Approfondimenti

Il Recovery di Draghi: meno coesione e lavoro, più fondi per le aziende

Recovery Plan Draghi

Il Recovery Plan è sul tavolo di Mario Draghi, rispetto a quello di Conte si passa da 210 miliardi in tutto, a 220, al netto dei diversi modi di averli suddivisi, i capitoli rimangono più o meno bilanciati, ma alcuni primi dati segnano un cambiamento del senso del piano: meno coesione e più opere.

Nel Recovery Plan sul tavolo di Palazzo Chigi le vere sconfitte sarebbero le politiche per l’inclusione sociale – 5 miliardi. E in particolare sarebbero dimezzate quelle per il lavoro con la scomparsa del sostegno alle assunzioni di giovani e donne.

La coesione territoriale è dispersa e complessivamente ridotta, azzerata quella promossa dal basso. La salute rimarrebbe la cenerentola del piano – questo si sapeva già – ma Speranza avrebbe almeno mantenuto i suoi 7 miliardi per la medicina di territorio.

Il resto delle cifre del Recovery Plan non è ancora noto, ma dalle prime indiscrezioni ci sarebbero voci in crescita solo nei capitoli opere: dalla filiera dell’idrogeno, alle reti energetiche, alle piccole e medie imprese del turismo. Mentre si ridurrebbero i fondi alla cultura. Confermata l’impostazione tutta ad alta velocità delle infrastrutture con l’intero pacchetto che era di quasi 30 miliardi dedicato a questa voce.

Chi si aspettava transizioni verso le merci su rotaia e i sistemi regionali rimarrà deluso. Morale meno sociale e una lettura della transizione ecologica molto aziendale. Ed è il risultato delle destre al governo e di un Presidente del Consiglio senza una visione politica. Il 23 aprile conosceremo l’intero piano che andrà alle camere nei giorni successivi. Ma la scoglio più duro non saranno di certo le opposizioni, piuttosto la Commissione europea che ha già fatto trapelare i suoi dubbi che sono sempre gli stessi. Il primo: troppe riforme settoriali e nessuna macro. Dove sono le riforme della giustizia, del fisco e della pubblica amministrazione? Viene detto a ogni governo e non si tratta di capitoli del piano, ma sono il quadro che chiede l’Europa: soldi per cambiare il paese e così non si cambia.

Ancora più preoccupata l’Europa è della governance, come all’epoca di Conte: chi implementa e assicura che i fondi europei vengano spesi bene e subito? Non si sa. Su questo Draghi non sembra aver fatto passi avanti. Anzi, sembra ancora fermo al Conte bis. Saranno gli scogli più seri da affrontare. Dove la credibilità internazionale dell’ex banchiere centrale europeo potrebbe non bastare.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 11/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/11/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 11/05/21 delle 19:50

    Metroregione di mar 11/05/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 05/11/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mar 11/05/21

    Esteri di mar 11/05/21

    Esteri - 05/11/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 11/05/21

    Sunday Blues di mar 11/05/21

    Sunday Blues - 05/11/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 11/05/21

    Uno di Due di mar 11/05/21

    1D2 - 05/11/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 11/05/21

    Considera l'armadillo mar 11/05/21

    Considera l’armadillo - 05/11/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 11/05/21

    Jack di mar 11/05/21

    Jack - 05/11/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Nando dalla Chiesa

    Decimo e ultimo incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato…

    Lezioni di antimafia - 05/11/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 11/05/21

    Stay Human di mar 11/05/21

    Stay human - 05/11/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Daniela Marcone, Lorenzo Sanua e Rosy Tallarita

    Nono incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Memos - 05/11/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 11/05/21

    Cosa succede a Lampedusa, perché, e cosa intende fare il Governo italiano. Con Marta Bernardini capo missione di Mediterranean Hope…

    Prisma - 05/11/2021

  • PlayStop

    Luca Starita, Canone ambiguo

    LUCA STARITA - CANONE AMBIGUO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 05/11/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 11/05/21

    ira rubini, cult, lorena senestro, guido gozzano, la signorina felicita, teatro gobetti torino, alessia cappelletti, ezio bosso, faccio musica, piemme…

    Cult - 05/11/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 11/05/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 11/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/11/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 11/05/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 11/05/21

    Il demone del tardi - 05/11/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 11/05/21

    Fino alle otto di mar 11/05/21

    Fino alle otto - 05/11/2021

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 11/05/21

    From Genesis to Revelation di mar 11/05/21

    From Genesis To Revelation - 05/11/2021

Adesso in diretta