Approfondimenti

“Misure illegittime, intervenga Bruxelles”

Oggi il ministro dell’Interno austriaco Johanna Mikl-Leitner sarà a Roma per incontrare l’omologo italiano Alfano. All’ordine del giorno le misure annunciate da Vienna sulla frontiera del Brennero. Misure che, se verranno attuate, sarebbero un colpo mortale a Shenghen e alla libera circolazione prevista dai Trattati europei. Ma qual è la posizione del governo italiano? Ne abbiamo parlato con Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei, l’uomo che segue Renzi in tutte le trattative europee.

Sottosegretario Gozi, come valuta l’annuncio di Vienna di voler costruire una barriera al confine del Brennero?

A noi sembra che sia un intervento né legittimo, né necessario e proporzionale. Auspichiamo che la Commissione intervenga, ha già chiesto dei chiarimenti, auspichiamo che eserciti tutte le sue prerogative. Per noi la soluzione non sono le barriere e i muri.

In che senso non è proporzionale?

E’ una decisione assolutamente non giustificata alla luce dei dati sui flussi. Non c’è un aumento degli arrivi rispetto lo scorso anno. una decisione proporzionale: non si possono costruire muri e mandare soldati alle frontiere sulla base di semplici ipotesi di possibile aumento dei flussi.

Si tratta di una scelta illegittima dal punto di vista delle regole europee?

Non è legittima perché nello spazio Schenghen non si possono prendere decisioni unilaterali, bisogna lavorare insieme, d’intesa con i partner e con la Commissione europea. Ci sono molti elementi critici dal punto di vista della legittimità di queste annunciate misure e per questo auspichiamo un intervento della Commissione europea e del resto non vediamo come rinunciare a Shenghen possa aumentare in alcun modo la sicurezza. Quello che dobbiamo fare non è costruire muri tra noi paesi europei ma accelerare i negoziati per avviare il prima possibile la guardia costiera europea che l’Italia ha sempre chiesto e che va realizzata il prima possibile. Invece che impiegare le loro energie minacciando frontiere nazionali le usassero nel negoziato europeo per una politica comune efficace.

Più in generale, che segnale politico arriva da Vienna?

E’ un segnale negativo, un segnale di rinuncia all’Europa. Rinunciare a Shenghen significa rinunciare alla libertà, rinunciare all’Europa. Un prezzo altissimo per un risultato inconsistente. Non è così che si gestiscono i flussi migratori né se ne previene un eventuale aumento.

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 23/10/20 delle 19:49

    Metroregione di ven 23/10/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 24/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 24/10/20

    Mash-Up di sab 24/10/20

    Mash-Up - 24/10/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 23/10/20

    Doppia Acca di ven 23/10/20

    Doppia Acca - 24/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 23/10/20

    A casa con voi di ven 23/10/20

    A casa con voi - 24/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 23/10/20

    1-Covid e disuguaglianze: In Francia il virus circola di più nelle zone in cui la popolazione è precaria. Il caso…

    Esteri - 24/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 23/10/20

    Ora di punta di ven 23/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/10/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 23/10/20

    Follow Friday di ven 23/10/20

    Follow Friday - 24/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/10/20

    IPod, Lenny Kravitz, Britney Spears, Mtv EMA, Nuove Uscite, Lily Allen, Spandau Ballet

    Stay human - 24/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 23/10/20

    Uno di Due di ven 23/10/20

    1D2 - 24/10/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 23/10/20

    Intervista a Luciano Linzi per Jazzmi 2020

    Jack - 24/10/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 23/10/20

    Salute ed economia si possono tenere insieme nell’era della pandemia da Covid-19? E’ possibile tutelare la salute senza stravolgere il…

    Memos - 24/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 23/10/20

    Considera l'armadillo ven 23/10/20

    Considera l’armadillo - 24/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/10/20

    Stay Human di ven 23/10/20

    Stay human - 24/10/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    Con Gilda Amorosi, Responsabile delle Politiche per energia, clima e sostenibilità presso Eurelectric, parliamo dello studio recentemente pubblicato sugli aspetti…

    C’è luce - 24/10/2020

  • PlayStop

    Maurizio De Giovanni, Il concerto dei destini fragili

    MAURIZIO DE GIOVANNI - IL CONCERTO DEI DESTINI FRAGILI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 24/10/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 23/10/20

    Salute ed economia si possono tenere insieme nell’era della pandemia da Covid-19? E’ possibile tutelare la salute senza stravolgere il…

    Memos - 24/10/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 23/10/20

    ira rubini, cult, jasmine trinca, being my mom, sguardi altrove 2020, che storia!, fondazione feltrinelli, marco balzano, tiziana ricci, pensieri…

    Cult - 24/10/2020

  • PlayStop

    Maurizio De Giovanni, Il concerto dei destini fragili

    MAURIZIO DE GIOVANNI - IL CONCERTO DEI DESTINI FRAGILI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 24/10/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 23/10/20

    ira rubini, cult, jasmine trinca, being my mom, sguardi altrove 2020, che storia!, fondazione feltrinelli, marco balzano, tiziana ricci, pensieri…

    Cult - 24/10/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    C’è luce - 24/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 23/10/20

    Prisma di ven 23/10/20

    Prisma - 24/10/2020

Adesso in diretta