Approfondimenti

Mancata zona rossa a Bergamo. Gallera: “Avremmo potuto farla noi”

Zona Rossa - Giulio Gallera

Dopo giorni di scambi d’accuse, Regione Lombardia e Governo provano a chiudere lo scontro sulla mancata creazione della zona rossa in provincia di Bergamo e Brescia.

Avremmo potuto farla noi? Ho approfondito e affettivamente c’è una legge che lo consente” ha detto oggi l’assessore lombardo al welfare Giulio Gallera. Ieri sera in conferenza stampa era stato il Presidente del consiglio Conte a dire “Ce ne assumiamo tutta la responsabilità”.

E così, con l’ammissione dell’assessore lombardo Gallera, all’indomani dell’ammissione del Presidente del Consiglio Conte, si chiude il cerchio. Governo e Regione Lombardia, dopo aver giocato per settimane allo scaricabarile, ora si assumono in tutta fretta le loro responsabilità: forse per insabbiare velocemente una questione scomoda, forse perché per entrambi è arrivato il richiamo a evitare polemiche ora.

Le responsabilità della mancata creazione della zona rossa a Bergamo e Brescia ormai sono chiare ed equamente divise. Il presidente del consiglio Conte ha avuto sul tavolo due volte, il 3 ed il 5 marzo, la raccomandazione del comitato tecnico scientifico di chiudere Nembro, Alzano e Orzinuovi, ma il governo non lo ha fatto perché voleva che a farlo fosse la Regione.

L’assessore Gallera ha riconosciuto solo oggi che la Regione poteva comunque agire, ma non lo ha fatto perché voleva che a farlo fosse il governo. Tutto a posto? Per nulla. Resta la domanda: perchè nessuno abbia voluto prendere una decisione politica evidentemente ritenuta scomoda? Perché in quelle aree è concentrato un denso tessuto produttivo. E il terzo soggetto coinvolto in questa vicenda, lo ammette candidamente. “Eravamo contrari a fare una zona rossa come a Codogno” dice il capo di confindustria Lombardia Bonometti, in una surreale intervista a The Post Internazionale – che per prima ha sollevato il caso – in cui attribuisce ai tanti allevamenti il veicolo di contagio.

Ci siamo confrontati, ma non si potevano fare zone rosse. Non si poteva fermare la produzione”. ribadisce Bonometti. Il prezzo sul terreno lo hanno pagato quasi 5.000 morti e 300mila contagiati, che di quella decisione sono in parte la conseguenza.

Foto dalla pagina Facebook di Giulio Gallera

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 04/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 04/03/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 04/03/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 03/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay Human di gio 04/03/21

    Stay Human di gio 04/03/21

    Stay human - 03/04/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 04/03/21

    Vaccini, il mercato non ce la fa. Occorre una infrastruttura pubblica a livello europeo per produrli e distribuirli. E’ la…

    Memos - 03/04/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 04/03/21

    Note dell'autore di gio 04/03/21

    Note dell’autore - 03/04/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 04/03/21

    ira rubini, cult, willie peyote, sanremo 2021, matteo villaci, blocchi di ripartenza, generazione disagio, teatro della tosse, miniformat radiofonico, enrico…

    Cult - 03/04/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 04/03/21

    I ricatti delle multinazionali del farmaco in America Latina; impossibilità di fissare visite ed esami non covid con il SSN:…

    37 e 2 - 03/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 04/03/21

    Vediamo i numeri degli ultimi giorni per capire quando arriva la zona rossa, andiamo all'Imperial College di Londra con una…

    Prisma - 03/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/03/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/03/21

    Rassegna stampa internazionale - 03/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/03/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/03/21

    Il demone del tardi - 03/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 04/03/21

    Fino alle otto di gio 04/03/21

    Fino alle otto - 03/04/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 04/03/21

    Funk shui di gio 04/03/21

    Funk shui - 03/04/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 03/03/21

    Jazz Ahead di mer 03/03/21

    Jazz Ahead - 03/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 03/03/21

    con Barbara Sorrentini. - cronaca live del festival..- punto quotidiano con metro..- collegamento con Alessio Tagliento, uno degli autori al…

    A casa con voi - 03/03/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 03/03/21

    Ora di punta di mer 03/03/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 03/03/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 03/03/21

    1-Guerra d’Algeria, Il Presidente Macron alla ricerca della memoria condivisa. Parigi ammette per la prima volta che un leader nazionalista…

    Esteri - 03/03/2021

Adesso in diretta