Approfondimenti

Mondiali e comunicazione. La puntata di Guarda che Lune di lunedì 21 novembre

I Mondiali di calcio maschile in Qatar. Un’operazione business oriented, condita da discriminazioni sessuali, violenza legale, mancanza di democrazia… ma ci muoviamo su un territorio nuovo non solo perché sono i primi Mondiali in Medio oriente. Parliamo di marchi e comunicazione? Che dire dello sponsor dei mondiali, la birra Budweiser, cui viene detto a 48 ore dal match inaugurale che la birra non si può vendere negli stadi? Sulle prime il marchio reagisce con imbarazzo: “awkward”, scrive su Twitter. Poi deve cancellare, anche perché è sponsor pure dei prossimi mondiali negli Stati Uniti e insomma gli affari sono affari. Ma ci sono anche gli anti-sponsor. Anche questi mai visti. Per esempio la birra Brewdog che ha lanciato una campagna di affissioni pubbliche davvero notevole (donando i profitti durante il torneo a enti di beneficenza sui diritti umani). Poi c’è l’inedito assoluto della conferenza stampa tenuta dal presidente della Fifa Gianni Infantino che ha respinto le critiche ai mondiali in Qatar con un argomento quasi inedito: l’occidente, dice, non può ergersi a giudice sui diritti umani, perché se mettessimo insieme tutte le atrocità che ha realizzato negli ultimi tremila anni impiegheremmo altri tremila a espiare. Certamente strumentali da parte del titolare di un business colossale ma comunque dice il vero. Non solo sul passatoi. E colpisce la facilità con cui si può presentare questo conto sul palcoscenico della comunicazione globale senza scandalizzare più di tanto. Dunque, la condanna al business monarchico qatariota è sacrosanta, però forse con un po’ meno spocchia e assenza di dubbi su noi stessi. La manovra economica è alla resa dei conti. È stato annunciato l’abbattimento dell’iva su pane, latte e pasta, ma varrebbe solo 22 euro in un anno per le famiglie. Ogni risparmio è un aiuto, ma è evidente che se è così dal governo arrivano briciole. Oppure proposte sempre discriminanti per qualcuno come i 20mila euro di bonus per chi si sposa ma solo in chiesa (copyright Lega). Poi c’è la Amazon tax che in realtà colpirebbe le società di consegna dei pacchi, ossia spesso delle piccole imprese o delle partite Iva. In questa stagione le tasse sono un po’ una magic box, una sorpresa dentro l’altra. Bezos stesso, nel frattempo, ha annunciato di voler donare parte del suo patrimonio per l’ambiente. Mercoledì scorso qualcuno ha comprato una pagina sul Sole 24ore per rivolgersi proprio al proprietario di Amazon così: “Mi permetto di chiederle di annullare il licenziamento di 10.000 persone, pensando prima all’uomo e poi al pianeta”. Come ha fatto notare l’economista Picketty, Bezos potrebbe in realtà versare i soldi nelle sue fondazioni dicendo che andranno per l’ambiente per sottrarli proprio al fisco. Il festival dei pubblicitari italiani si è intitolato quest’anno la rivoluzione della gentilezza. E lì qualcuno si è proprio arrabbiato: dei talenti – si suppone giovani – del mondo della comunicazione hanno realizzato quella che hanno definito “gentilissima rivolta”, disseminando nei dintorni del festival degli stencil per denunciare lo sfruttamento, l’assenza di regole, la precarietà che dominano il mondo della comunicazione. I testi dicono: “Scusate ma davvero servono 15 mesi di stage per capire se assumerci?; “Sapete che in ferie non significa reperibili h24?” oppure “Piangere dopo gli insulti è umano, non troppo emotivo”. Gentilissima rivolta che è anche il titolo di una pagina instagram nella quale ogni giorno molti raccontano di condizioni di lavoro tossiche e capi che esaltano i 15 weekend di fila a lavorare. E sempre sul malinteso che ormai domina sul lavoro segnaliamo una campagna firmata da Open Job Metis sui giovani in cerca di lavoro che sottintende involontariamente anche nel suo titolo “la posizione da assumere” come intorno alla ricerca di lavoro dei ragazzi e delle ragazze si sia creato un immaginario il cui sottinteso è sempre nell’adattarsi, sghembi, storti, curvi, modificando se stessi, ripiegandosi e scomponendosi alla fine anche emotivamente: più che dei lavoratori, dei coltellini svizzeri. Problemi di comunicazione. Il caso del doppio suicidio, prima di un giovane attirato per un anno in una trappola di catfishing da un 64enne fintosi giovane modella e poi dello stesso millantatore online “stanato” nel suo paesino dalle Iene. Una storia terribile.
Il punto non è la colpa ma la capacità di dare un significato a quello che è successo. In un primo momento l’autore del servizio delle Iene osserva che il vero punto debole della storia sarebbe nel vuoto normativo: la società permette comportamenti che non dovrebbero essere consentiti. Poi prende posizione l’editore ossia PierSilvio Berlusconi che dice: “Non succeda più” ma dire basta a un certo tipo di giornalismo sarebbe come tornare indietro invece che andare avanti” e poi aggiunge, sintetizziamo, “è una questione di sensibilità personale e da editore dico che quella cosa lì non mi è piaciuta, bisogna tenere alto il livello di guardia”. Poi è intervenuto Davide Parenti, il creatore del programma, con una lunga lettera nella quale rivendica il suo giornalismo, e dice “Quello che facciamo può non piacere, è migliorabile, siamo esseri umani – ma, aggiunge – La nostra libertà di farlo non è negoziabile col gusto di una platea, per quanto ampia”. E però in altre parti della lettera dice “dovevamo capire chi avevamo davanti”, per quanto non specifichi come e quali altri comportamenti si sarebbero potuti attuare… oppure “cambieremo alcune modalità di approccio”, anche se non indica quali. E poi conferma “alzeremo il livello di guardia”.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 26/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 26/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 26/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

Adesso in diretta