Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 21/01 delle ore 22:31

    GR di mar 21/01 delle ore 22:31

    Giornale Radio - 22/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 21/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 21/01 delle 19:49

    Metroregione di mar 21/01 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 22/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 21/01

    Stile Libero di mar 21/01

    Stile Libero - 22/01/2020

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 21/01

    Notte Vulnerabile di mar 21/01

    Notte vulnerabile - 22/01/2020

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 21/01

    L'altro martedi' di mar 21/01

    L’Altro Martedì - 22/01/2020

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 21/01

    Wi-Fi Area del mar 21/01

    Wi-fi Area - 22/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 21/01 (prima parte)

    Ora di punta di mar 21/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 21/01 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 21/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 21/01

    Esteri di mar 21/01

    Esteri - 22/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 21/01

    Ora di punta di mar 21/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 21/01 (prima parte)

    Malos di mar 21/01 (prima parte)

    MALOS - 22/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 21/01 (seconda parte)

    Malos di mar 21/01 (seconda parte)

    MALOS - 22/01/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 21/01

    Malos di mar 21/01

    MALOS - 22/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 21/01 (prima parte)

    Due di due di mar 21/01 (prima parte)

    Due di Due - 22/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 21/01 (seconda parte)

    Due di due di mar 21/01 (seconda parte)

    Due di Due - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 21/01 (seconda parte)

    ira rubini, cult, giuseppe miale di mauro, dodici baci sulla bocca, compagnia nest, elfo puccini, cesare picco, alchemy, connected, marco…

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 21/01 (prima parte)

    ira rubini, cult, giuseppe miale di mauro, dodici baci sulla bocca, compagnia nest, elfo puccini, cesare picco, alchemy, connected, marco…

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 21/01

    Due di due di mar 21/01

    Due di Due - 22/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 21/01 (seconda parte)

    Jack di mar 21/01 (seconda parte)

    Jack - 22/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 21/01 (prima parte)

    Jack di mar 21/01 (prima parte)

    Jack - 22/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session 21-01-20

    a cura di Vic White

    Radio Session - 22/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 21/01

    Considera l'armadillo mar 21/01

    Considera l’armadillo - 22/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Macron-Le Pen, la sfida tra due opposti

Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica non passano al secondo turno i due candidati del Partito socialista e della destra gollista. Gli elettori hanno confermato la crisi di rigetto nei confronti della politica ufficiale incarnata dagli ultimi due presidenti Sarkozy e Hollande, ma entrambi campioni dell’austerità. La loro sciagurata gestione di questi ultimi dieci anni ha permesso oggi a un candidato del Fronte Nazionale di superare per la prima volta la soglia del 20 per cento alle presidenziali.

Fino a tre anni fa Emmanuel Macron era un illustre sconosciuto. A meno di clamorose sorprese il 7 maggio sarà il nuovo inquilino dell’Eliseo. Eppure Macron, 39 anni, era la mente e l’esecutore delle riforme liberali di Hollande. Dotato di grande carisma, in meno di un anno ha saputo convincere i francesi della bontà del suo progetto, una sintesi di proposte di sinistra e di destra, e soprattutto è riuscito a prendere le distanze dal suo scopritore François Hollande.

Quello che ha fatto la differenza, alla luce del primo turno, è il suo discorso tenuto durante la campagna: profondamente repubblicano, europeista, pacificatore, in una Francia ferita dagli attentati, lacerata da derive xenofobe e identitarie, quindi rassicurante.

Non è poco in tempi di Brexit e di Trump e dei venti del populismo che soffiano sull’Europa.

Il 7 maggio in palio non c’è solo la presidenza della Repubblica francese ma la cultura politica che dominerà i prossimi anni in Europa: i ponti o i muri.

  • Autore articolo
    Chawki Senouci
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni