinisti, la velocità delle auto non può essere quella che è stata finora. In attesa che poi le auto diventino automatiche.

Noi, adesso, abbiamo una grossa novità normativa che io spero non ingeneri altre levate di scudi, anche se l’Aci si è già mossa in tal senso per una battaglia di retroguardia. In ambito urbano sarà possibile reinstallare le telecamere di controllo della velocità. Cosa che, incredibilmente, era vietata fino all’ultimo Decreto “rilancio” approvato nei giorni scorsi. Tutto il mondo va in questo senso ormai ed è giunta l’ora di smettere di ammazzare le persone per nulla. Non ha nessun senso rischiare di morire perché si va a fare la spesa o si accompagna un bambino a scuola o si va a lavorare. Che senso ha? Nessuno.

(dal minuto 52’30” del podcast)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 16/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 15/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 15/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 16/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 15/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 16/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 15/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 15/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 15/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 16/05/2022

Adesso in diretta