Approfondimenti

Maurizio Braucci: “Si fanno i paragoni con la guerra, ma la guerra è un’altra cosa”

stampa coronavirus

Lo scrittore e sceneggiatore Maurizio Braucci, intervistato da Ira Rubini, commenta ai microfoni di Radio Popolare questo “tempo sospeso” che stiamo vivendo durante l’epidemia di coronavirus COVID-19 in Italia e nel resto del Mondo.

Mi sono dato l’obiettivo, nel mio piccolo, di cercare di incoraggiare le persone come so fare, raccontando storie e cercando di capire cosa si nasconde nelle psicologie, nelle dinamiche e nelle trame. In tanti dicono che quello che stiamo vivendo sembra un brutto film di fantascienza e spesso, nella letteratura come nel cinema, è proprio l’arte che anticipa i tempi.
Io credo che una persona che racconta storie, vedendo queste cose può cercare, nel suo piccolo, di ragionare insieme agli altri non soltanto sulle cose assolute e inevitabili come l’isolamento, la cautela, la protezione di se stessi e degli altri, ma anche sulle cause e sulle dinamiche che stiamo vivendo. E io provo a farlo coi social network.

Tra le cose che scrivi mi colpisce molto il tuo soffermarti sui dettagli. Quali sono i dettagli che ti colpiscono di più di questa situazione?

Io sto stimando molto i divulgatori scientifici, persone che hanno una conoscenza scientifica e sono anche in grado di comunicare. Molti scienziati, per quanto geniali, non sempre sanno comunicare. Mi colpisce molto questo aspetto, il cercare di interpretare le cose e ragionare con le persone anche contro l’angoscia. C’è bisogno di salute, ma vogliamo anche capire quanto durerà questa cosa, come andrà l’economia, cosa stanno facendo i poveri. Da questo punto di vista avere un’idea di quello che sta accadendo ci aiuta. A questo segue anche l’attenzione più ideologica, pensare che c’è un governo che ha preso dei provvedimenti diversi da quelli cinesi e diversi da quelli coreani. E trovo molto interessanti i momenti di comunicazione della Protezione Civile e l’Istituto Superiore di Sanità, sono persone che hanno una grande responsabilità sulle spalle.
Io vivendo in un quartiere popolare di Napoli vedo nelle persone più semplici e legate alla tradizioni una sorta di istinto, in una circostanza come questa, che non è altro che il reiterare delle cose che la memoria collettiva si porta dentro e che rivela di aver affrontato tante e tante volte cose come queste. Noi, ultime generazioni, forse stiamo ricordando che cosa siamo e non solo che la natura non va distrutta, ma anche che da millenni siamo impegnati in questa lotta alla sopravvivenza. E questo è un ritorno a questa memoria.

Tu sei un punto di riferimento per tanti ragazzi e hai dato vita, insieme ad altre persone, anche a progetti come Arrevuoto. Stai mantenendo i contatti con quei giovani?

In questo momento no, siamo più in contatto noi operatori. I ragazzi vivono di più la dimensione della scuola a distanza in questo momento.
Ora il teatro, l’amarcord per eccellenza, è sospeso e chissà come ritornerà e come cambierà. Se fanno sempre i paragoni con la guerra, ma la guerra è un’altra cosa. Nella guerra si sta uno contro l’altro, adesso invece dobbiamo stare uniti e anche il teatro, quando riprenderà, ci darà questa possibilità di restare.

Maurizio Braucci, ci dai un suggerimento di resistenza culturale?

Vi suggerisco un libro, “La grande cecità: Il cambiamento climatico e l’impensabile” di Amitav Ghosh, un saggio bellissimo che si chiude con l’enciclica papale di qualche anno fa.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 05/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 19:50

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sab 05/12/20

    Guida nella Jungla di sab 05/12/20

    Guida nella Jungla - 12/05/2020

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 05/12/20

    Conduzione Musicale di sab 05/12/20

    Conduzione musicale - 12/05/2020

  • PlayStop

    On Stage di sab 05/12/20

    ira rubini, on stage, davide livermore, serata concerto scala 7 dicembre 2020, teatro delle selve, san maurizio d'opaglio, franco acquaviva,…

    On Stage - 12/05/2020

  • PlayStop

    Passatel di sab 05/12/20

    Passatel di sab 05/12/20

    Passatel - 12/05/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 05/12/20

    Pop Up di sab 05/12/20

    Pop Up Live - 12/05/2020

  • PlayStop

    Sidecar di sab 05/12/20

    Sidecar di sab 05/12/20

    Sidecar - 12/05/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 05/12/20

    I Girasoli di sab 05/12/20

    I girasoli - 12/05/2020

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 05/12/20

    Sabato Libri di sab 05/12/20

    Sabato libri - 12/05/2020

  • PlayStop

    Itaca di sab 05/12/20

    Itaca di sab 05/12/20

    Itaca - 12/05/2020

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 05/12/20

    Itaca Rassegna di sab 05/12/20

    Itaca – Rassegna Stampa - 12/05/2020

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 05/12/20

    Mash-Up di sab 05/12/20

    Mash-Up - 12/05/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 04/12/20

    Doppia Acca di ven 04/12/20

    Doppia Acca - 12/05/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 04/12/20

    con Andrea Cegna. - punto metro..- Roberto Codazzi, appena tornato da Santo Domingo, ci racconta la situazione da quelle parti..-…

    A casa con voi - 12/04/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 04/12/20

    Esteri di ven 04/12/20

    Esteri - 12/04/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/04/2020

  • PlayStop

    Follow Friday - La grande fuga

    lunga rassegna dei trending topic, tra cui spicca la sgridata di Augias a Salvini. Pip pop challenge estesa sulle più…

    Follow Friday - 12/04/2020

Adesso in diretta