Approfondimenti

Medicina Solidale, il servizio gratuito di consulenza online non COVID

Medicina Solidale

Alessandro Lanzani, ortopedico attivo su Medicina Solidale, il nuovo servizio online di consulenza medica non COVID gratuita, spiega a Radio Popolare come contattarli, come funziona il servizio e quali sono le motivazioni dietro alla creazione di questa piattaforma.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Alessandro Braga a Prisma.

In questo momento sono molte le persone che faticano, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista organizzativo, a prenotare una visita per via dell’emergenza COVID. Voi avete quindi pensato a questo servizio, Medicina Solidale, perché trascurare tutte le altre patologie è una cosa rischiosissima. Di cosa si tratta?

Si tratta di un servizio di consulenza online tecnologico avanzato, si possono mandare referti, foto, diagnosi e terapie. Si configura come una vera e propria visita, tranne l’esame obiettivo, che però accomuna tutte queste esperienze. Va a rispondere alla situazione di abbandono per le difficoltà del Sistema Sanitario Nazionale e le situazioni di indigenza, di forte crisi economica che a livello personale significa non avere i soldi per andare dal privato.

È notizia di questa mattina la scelta del San Raffaele di proporre a pazienti COVID visite a distanza a 90 euro, mentre per quelle a domicilio a 450 euro. La filosofia di base del vostro progetto invece è agli antipodi del privato.

È proprio così. La situazione è ancora più grave, il San Raffaele è un episodio ma praticamente tutte le strutture private in grado di vendere questo servizio, non erogarlo, l’hanno proposto con campagne di infomarketing. Il San Raffaele ha messo tariffe più alte e questo acuisce la contraddizione. Il problema è il manico: è evidente che se sguarnisci per anni la sanità pubblica in condizioni di necessità cerchi di accedere a una risposta immediata, che entra nel valore della vita o la morte, della salute o della malattia. C’è da dire che questa operazione è assolutamente legale, ma i criteri della legalità non sono gli unici, ci sono anche quelli dell’etica. Io ho trovato un documento, di altissima caratura istituzionale, che dice così: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti“. È l’Articolo 32 della Costituzione italiana. Ci dimentichiamo i sentieri dell’ovvio, un pezzettino alla volta consideriamo normale, perché legale, una cosa che confligge palesemente contro l’etica della solidarietà e con la Costituzione. L’Articolo 3 recita: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana“. Qui non stiamo parlando di un pieno sviluppo positivo, ma della malattia e del rischio morte, siamo in una zona di minacce e di pericolo. Ci troviamo in una situazione di forte imbarazzo, perché la legalità, che è figlia della politica, copre la possibilità di vendere salute. Non certo per responsabilità di nessuna di queste cliniche private, probabilmente c’entra un deficit di come noi ci siamo organizzati come società.

Come ci si può rivolgere a questo vostro servizio? Come funziona Medicina Solidale?

Considerando che ci stiamo organizzando e ci sta venendo addosso il mondo, noi in questo momento abbiamo un email che fa da imbuto, “maildisolidale@gmail.com” e un numero di telefono d’ingresso, il 3516955152.

Arrivano un numero enorme di richieste da parte delle utenze, ma anche da parte di colleghi che vogliono dare una mano?

Certo, è proprio così. Noi ogni giorno riceviamo mail e telefonate di medici che dicono “ci sono anche io”. Ci tengo molto a dire che non è che se è volontario non è di qualità, ci vuole competenza, ci sono delle responsabilità, è una cosa seria. Parte da questo bisogno umano di superare questo isolamento, questa frammentazione dell’io, tant’è vero che non riguarda solo i professionisti della salute, e la lista delle specialità si va riempiendo. Abbiamo un panel che equivale a quello della miglior clinica privata. Questo riguarda persone in tutti i ruoli, singoli cittadini che chiedono se possono dare una mano, e man mano che serve lavoro segretariale e di logistica stanno arrivando persone. Abbiamo anche aperto un conto Paypal, ma dello sterco del diavolo al momento non ne abbiamo bisogno, anche se è vero che serve a concimare qualsiasi iniziativa. Anche noi acquisiamo forza morale da questo tributo che sta arrivando da tutte le parti.

Nonostante il progetto sia nato qui a Milano, il territorio su cui agisce è di respiro nazionale?

Sì lo è, perché la tecnologia lo permette. Ci sono medici dalla Toscana, dalla Lombardia, dalla Sicilia, sta arrivando di tutto e di più. Lo stesso vale con le utenze, e devo dire che la divulgazione pubblica del servizio permette a sempre più persone di accederci. Vediamo che ogni giorno le telefonate degli utenti stanno aumentando. Il nostro lavoro è un lavoro di traghettamento, cerchiamo di capire se c’è urgenza piuttosto che no, di dare una soluzione. La costante che accomuna tutte queste telefonate è la sensazione d’ansia che scatta quando improvvisamente ti ritrovi senza tutti quei servizi di cui hai bisogno. Ha una funziona veramente importante e in questi giorni, anche dopo questa trasmissione, ci sarà tanto da fare e ne siamo contenti. Ci sono tutta una serie di informazioni anche legate al COVID a cui noi rispondiamo, e rispondiamo a tutti, ma cerchiamo di specificarci su altre corsie.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 03/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 07:16

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 03/12/20

    Diamo le risposte alle vostre domande; la scorsa settimana abbiamo ascoltato la testimonianza di come alcuni medici che si erano…

    37 e 2 - 12/03/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 03/12/20

    Prisma di gio 03/12/20

    Prisma - 12/03/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale - 12/03/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - 12/03/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto - 12/03/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 03/12/20

    Funk shui di gio 03/12/20

    Funk shui - 12/03/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 02/12/20

    Jazz Ahead di mer 02/12/20

    Jazz Ahead - 12/03/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 02/12/20

    A casa con voi di mer 02/12/20

    A casa con voi - 12/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 02/12/20

    Esteri di mer 02/12/20

    Esteri - 12/02/2020

Adesso in diretta