Approfondimenti

Luca Zaia e il sistema di potere in Veneto

Luca Zaia Potere Veneto

Come si spiega il trionfo di Luca Zaia alle Elezioni Regionali in Veneto? Ne abbiamo parlato a Malos col giornalista Marco Milioni di VicenzaToday, che ai nostri microfoni ha descritto il sistema di potere in Veneto.

L’intervista di Davide Facchini e Luigi Ambrosio.

Zaia ha preso il 74%, una cosa mai vista, e la sua lista ha preso il triplo di quella della Lega. Come funziona il sistema di potere nella regione Veneto?

In Veneto c’è un sistema di potere radicatissimo, ma il problema di fondo è che si tratta di un sistema di potere che è venuto fuori negli anni, stratificandosi, anche perché è un sistema di potere in cui maggioranza e opposizione si fanno sì la guerra per il potere, ma poi in molti casi si spartiscono il sottopotere.

Quando, ad esempio?

Un esempio tipico è quello della superstrada Pedemontana Veneta, un’opera che, come la cugina lombarda, è stata contestatissima, ma se si va a vedere la vuole anche il candidato del centrosinistra. Un altro esempio è la realizzazione degli ospedali col meccanismo del progetto di finanza che sconvolge le casse pubbliche. E un progetto rispetto al quale il centrodestra ha sempre fatto la voce grossa, ottenendo anche il grosso degli interessi e delle rendite di posizione, ma rispetto alle quali il centrosinistra non si è mai opposto. È in questo brodo che Zaia raggiunge questo risultato, perchè la gente dice “Se devo fare riferimento a chi considera il potere in questa maniera, preferisco l’originale piuttosto che la copia”. Zaia è un doroteo doc e non dimentichiamoci che uno dei suoi principali consigliori, l’avvocato Malvestio, è il prodotto di quel tipo di modo di intendere la politica, ma soprattutto i rapporti di forza con l’economia del territorio che qui conta tantissimo. Va poi messo in fila un altro concetto. Il Veneto ha questa concezione dorotea della politica: libertà di intrapresa deve essere lasciata indisturbata dal politico. Anzi, il politico la deve facilitare. Questo è un dato che, se non conosciuto o capito, impedisce di comprendere quella che è la realtà del Veneto.

Dove finisce Zaia se esce dal Veneto? È un modello riproducibile?

Non credo, anche perché ogni volta che qualche leghista ha provato a uscire dal recinto del Veneto è finita male, basti pensare a Tosi o ad altre esperienze del passato. Il problema di fondo è che Zaia, nella sua scalata a questa sorta di empireo, è stato aiutato. Ci sono dei casi evidenti in cui, anche se indirettamente, è arrivato del supporto dal governo. Basti pensare agli aiuti con la Pedemontana o ai silenzi di buona parte dell’opposizione rispetto agli scandali che a livello della sanità hanno toccato personaggi eccellentissimi della cerchia di Zaia. Da questo punto di vista Zaia non fa altro che impersonare una realtà antropologica che è quella in cui tendenzialmente si preferisce il mettersi d’accordo alla dialettica e allo scontro politico.

Sembra quasi di sentir parlare di una regione del sud…

Sì, è così, ma con alcune postille. Al Sud c’è la mafia, ma c’è anche l’antimafia. Se noi leggiamo la maggior parte delle inchieste che hanno riguardato la colonizzazione del territorio veneto da parte dei clan notiamo che, ad esempio, gli imprenditori sono quelli che li vanno a cercare i mafiosi. Da questo punto di vista il Veneto fornisce un blob che non ha nessun tipo di accenno di dialettica e di dinamica sociale. Da noi il sistema della cooptazione tende a prevalere su tutto.

Zaia ha detto: “Perché vinco? Io governo, non vado in giro a fare comizi”. Cosa ne pensa?

Anche questo è un modo di fare totalmente doroteo. Quando in Veneto si vuole attaccare qualcuno perché ha una presa di posizione, ad esempio, sul piano ambientale o urbanistico lo si accusa dicendo “tu vuoi fare politica“. Il bravo “politico”, invece, è quello che amministra e gestisce. Questo è un tratto tipico del modo di essere veneto che Zaia impersona alla perfezione. Va però citato anche un altro elemento: dal punto di vista umano Zaia risulta simpatico. Mentre Galan aveva molto potere ma era antipatico, Zaia viene visto – a torto o ragione – come quello con cui si può comodamente sedere al bar a bere una birra.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 35)

Foto dalla pagina Facebook di Luca Zaia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 22/10/20 delle 19:48

    Metroregione di gio 22/10/20 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 23/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 23/10/20

    Serve And Volley di ven 23/10/20

    Serve&Volley - 23/10/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 22/10/20

    Rotoclassica di gio 22/10/20

    Rotoclassica - 23/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 22/10/20

    A casa con voi di gio 22/10/20

    A casa con voi - 23/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 22/10/20

    Ora di punta di gio 22/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 22/10/20

    ..1- Stati Uniti. Questa notte l’ultima sfida prima del voto tra Joe Biden e Donald Trump...( Roberto Festa) ..2-Coronavirus, primo…

    Esteri - 23/10/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 22/10/20

    Malos di gio 22/10/20

    MALOS - 23/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 22/10/20

    Uno di Due di gio 22/10/20

    1D2 - 23/10/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 22/10/20

    Ospite della puntata di oggi, Laura Pescatori

    Jack - 23/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 22/10/20

    Considera l'armadillo gio 22/10/20

    Considera l’armadillo - 23/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 22/10/20

    Shaggy, Coldplay, Canzoni fotocopia, Nirvana, Offspring, Sum 41, Evanescence, 21 Savage, George Michael, Keith Jarrett, Morgan

    Stay human - 23/10/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 22/10/20

    Il futuro della pandemia da Covid-19, tra speranze generiche e aspettative più o meno solide. Quanto durerà? Ci accorgeremo di…

    Memos - 23/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 22/10/20

    Note dell'autore di gio 22/10/20

    Note dell’autore - 23/10/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 22/10/20

    ira rubini, cult, bookpride 2020, giorgio vasta, tiziana ricci, lo sposalizio della vergine, raffaello, brera, bruno munmari, the red lion,…

    Cult - 23/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 21/10/20

    Jazz Ahead 96 - Playlist: 1. Altalena, Franco D'Andrea new Things, New Things, Parco della Musica Records, 2020..2. YSC, Don…

    Jazz Ahead - 23/10/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 22/10/20

    Rispondiamo alle domande che sono arrivate; cerchiamo di capire che fine ha fatto la cura con il plasma; vi parliamo…

    37 e 2 - 23/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 22/10/20

    La Lombardia tra coprifuoco e ritorno della didattica a distanza. Intervista alla vicesindaca di Milano Anna Scavuzzo e al direttore…

    Prisma - 23/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 22/10/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 22/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 23/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 22/10/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 22/10/20

    Il demone del tardi - 23/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 22/10/20

    Fino alle otto di gio 22/10/20

    Fino alle otto - 23/10/2020

Adesso in diretta