Approfondimenti

Milioni di persone al buio e senz’acqua in Ucraina, le ultime su quota 103, il ritorno dei voucher e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 23 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nuovo massiccio attacco alla rete energetica ucraina: secondo Kiev, Mosca ha lanciato 70 missili da crociera. L’inverno è già arrivato e con l’abbassarsi delle temperature la situazione umanitaria  nel Paese rischia di diventare drammatica. È in corso da poco, in una delle stanze del gruppo alla Camera dei deputati, l’incontro tra Angelo Bonelli, Nicola Fratoianni e Aboubakar Soumahoro, chiesto anche pubblicamente e con insistenza dai due leader dei due partiti che lo hanno candidato alle elezioni, presentandolo come un esponente simbolo della lotta allo sfruttamento dei migranti. “Cinquantamila vite perdute” è il titolo del rapporto pubblicato oggi dall’Organizzazione Mondiale per le Migrazioni.

Il sistema elettrico ucraino è vicino al collasso

In Ucraina c’è stato oggi un nuovo massiccio attacco alla rete energetica. Secondo Kiev, Mosca ha lanciato 70 missili da crociera. 51 sono stati intercettati. Il resto ha centrato le infrastrutture energetiche del paese. Nei raid di oggi ci sono state anche alcune vittime civili: tre persone sono morte nell’area di Kiev, un neonato è morto nel bombardamento di un ospedale a Zaporizha.Gli attacchi hanno causato blackout nelle maggiori città, tra cui Kiev e Leopoli. Tre centrali nucleari sono state scollegata dalla rete elettrica. “Il sistema elettrico è vicino al collasso”, hanno detto le autorità ucraine. Milioni di persone si trovano in queste ore al buio, senza acqua corrente e senza la possibilità di riscaldarsi. In Ucraina l’inverno è già arrivato. Con l’abbassarsi delle temperature, la situazione umanitaria rischia di diventare drammatica.
Irene Viti è un’operatrice della ong Soleterre. Si trova a Kiev. Siamo riusciti a metterci in contatto con lei, malgrado le difficoltà di connessione

Quota 103 potrebbe essere un’enorme presa per i fondelli per lavoratori e lavoratrici

(di Massimo Alberti)

Partiamo da un dato: la riforma Fornero è viva e vegeta, e con lei un età lavorativa troppo lunga ed assegni troppo bassi. La norma che ha creato centinaia di migliaia di esodati è ancora lì nonostante i proclami leghisti, cui da sinistra è stata lasciata la battaglia contro una legge profondamente ingiusta. Prima la toppa di quota 100, tanto penalizzante sull’assegno che in pochi, rispetto alle stime, l’hanno scelto. Poi fu quota 102, altra toppa per evitare scaloni, ovvero che chi doveva andare in pensione magari l’anno dopo, si ritrovasse di colpo altri 5 anni di lavoro. Nessuno pensava che in un mese il governo facesse una riforma complessiva delle pensioni, per cui l’ennesima toppa era scontata. Il problema è che la toppa fa acqua da tuta le parti. Già di per sé è un peggioramento ed un innalzamento dell’età pensionabile. La soluzione proposta, in realtà, non è chiara e potrebbe essere ancor più peggiorativa. Al momento infatti, senza testi, si parla di quota 103 che sarebbe tale se solo uno dei due parametri, età o contributi, fosse vincolante. 65 più 38, 61 più 42 e cosi vi. Se fossero invece vincolanti entrambi i parametri, almeno 41 di contributi, ed almeno 62 di età, vuol dire che chi oggi ne ha, poniamo, 64 ma con 48 di contributi, l’anno prossimo non potrebbe andare in pensione ma si ritroverebbe uno scalone di almeno 3 anni. E quindi quota 103 sarebbe una enorme presa per i fondelli a lavoratori e lavoratrici. Già penalizzate dalla revisione di opzione donna. Se prima era a 58 per tutte, ora per chi ha un solo figlio si alza a 59, a 60 per chi non ne ha. Altro che “il governo che abbassa l’età pensionabile”.

Bonelli e Fratoianni chiedono un chiarimento a Soumahoro

(di Anna Bredice)

È in corso da poco, in una delle stanze del gruppo alla Camera dei deputati, l’incontro tra Angelo Bonelli, Nicola Fratoianni e Aboubakar Soumahoro, chiesto anche pubblicamente e con insistenza dai due leader dei due partiti che lo hanno candidato alle elezioni, presentandolo come un esponente simbolo della lotta allo sfruttamento dei migranti. Vogliono da lui dei chiarimenti per una vicenda che in maniera molto evidente li mette a disagio, in imbarazzo perché tocca un tema che per entrambi fa parte delle battaglie politiche di questi anni, la lotta allo sfruttamento, per un salario dignitoso e un’accoglienza dignitosa. Ora la suocera di Soumahoro risulta ufficialmente indagata, lui no. Non c’è nessuna indagine a suo carico, ma la vicenda è politica e in qualche modo Bonelli e Fratoianni devono risolverla con un chiarimento. “C’è un problema nella gestione di tutto questa vicenda”, ha detto Fratoianni camminando nel pomeriggio in Transatlantico. Bonelli esclude una sospensione o espulsione dal gruppo, anche perché Soumahoro non appartiene a nessuno dei due partiti, è stato eletto come indipendente e per essere espulso dal gruppo in Parlamento la decisione non può essere presa solo dai due segretari dei partiti. Per una settimana hanno cercato Soumahoro senza riuscire a mettersi in contatto con lui. Oggi il deputato era lì a Montecitorio, entrava e usciva dall’aula, in quel lato del Transatlantico frequentato dai gruppi di sinistra. Sempre al telefono, oppure occupato nella lettura di alcuni fogli in mano, non ha parlato con nessuno. A pochi metri sono passati più volte anche Bonelli e Fratoianni, ma tra loro nessun saluto e nessuna parola, guardati a vista dai giornalisti che attendevano di capire il finale di questa storia. Una storia che imbarazza perché in qualche modo Bonelli e Fratoianni sanno che migliaia di elettori hanno votato Soumahoro per la sua storia, per quello che ha rappresentato. C’è un aspetto di garantismo posto soprattutto da quella parte politica, come Forza Italia, che è sempre stata garantista, ad esempio Enrico Costa, ex Forza Italia, che si lamenta del fatto che per tre giorni Soumahoro è stato messo sul banco degli imputati senza essere indagato, ma per Bonelli e Fratoianni, che hanno ben chiaro questo, la questione è strettamente politica e di credibilità futura dei due partiti e le loro battaglie future a favore dei migranti e della loro accoglienza in Italia.

Il ritorno dei voucher

(di Massimo Alberti)

Entrati dalla porta nel 2003, potenziati dal governo Renzi col Jobs Act, cancellati dal parlamento nel 2017 dopo che l’Inps evidenziò come fossero stati la più colossale operazione di copertura del lavoro nero, e dopo una battaglia della Cgil che stava per portare ad un referendum, anticipato stavolta dalla politica. I Voucher rientrano dalla finestra del governo Meloni, non solo nel lavoro domestico, ma in agricoltura hotel e ristoranti. Ora si chiamano Buoni Lavoro. Durante il governo Renzi, che li allargò ad ogni settore, si raggiunsero punte di decine di milioni di buoni, con un tetto posto a 7000 euro, un limite alle aziende con 5 dipendenti. Quello attuale è addirittura a 10000 e 10 dipendenti. Di fatto furono la nuova frontiera del precariato, Un’inchiesta proprio di Radio Popolare attraverso le voci dei lavoratori raccontò come le aziende ne abusavano: si retribuisce un’ora di lavoro col voucher poi si continua la giornata col nero. Dati confermati dall’Inps, che dopo un lungo studio arrivo alla conclusione che più che favorire l’emersione del nero, i voucher fossero il segnale di attività sommerse anche di dimensioni maggiori di quelle emerse. Oggi se le associazioni di imprenditori plaudono, chi lavora sul campo è furibondo.
Mirco Botteghi ne vede di cotte e di crude nel turismo a Rimini, dove lavora per la Ficalms Cgil. “Eravamo arrivati a 3,5 milioni di voucher, il che allontanava i lavoratori oltre coprire il nero: ti pago un’ora, ne facevi 8” racconta. D’accordo è Celeste Lo Giacco, sindacalista Flai con una lunga esperienza in un territorio difficile come la piana di Gioia Tauro. “I sistemi, precari di cui per altro si abusa, già ci sono: lavoro a chiamata, lavoro settimanale. Non ne serve un altro, chiosa Botteghi. E’ solo un modo per pagar meno”.

Il rapporto sulle 50mila vite perdute nelle migrazioni

(di Guglielmo Vespignani)

“Cinquantamila vite perdute”. Questo è il titolo del rapporto pubblicato oggi dall’Organizzazione Mondiale per le Migrazioni. Un documento che mostra al mondo i numeri di una tragedia quotidiana che avviene davanti ai nostri occhi, e per cui, sottolinea l’Oim, “i governi dei Paesi di origine, transito e destinazione hanno intrapreso troppe poche azioni”.
Un dato comunque incompleto, perché parla solo delle morti accertate. Oltre sedicimila, sulle circa ventiduemila totali, le probabili vittime aggiuntive nel solo nel Mar Mediterraneo, persone che scompaiono durante il loro viaggio verso l’Europa. L’Europa, appunto, la meta verso una vita migliore più ricercata dalle persone in movimento, che è allo stesso tempo la più letale: più di 25.000 le persone di cui la morte è stata accertata mentre cercavano di oltrepassare i confini esterni o interni del continente. Circa novemila vittime provenivano dai paesi africani. Oltre seimila, invece, le persone asiatiche che hanno perso la vita fuggendo dalla povertà e violenza che segnano i loro Paesi di origine: Siria, Afghanistan e Myanmar sono infatti le nazioni con più vittime registrate in assoluto.”Indipendentemente dalle ragioni che spingono le persone a spostarsi, nessuno merita di morire in cerca di una vita migliore” dice la coautrice del rapporto Julia Black. Questo l’obiettivo del documento, come dichiarano le conclusioni: evidenziare la necessità di dati ancora più approfonditi, per far emergere come i governi debbano assumersi la responsabilità di fermare questa tragedia.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 24/06 6:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 23/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 23/06/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 23-06-2024

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 23/06/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 23-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 23/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-06-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 23/06/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 23-06-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 23/06/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 23-06-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 23/06/2024

    A cura di Gianpiero Kesten In co-conduzione: Zeina Ayache, Gaia Grassi, Astrid Serughetti, Clarice Trombella Ospite fisso: Andrea Bellati La famiglia allargata di Di tutto un boh colonizza la domenica di Radio Popolare! Tra domande scientifiche e curiosità esistenziali (a cui dare risposte, naturalmente) tutti i membri della squadra porteranno ogni settimana il proprio contributo, un po’ come i pasticcini o, ancora meglio, gli avanzi da spartire la domenica, tra buoni amici. La missione divulgativa e di infotainment di Di tutto un boh vivrà e lotterà insieme a noi. Ma la domenica, si sa, è anche il giorno delle somme da tirare, dei buoni propositi e della condivisione. Anche tra le famiglie atipiche e allargatissime, come quella della squadra di Di tutto boh e del pubblico di Radio Popolare. Bohmenica In va in onda ogni domenica dalle 19 alle 21.

    Bohmenica In! - 23-06-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 23/06/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 23-06-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 23/06/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 23-06-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 23/06/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 23-06-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 23/06/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 23-06-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 23/06/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 23-06-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 23/06/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 23-06-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 23/06/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 23-06-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 23/06/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 23-06-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 23/06/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 23-06-2024

Adesso in diretta