Approfondimenti

Chiude la società di calcio a 5

La società di calcio femminile Sporting Locri chiude. A causa di minacce e intimidazioni .

Nonostante i successi e una valanga di entusiasmo la squadra a di calcio a cinque della seria A femminile di Locri – unica realtà del genere in Calabria – si ritirerà dal campionato, sancendo così la fine della sua attività sportiva. Queste almeno sino a ora sono le decisioni del presidente della società, Ferdinando Armeni.

A provocare questa svolta sono state una serie di minacce di tipo mafioso al presidente Armeni, a sua figlia e a due dirigenti della società.

“È ora di chiudere questo Sporting Locri. Andate via!”, era una delle voci che perseguitava in queste settimane i dirigenti della società. Poi, il 23 dicembre, è arrivata l’ultima minaccia, ancora più netta: “Forse non siamo stati chiari. Lo Sporting Locri va chiuso”. Il biglietto intimidatorio è stato lasciato in pieno giorno sull’auto del presidente della società Armeni, parcheggiata nei pressi del suo negozio. Gli è stata forata anche una gomma della macchina.

Raggiungiamo per telefono a Locri il presidente della società. Il tono di Armeni è ovviamente teso, preoccupato. Dice di aver passato un pessimo Natale. “Quello che mi ha spinto definitivamente a prendere questa decisione (di chiudere la società, ndr) è la minaccia diretta anche a mia figlia di 3 anni e mezzo – racconta -. Il biglietto intimidatorio che mi hanno lasciato sull’auto faceva riferimento a lei. Lo hanno messo dalla parte posteriore dell’auto dove c’è il seggiolino per i bambini”. Tale riferimento suona come una minaccia: “Ma in questo posto chi si siede solitamente? “

Il biglietto intimidatorio lasciato sull'auto del presidente dello Sporting Locri
Il biglietto intimidatorio lasciato sull’auto del presidente dello Sporting Locri

“Le persone che ci minacciano sono infami, degli sciacalli”, sbotta Armeni. Gli chiediamo allora se si è fatto un’idea di chi e perché può avercela con la Sporting Locri: “Non lo so – risponde – non so contro chi dovrei combattere”.

Intanto la polizia ha aperto le indagini per cercare di capire se si tratta di balordi, piccola criminalità, oppure se c’è un legame con gli interessi della ‘ndrangheta.

La Sporting Locri ha intanto ricevuto la solidarietà delle istituzioni e delle altre squadre del campionato di serie A di calcio a cinque femminile.

Arturo Bova, presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta, andrà a Locri per incontrare il presidente Armeni e i dirigenti della società. Solidarietà da Anna Rita Leonardi, candidata sindaco del Pd a Platì, e da Rosaria Capacchione, giornalista anti camorra e senatrice dei democratici.

Parole di sostegno allo Sporting anche dal sindaco di Locri Giovanni Calabrese, il quale pur condividendo le preoccupazioni dei dirigenti e delle atlete ha chiesto di “soprassedere dall’idea di ritirare la squadra dal massimo campionato nazionale. Tale determinazione sarebbe un errore gravissimo ed andrebbe ad assecondare l’assurdo desiderio di qualche balordo”.

A chi gli chiede di non cedere e non chiudere la società, il presidente dello Sporting Locri Armeni risponde così: “Prima di tutto viene la sicurezza della mia famiglia, di mia figlia, delle ragazze (le calciatrici, ndr), dei dirigenti della società. Se un domani dovesse succedere loro qualcosa, non me lo perdonerei. Non posso rischiare”.

Gli chiediamo come stanno le calciatrici, dopo la sua decisione. La risposta è lapidaria: “Le ragazze sono a pezzi”. Cosa succederà ora? “Entro fine anno prenderò una decisione: o cedere la società (e non chiederei un euro) -precisa – oppure chiuderla definitivamente”.

Un caso dunque ancora aperto. La speranza di molti è che la società Sporting Locri, uno dei simboli di riscatto del territorio calabrese, continui a vivere e che questa bella storia, sportiva e sociale, prosegua. E i colpevoli delle minacce siano individuati rapidamente.

  • Autore articolo
    Piero Bosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

Adesso in diretta