Approfondimenti

Molenbeek, tagli ai servizi sociali anti radicalismo

Nel quartiere-comune di Molenbeek, diventato simbolo (suo malgrado) del terrorismo jihadista in Europa, il governo federale ha deciso di tagliare i fondi anti radicalismo. Un servizio pubblico di prevenzione al radicalismo di matrice jihadista che offre un accompagnamento psicologico e percorsi di reinserimento socio-professionale a giovani radicalizzati, potenziali foreign fighters o combattenti jihadisti di ritorno dalla Siria. Una decisione che ha fatto arrabbiare la giunta del comune di Molenbeek, già a corto di fondi da investire nel sociale.

Il sussidio era stato istituito subito dopo gli attentati che hanno colpito Parigi e Bruxelles nel 2015-16, e che avevano designato Molenbeek come la base logistica della cellula jihadista che ha colpito il cuore dell’Europa. Una cellula composta in gran parte da giovani cittadini belgi e francesi d’origine nordafricana, di ritorno dall’esperienza di combattimento in Siria in qualità di foreign fighters.

“Siamo estremamente preoccupati”, ha dichiarato la sindaca di Molenbeek Françoise Schepmans, sorpresa dalla notizia dei tagli, ai microfoni della televisione pubblica francofona Rtbf. “Noi come comune – ha aggiunto – non abbiamo i mezzi finanziari per sostenere questi servizi, il nostro appello va al governo federale affinché torni sui suoi passi, non possiamo solo affidarci a politiche repressive, abbiamo anche bisogno di prevenzione”.

I tagli riguardano diversi comuni ritenuti sensibili su tutto il territorio belga, per un totale di 1,5 milioni di euro. Nel solo comune di Molenbeek i tagli, per circa 150mila euro, dovrebbero dimezzare gli effettivi di un servizio composto da quattro assistenti sociali e che in un anno d’attività ha trattato circa 70 casi di giovani radicalizzati alla retorica jihadista.

“I tagli erano previsti da tempo”, si difende il ministro di ferro dell’Interno Jan Jambon, rappresentante dell’ala intransigente del governo federale di centrodestra e ideatore del cosiddetto “Piano canale” per un maggiore controllo, da parte delle forze di polizia, di quei comuni ritenuti a rischio. Già protagonista di numerose dichiarazioni che hanno infiammato il dibattito pubblico per le facili analogie fra cittadini di confessione musulmana e terroristi jihadisti, il ministro Jambon difende la propria decisione sostenendo che il sussidio era a termine e sarebbe durato un solo anno.

Eppure resta alto il livello d’allarme in Belgio, come in tutta Europa, per possibili attentati dei cosiddetti “lupi solitari”. Un fenomeno a più riprese denunciato dai servizi segreti di mezza Europa a causa del rientro dalla Siria di giovani foreign fighters o per mano d’improvvisati attentatori indottrinati dalla retorica jihadista.

  • Autore articolo
    Gabriele Annichiarico
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Viaggi&Miraggi

    L'agenzia Viaggi&Miraggi mette in palio un viaggio a Lanzarote per 2 persone, il nostro primo premio. Al1 e Disma hanno…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di venerdì 27/05/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 28/05/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/05/2022

    Tommaso Toma ricorda Andy Fletcher, Intervista a Cathy Lucas ( Vanishing Twins)

    Jack - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ramen Remix

    quando il dj emergente Niccolò Guffanti presenta il nuovo remix di Noi siamo i Robot da lui stesso eseguito, poi…

    Poveri ma belli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 28/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 28/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 28/05/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/05/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 28/05/2022

Adesso in diretta