Approfondimenti

Militari a Milano, nulla di nuovo

I militari di “strade sicure” a Milano ci sono dai tempi dei governi del centrodestra. Nell’estate del 2011 passarono da 650 a 300, decisione dell’allora ministro della Difesa Ignazio La Russa in polemica con il sindaco Giuliano Pisapia, che aveva chiesto più polizia e vigili urbani per compiti di sicurezza pubblica, e di destinare i militari ad altro. “Il governo dovrebbe prima di tutto pensare a reintegrare gli organici mancanti nelle forze dell’ordine”, diceva Pisapia a luglio 2011.

Nel 2015, con Expo, il numero dei militari impiegati nei pattugliamenti stradali in città tornò a 600, altrettanti ne vennero impiegati nel sito espositivo durante il semestre del grande evento.

Finita Expo, buona parte dei militari si è spostata a Roma per il Giubileo, almeno 300, i restanti sono rimasti a Milano. Sono le pattuglie miste visibili soprattutto in punti considerati sensibili e in alcune zone della movida.

Dai giorni della campagna elettorale, il sindaco Sala dice di rivolere a Milano i militari impiegati durante Expo. In tutta la città, non solo in via Padova.

Il tutto si è concretizzato a settembre con la firma del Patto per Milano. Lì è stata messa per iscritto la richiesta dell’amministrazione comunale condivisa dal governo. In attesa di poter far assumere al Comune nuovi vigili, “il governo sta lavorando a un potenziamento dell’operazione strade sicure” è scritto a pagina 9 del Patto.

Il Giubileo finirà il 20 novembre 2016, i militari potrebbero tornare a Milano dopo Natale. Quanti saranno è oggetto di trattativa con il ministero della Difesa, dice l’assessore alla sicurezza Carmela Rozza.

Ascolta l’intervista a Carmela Rozza:

rozza-militari-strade-sicuri

Non c’è nulla di nuovo nella dichiarazione odierna di Sala, se non l’aver ribadito quanto sottoscritto a settembre nel Patto per Milano. Sollecitato dai giornalisti sul caso dell’uccisione di un dominicano in piazzale Loreto, Sala ha anche detto che il tema della sicurezza c’è, ma “non è il punto centrale della città”.

Ascolta le dichiarazioni di Giuseppe Sala:

sala-militari-strade-sicure

In serata Sala è intervenuto anche a margine del consiglio comunale. “Non penso ai militari in via Padova. Penso che se Milano puo’ avere un po’ di militari dell’operazione Strade sicure, una volta liberati da Roma, è una cosa buona e giusta. Io sto parlando di esercito, di avere un po’ piu’ di militari – ha detto – dalla campagna elettorale. Mi e’ stato spiegato che non era possibile perchè c’era il Giubileo, che portava molti militari dell’operazione Strade sicure a Roma. Il Giubileo è finito e io reitero la mia richiesta”.

  • Autore articolo
    Roberto Maggioni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 16/05/2022

    1- Guerra in Ucraina. Dopo la Finlandia anche la Svezia chiederà di fare parte della Nato. Putin afferma che la…

    Esteri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 17/05/2022

Adesso in diretta