Approfondimenti

“Misure illegittime, intervenga Bruxelles”

Oggi il ministro dell’Interno austriaco Johanna Mikl-Leitner sarà a Roma per incontrare l’omologo italiano Alfano. All’ordine del giorno le misure annunciate da Vienna sulla frontiera del Brennero. Misure che, se verranno attuate, sarebbero un colpo mortale a Shenghen e alla libera circolazione prevista dai Trattati europei. Ma qual è la posizione del governo italiano? Ne abbiamo parlato con Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei, l’uomo che segue Renzi in tutte le trattative europee.

Sottosegretario Gozi, come valuta l’annuncio di Vienna di voler costruire una barriera al confine del Brennero?

A noi sembra che sia un intervento né legittimo, né necessario e proporzionale. Auspichiamo che la Commissione intervenga, ha già chiesto dei chiarimenti, auspichiamo che eserciti tutte le sue prerogative. Per noi la soluzione non sono le barriere e i muri.

In che senso non è proporzionale?

E’ una decisione assolutamente non giustificata alla luce dei dati sui flussi. Non c’è un aumento degli arrivi rispetto lo scorso anno. una decisione proporzionale: non si possono costruire muri e mandare soldati alle frontiere sulla base di semplici ipotesi di possibile aumento dei flussi.

Si tratta di una scelta illegittima dal punto di vista delle regole europee?

Non è legittima perché nello spazio Schenghen non si possono prendere decisioni unilaterali, bisogna lavorare insieme, d’intesa con i partner e con la Commissione europea. Ci sono molti elementi critici dal punto di vista della legittimità di queste annunciate misure e per questo auspichiamo un intervento della Commissione europea e del resto non vediamo come rinunciare a Shenghen possa aumentare in alcun modo la sicurezza. Quello che dobbiamo fare non è costruire muri tra noi paesi europei ma accelerare i negoziati per avviare il prima possibile la guardia costiera europea che l’Italia ha sempre chiesto e che va realizzata il prima possibile. Invece che impiegare le loro energie minacciando frontiere nazionali le usassero nel negoziato europeo per una politica comune efficace.

Più in generale, che segnale politico arriva da Vienna?

E’ un segnale negativo, un segnale di rinuncia all’Europa. Rinunciare a Shenghen significa rinunciare alla libertà, rinunciare all’Europa. Un prezzo altissimo per un risultato inconsistente. Non è così che si gestiscono i flussi migratori né se ne previene un eventuale aumento.

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 16/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 15/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 15/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 16/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 15/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 16/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 15/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 15/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 16/05/2022

Adesso in diretta