Approfondimenti

“Migrating Objects” debutta nella Collezione Peggy Guggenheim

Migrating Objects

Palazzo Venier dei Leoni a Venezia ospita fino al 14 giugno la mostra “Migrating Objects“, con opere provenienti dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe della collezione Peggy Guggenheim. È una mostra che mette in luce un aspetto meno conosciuto, ma importante e significativo, del collezionismo di Peggy Guggenheim, da sempre celebrata per le collezioni d’arte moderna europea e americana.

Peggy Guggenheim, però, nel corso degli anni ’50 e 60′ iniziò a guardare oltre i confini dell’Europa e degli Stati Uniti. Si interessò all’arte africana, a quella dell’Oceania e le culture indigene delle Americhe. “Migrating Objects” presenta al pubblico 35 opere che sono il frutto di un esteso periodo di ricerche e confronti da parte di un team di studiosi di cui fa parte anche Vivien Greene della Fondazione Guggenheim di New York, intervistata da Tiziana Ricci per Cult.

È la prima volta che questi 35 oggetti vengono presentati nel loro insieme alla Collezione Peggy Guggenheim. Per molto tempo sono rimasti nel deposito senza venir studiati in modo particolare. L’idea visionaria della mostra è stata della direttrice della Collezione Peggy Guggenheim, Karole P.B. Vail, che ha trovato il momento più adatto e importante per scoprire i gusti di Peggy Guggenheim che conosciamo bene per altre cose. Per il pubblico di oggi è una scoperta, non era molto noto che Peggy Guggenheim avesse questi gusti e avesse collezionato quegli oggetti.

Voi avete seguito due approcci per presentare queste opere. Da un lato avete mantenuto i contesti originali, dall’altro avete affiancato alcune di queste sculture ad opere di Picasso, Max Ernst e Henry Moore.

Sì, perchè gli artisti del Novecento hanno guardato a quelle opere e hanno anche un po’ rubato. L’idea era di far capire il significato e il contesto originale, perché sono stati realizzati questi oggetti e come venivano usati. E poi, da qui il titolo della mostra Migrating Objects, capire la loro migrazione legata a volte al colonialismo e altre volte al mercato. Questi oggetti sono arrivati fino a Parigi e a New York nei primi del ‘900, sono stati visti dagli artisti e sono diventati degli spunti importantissimi per lo sviluppo dell’arte moderna e l’arte astratta. Alla fine degli anni ’50 Peggy Guggenheim ha iniziato a collezionare questi oggetti.

Foto dalla pagina Facebook della Peggy Guggenheim Collection di Venezia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 28/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 28/01/21

    Fino alle otto di gio 28/01/21

    Fino alle otto - 28/01/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead - 28/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 28/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues - 28/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 27/01/21

    Uno di Due di mer 27/01/21

    1D2 - 28/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l’armadillo - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/01/21

    Jack di mer 27/01/21

    Jack - 28/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay human - 28/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 27/01/21

    Giorno della Memoria, 27 gennaio 1945 la liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Si ricordano le vittime della…

    Memos - 28/01/2021

Adesso in diretta