Approfondimenti

Mancata zona rossa a Bergamo. Gallera: “Avremmo potuto farla noi”

Zona Rossa - Giulio Gallera

Dopo giorni di scambi d’accuse, Regione Lombardia e Governo provano a chiudere lo scontro sulla mancata creazione della zona rossa in provincia di Bergamo e Brescia.

Avremmo potuto farla noi? Ho approfondito e affettivamente c’è una legge che lo consente” ha detto oggi l’assessore lombardo al welfare Giulio Gallera. Ieri sera in conferenza stampa era stato il Presidente del consiglio Conte a dire “Ce ne assumiamo tutta la responsabilità”.

E così, con l’ammissione dell’assessore lombardo Gallera, all’indomani dell’ammissione del Presidente del Consiglio Conte, si chiude il cerchio. Governo e Regione Lombardia, dopo aver giocato per settimane allo scaricabarile, ora si assumono in tutta fretta le loro responsabilità: forse per insabbiare velocemente una questione scomoda, forse perché per entrambi è arrivato il richiamo a evitare polemiche ora.

Le responsabilità della mancata creazione della zona rossa a Bergamo e Brescia ormai sono chiare ed equamente divise. Il presidente del consiglio Conte ha avuto sul tavolo due volte, il 3 ed il 5 marzo, la raccomandazione del comitato tecnico scientifico di chiudere Nembro, Alzano e Orzinuovi, ma il governo non lo ha fatto perché voleva che a farlo fosse la Regione.

L’assessore Gallera ha riconosciuto solo oggi che la Regione poteva comunque agire, ma non lo ha fatto perché voleva che a farlo fosse il governo. Tutto a posto? Per nulla. Resta la domanda: perchè nessuno abbia voluto prendere una decisione politica evidentemente ritenuta scomoda? Perché in quelle aree è concentrato un denso tessuto produttivo. E il terzo soggetto coinvolto in questa vicenda, lo ammette candidamente. “Eravamo contrari a fare una zona rossa come a Codogno” dice il capo di confindustria Lombardia Bonometti, in una surreale intervista a The Post Internazionale – che per prima ha sollevato il caso – in cui attribuisce ai tanti allevamenti il veicolo di contagio.

Ci siamo confrontati, ma non si potevano fare zone rosse. Non si poteva fermare la produzione”. ribadisce Bonometti. Il prezzo sul terreno lo hanno pagato quasi 5.000 morti e 300mila contagiati, che di quella decisione sono in parte la conseguenza.

Foto dalla pagina Facebook di Giulio Gallera

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 07/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/07/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 07/02/2023 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/07/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 07/02/2023

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 02/07/2023

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 07/02/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 02/07/2023

  • PlayStop

    Esteri di martedì 07/02/2023

    Oggi in Esteri un’ampia pagina sul terremoto in Turchia e Siria ( Poalo Ferrara Tdh e Filipp Ciucciu- Ansa da…

    Esteri - 02/07/2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 07/02/2023

    (92 - 283) Dove si scopre che la sinistra deve ripartire dalla Mussolini. Per la rubrica di chi sposta le…

    Muoviti muoviti - 02/07/2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 07/02/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 02/07/2023

  • PlayStop

    Saluti da Sanremo. La cartolina di Vittorio Cosma - 1

    Vittorio Cosma ci racconta come ci si prepara a dirigere l'orchestra della Kermesse più famosa d'Italia

    Clip - 02/07/2023

  • PlayStop

    The Weekly Report di martedì 07/02/2023

    Il grammy a Bonnie Raitt per la miglior canzone è di sicuro la notizia più assurda di questa settimana di…

    The Weekly Report - 02/07/2023

  • PlayStop

    Jack di martedì 07/02/2023

    Primo appuntamento con "Saluti da Sanremo", la cartolina quotidiana dalla Kermesse Nazionale. Quest'anno a raccontarci tutto c'è Vittorio Cosma, dall'alto…

    Jack - 02/07/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 07/02/2023

    Oggi con Nicolò Calandri, fondatore di 3bee parliamo del Festival di Sanremo, di api, di impollinatori, di Fantasanremo, di Isola…

    Considera l’armadillo - 02/07/2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 07/02/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 02/07/2023

  • PlayStop

    Cult di martedì 07/02/2023

    Oggi a Cult: Arturo Cirillo racconta il suo "Cyrano de Bergerac" ispirato alla versione musicale di Domenico Modugno all'Elfo Puccini;…

    Cult - 02/07/2023

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 07/02/2023

    A chi conviene un’Italia fatta di tante piccole "repubbliche"? Com’è possibile che un progetto come quello dell’autonomia regionale - pensato…

    Pubblica - 02/07/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 07/02/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 02/07/2023

  • PlayStop

    ANGELA MAURO - EUROPA SOVRANA. LA RIVINCITA DEI NAZIONALISMI

    ANGELA MAURO - EUROPA SOVRANA. LA RIVINCITA DEI NAZIONALISMI - presentato da Lorenza Ghidini

    Note dell’autore - 02/07/2023

  • PlayStop

    Prisma di martedì 07/02/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 02/07/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 07/02/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 02/07/2023

Adesso in diretta