Approfondimenti

Milano, 38 anni di consiglio comunale. Intervista a Basilio Rizzo

Basilio Rizzo

Basilio Rizzo, storico rappresentante della sinistra milanese, non si ricandiderà alle prossime elezioni comunali. A 38 anni di distanza dal suo ingresso nel consiglio comunale, Rizzo porterà avanti il proprio impegno in altre forme. Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni lo hanno intervistato oggi a Prisma.

Dopo 38 anni non ti ricandiderai. Ci vuoi raccontare le ragioni di questa tua scelta di non proseguire?

Io parteciperò alle prossime elezioni, non da candidato ma con lo stesso e forse superiore impegno affinché siano delle elezioni municipali che portino dei risultati positivi per la nostra città e dei contenuti che noi vogliamo per questa città. L’esperienza continua in forme diverse perché ritengo che sia giusto così. Se pensassi che le battaglie che ho condotto non potrebbero essere portate avanti, lo farei ancora. Mi pare però che ci sia la possibilità che altri, e tanti, possano proseguire sui quei contenuti e quei valori.

Con quale battaglia sei entrato in consiglio comunale 38 anni fa?

Ce ne sono due, paradossalmente ancora di moda: la centrale a carbone che si sarebbe dovuta fare a Tavazzano per portare, si diceva, “il calore nella nostra città”, e le vicende della Sogemi. Io facevo queste due cose e sono stato fortunato perché nel momento in cui si trattava di questioni che maneggiavo bene, anche per questione di studi, la prima impressione dei miei colleghi è stata buona. A quel tempo non si entrava in consiglio comunale da molto giovani, era la conclusione di una una certa attività politica. Io ero tra i più giovani. Non sono entrato da eletto diretto: quando Democrazia Proletaria ebbe successo anche a livello parlamentare, Guido Pollice andò a fare il senatore ed io entrai al suo posto.

Quanti sindaci hai conosciuto?

Faccio prima a nominarli che a contarli: Tognoli, Pillitteri, Borghini, Formentini, Albertini due volte, Moratti e poi Pisapia e Sala.

Qual è stato quello con cui hai dovuto incalzare di più?

Beh, un po’ tutti. Devo dire con sincerità di esser stato molto colpito dalla capacità di gestire l’aula del sindaco Tognoli. Lo continuo a considerare “il mio sindaco”, il mio primo sindaco che ricordo sempre con molta stima a rispetto anche se di battaglie ne ho dovute fare tante fin da subito, proprio a partire da quelle due questioni.
Però lo voglio dire, per i più giovani: era un altro consiglio comunale. A quel tempo il sindaco era anche il presidente dell’aula. Noi siamo abituati a sindaci che in consiglio comunale fanno delle comparsate e se ne vanno. Il sindaco Tognoli era in aula da quando iniziava la seduta e fino a quando si chiudeva, in tutti i consigli comunali. Io sogno che si torni a questo: il sindaco di Milano, chiunque esso sia, deve considerare il Consiglio comunale come il suo riferimento, non mandare i messaggi e pensare che quello sia il rapporto coi consiglieri. Questa è una critica che può accomunare tutti gli ultimi sindaci.

Cosa ci racconti dell’esperienza col sindaco Formentini?

Non voglio fare polemica politica molti anni dopo. Il sindaco Formentini fu eletto perché il sistema dei partiti tradizionali della sinistra aveva paura della soluzione Dalla Chiesa. Preferì una soluzione tranquillizzante, che non mettesse in discussione il ruolo dei partiti e il sistema consociativo che esisteva in quegli anni, e pensava che Formentini potesse essere meglio del cambio radicale che si sarebbe determinato con Dalla Chiesa sindaco. Io ho cominciato a vivere questo come una difesa miope da parte del sistema dei partiti contro delle prospettive di cambiamento reale e definitivo anche tra i voti a sinistra. Formentini aveva esperienza politica e aveva avuto un rapporto corretto con il consiglio comunale, ma era pur sempre un’espressione della Lega. Questa è la sostanza delle cose. Quando la Lega portò avanti delle scelte secessioniste, io portai avanti delle battaglie molto serie contro il sindaco Formentini. Riconosco però che fosse molto meglio dei suoi consiglieri e molto meglio di molti suoi assessori.

(Potete ascoltare l’intervista integrale a Basilio Rizzo a partire da 1:22:00)

Foto dalla pagina Facebook di Basilio Rizzo

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 08/12/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/08/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 07/12/21 delle 19:50

    Metroregione di mar 07/12/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 12/07/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Indie-Re di gio 09/12/21

    Indie-Re di gio 09/12/21

    Radio Muse Indie-re - 12/09/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 08/12/21

    Jazz Ahead di mer 08/12/21

    Jazz Ahead - 12/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 08/12/21

    News Della Notte di mer 08/12/21

    News della notte - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 08/12/21

    Gimme Shelter di mer 08/12/21

    Gimme Shelter - 12/08/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 08/12/21

    Il giusto clima di mer 08/12/21

    Il giusto clima - 12/08/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mer 08/12/21

    Conduzione Musicale di mer 08/12/21

    Conduzione musicale - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Apertura classica di mer 08/12/21

    Apertura classica di mer 08/12/21

    Apertura musicale classica - 12/08/2021

  • PlayStop

    Hexagone di mer 08/12/21

    Nella nuova puntata di Hexagone ci siamo lasciati trasportare dalla nostalgia fino negli indimenticabili anni 90, l'epoca della Mano Negra,…

    Hexagone - 12/08/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di mar 07/12/21

    Jailhouse Rock di mar 07/12/21

    Jailhouse Rock - 12/08/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 07/12/21

    News Della Notte di mar 07/12/21

    News della notte - 12/07/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mar 07/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mar 07/12/21

    Gli speciali - 12/07/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mar 07/12/21

    Edizione speciale di Muoviti, muoviti con Luca Gattuso e Davide Facchini sulla prima della Scala con collegamenti dalla piazza e…

    Gli speciali - 12/07/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 07/12/21

    Si parla con Sonny Richichi di IHP Onlus Italian Horse Protection, della situazione dei cavalli maltrattati, di sport equestri, di…

    Considera l’armadillo - 12/07/2021

Adesso in diretta