Approfondimenti

Mancata zona rossa a Bergamo. Gallera: “Avremmo potuto farla noi”

Zona Rossa - Giulio Gallera

Dopo giorni di scambi d’accuse, Regione Lombardia e Governo provano a chiudere lo scontro sulla mancata creazione della zona rossa in provincia di Bergamo e Brescia.

Avremmo potuto farla noi? Ho approfondito e affettivamente c’è una legge che lo consente” ha detto oggi l’assessore lombardo al welfare Giulio Gallera. Ieri sera in conferenza stampa era stato il Presidente del consiglio Conte a dire “Ce ne assumiamo tutta la responsabilità”.

E così, con l’ammissione dell’assessore lombardo Gallera, all’indomani dell’ammissione del Presidente del Consiglio Conte, si chiude il cerchio. Governo e Regione Lombardia, dopo aver giocato per settimane allo scaricabarile, ora si assumono in tutta fretta le loro responsabilità: forse per insabbiare velocemente una questione scomoda, forse perché per entrambi è arrivato il richiamo a evitare polemiche ora.

Le responsabilità della mancata creazione della zona rossa a Bergamo e Brescia ormai sono chiare ed equamente divise. Il presidente del consiglio Conte ha avuto sul tavolo due volte, il 3 ed il 5 marzo, la raccomandazione del comitato tecnico scientifico di chiudere Nembro, Alzano e Orzinuovi, ma il governo non lo ha fatto perché voleva che a farlo fosse la Regione.

L’assessore Gallera ha riconosciuto solo oggi che la Regione poteva comunque agire, ma non lo ha fatto perché voleva che a farlo fosse il governo. Tutto a posto? Per nulla. Resta la domanda: perchè nessuno abbia voluto prendere una decisione politica evidentemente ritenuta scomoda? Perché in quelle aree è concentrato un denso tessuto produttivo. E il terzo soggetto coinvolto in questa vicenda, lo ammette candidamente. “Eravamo contrari a fare una zona rossa come a Codogno” dice il capo di confindustria Lombardia Bonometti, in una surreale intervista a The Post Internazionale – che per prima ha sollevato il caso – in cui attribuisce ai tanti allevamenti il veicolo di contagio.

Ci siamo confrontati, ma non si potevano fare zone rosse. Non si poteva fermare la produzione”. ribadisce Bonometti. Il prezzo sul terreno lo hanno pagato quasi 5.000 morti e 300mila contagiati, che di quella decisione sono in parte la conseguenza.

Foto dalla pagina Facebook di Giulio Gallera

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 24/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/01/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 24/01/22

    Tutto scorre di lun 24/01/22

    Tutto scorre - 24/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di lun 24/01/22

    Quirinale, ci siamo, ma cosa può succedere? Con il politologo Gianfranco Pasquino e Anna Bredice. Il racconto di Michele Usuelli,…

    Prisma - 24/01/2022

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 24/01/22

    Qurinale tre appunti. Cosa ci dice il Mein Kampf sulla comunicazione. Le città invase dalla pubblicità o l'incapacità di gestire…

    Guarda che Lune - 24/01/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 23/01/22

    Reggae Radio Station di dom 23/01/22

    Reggae Radio Station - 24/01/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 23/01/22

    in onda Alessandro Achilli. Musiche: Jaguar Jonze, Xtc, Sarah Vaughan, Annette Peacock, Zorn, Beresford, Ayers, Beefheart, Coxhill, Wyatt, Matching Mole,…

    Prospettive Musicali - 24/01/2022

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 23/01/22

    News Della Notte di dom 23/01/22

    News della notte - 24/01/2022

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 23/01/22

    Sacca del Diavolo di dom 23/01/22

    La sacca del diavolo - 24/01/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 23/01/22

    Sunday Blues di dom 23/01/22

    Sunday Blues - 24/01/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di dom 23/01/22

    Cat Power a cura di Niccolò Vecchia

    L’Artista della settimana - 24/01/2022

  • PlayStop

    Mixtape di dom 23/01/22

    Gennaio

    Mixtape - 24/01/2022

  • PlayStop

    Bollicine di dom 23/01/22

    Bollicine di dom 23/01/22

    Bollicine - 24/01/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di dom 23/01/22

    Libri: Ami Hempel, Ragioni per vivere, trad. S. Pareschi, SEM..John Cheever, Una specie di solitudine. I diari, trad. A. Cioni,…

    Giocare col fuoco - 24/01/2022

  • PlayStop

    Hisporty di dom 23/01/22

    Alberto Juantorena

    HiSporty - 24/01/2022

  • PlayStop

    Va Pensiero di dom 23/01/22

    Va Pensiero di dom 23/01/22

    Va Pensiero - 24/01/2022

  • PlayStop

    Onde Road di dom 23/01/22

    Gran San Bernardo

    Onde Road - 24/01/2022

  • PlayStop

    C'e' di buono del dom 23/01/22

    Oggi a C’è Di Buono, Donatella Mattozzi, autrice insieme al padre Antonio della versione aggiornata e arricchita del libro “Pizza…

    C’è di buono - 24/01/2022

  • PlayStop

    Apertura classica di dom 23/01/22

    Scaletta: 1. Lully - Marche pour la ceremonie des Turcs - Savall..2. Pëtr Il'ič Čajkovskij - Sinfonia n. 5 in…

    Apertura musicale classica - 24/01/2022

  • PlayStop

    La domenica dei Libri ospita Edith Bruck

    Letteratura come vita. Letteratura come testimonianza. Edith Bruck è ospite alla Domenica dei Libri. La grande scrittrice e sopravvissuta ad…

    La domenica dei libri - 24/01/2022

Adesso in diretta