Approfondimenti

Mahmood, la vittoria di una generazione fraintesa

mahmood_radio_popolare

In radio lo abbiamo conosciuto un paio di anni fa. È venuto da noi senza nemmeno andare in onda, cantandoci una cover di Lauryn Hill tra le scrivanie della redazione solo per farsi conoscere. Lo abbiamo sentito poi subito prima della vittoria a Sanremo Giovani per fargli gli auguri, e un paio di volte anche in questi giorni.

Da ieri sera, Mahmood è diventato il vincitore della sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo. Un’edizione atipica e, a modo suo potente, che scuote il carrozzone musicale nazional-popolare dall’interno, pur rispettandone tutte le regole.

Quello di Sanremo 2019 è stato un back-stage strano, che, nel racconto che ci hanno fatto gli Zen Circus in settimana, ricordava a tratti quello del Primo Maggio: accanto ai grandi e rispettatissimi vecchi della scena italiana e ai volti dei talent show, una fetta importante delle scene indie e rap italiane. Si è osato, ed alla fine chi lo ha fatto di più, chi non ha avuto paura di arrivare sul palco con il suo stile, senza piegarlo a compromessi “piacioni”, ha vinto.

Quella di Mahmood, italiano di origini egiziane, è una vittoria culturale in senso ampio, che va ben oltre ai semplici confini di una risposta alla retorica del “prima gli italiani”. È  la vittoria di una generazione che fatica a raccontarsi, continuamente strumentalizzata, fraintesa e spesso accusata di qualunquismo. È una generazione fotografata bene anche dal pezzo di Daniele Silvestri e Rancore, che però non possono che regalarne un’immagine presa dall’esterno.

Mahmood canta ciò che vive, lo fa con tecnica e voce originali e attuali, con un respiro internazionale. Lo fa su una musica che fuori da quel palco ha già vinto da un po’, e da ieri si è presa anche Sanremo. Ed è proprio questa la novità: quest’anno a Sanremo ha vinto una canzone che probabilmente avrebbe vinto anche fuori da quel contesto.

Per quanto riguarda Mahmood, deve ancora uscire il suo primo disco. A noi non resta che augurargli buona fortuna, come abbiamo fatto prima di Sanremo Giovani e del Festival. Faremo il tifo per lui..

  • Autore articolo
    Matteo Villaci
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 28/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 28/01/22 delle 19:47

    Metroregione di ven 28/01/22 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Presi per il colle di ven 28/01/22 delle 20:30

    Presi per il colle di ven 28/01/22 delle 20:30

    Presi per il Colle - 28/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di ven 28/01/22

    Esteri di ven 28/01/22

    Esteri - 28/01/2022

  • PlayStop

    The Game di ven 28/01/22

    //Stati Uniti e Germania, chi sale e chi scende. Gli ultimi dati indicano un pil americano in forte crescita e…

    The Game - 28/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di ven 28/01/22

    Dove ci colleghiamo in apertura con Luigi Ambrosio da Montecitorio per le ultima notizie sull'elezione del Presidente della Repubblica e…

    Muoviti muoviti - 28/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di ven 28/01/22

    Di tutto un boh di ven 28/01/22

    Di tutto un boh - 28/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 28/01/22

    Si parla con Domenico Sgambati della Area Marina Protetta di Punta Campanella, di Tartarughe marine, di poseidonia, di cernie, ma…

    Considera l’armadillo - 28/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di ven 28/01/22 delle 15:36

    Presi per il colle di ven 28/01/22 delle 15:36

    Presi per il Colle - 28/01/2022

  • PlayStop

    Professione rifugista

    quando invitiamo i piccoli artisti a spedirci il loro disegno di un capibara e poi ci arrampichiamo sui rifugi alpini…

    Poveri ma belli - 28/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di ven 28/01/22 delle 12:47

    Presi per il colle di ven 28/01/22 delle 12:47

    Presi per il Colle - 28/01/2022

  • PlayStop

    Cult di ven 28/01/22

    ira rubini, cult, sara micotti, fondazione d'intino, parliamone insieme, tiziana ricci, palazzo te, andrea pennacchi, mio padre, teatro della cooperativa,…

    Cult - 28/01/2022

  • PlayStop

    37 e 2 di ven 28/01/22

    37 e 2 di ven 28/01/22

    37 e 2 - 28/01/2022

  • PlayStop

    Voci e Musica dalla Shoah

    a cura di Claudio Ricordi

    Labirinti Musicali - 28/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di ven 28/01/22

    Prisma di ven 28/01/22

    Prisma - 28/01/2022

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 28/01/22

    Il Giorno Delle Locuste di ven 28/01/22

    Il giorno delle locuste - 28/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 28/01/22

    Il demone del tardi - copertina di ven 28/01/22

    Il demone del tardi - 28/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 28/01/22 delle 07:47

    Seconda pagina di ven 28/01/22 delle 07:47

    Seconda pagina - 28/01/2022

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di ven 28/01/22

    Il Caffè Nero Bollente del venerdì con musica, sfoglio dei giornali e i suggerimenti su cosa fare a Milano e…

    Caffè Nero Bollente - 28/01/2022

Adesso in diretta