Approfondimenti

L’Onu chiede aiuto per la Siria, la guerra in Ucraina, lo sciopero dei porti e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 10 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi dalle Nazioni Unite sono arrivati diversi appelli per facilitare l’arrivo di aiuti in Siria, dopo il terremoto devastante di quattro giorni fa. Le vittime accertate del terremoto continuano ad aumentare, al momento sono 23.259. Il nostro inviato Emanuele Valenti oggi è stato nella città di Antakya, nella provincia meridionale di Hatay. Kiev ha annunciato di aver fatto esplicita richiesta ai Paesi Bassi per la fornitura di caccia F-16. Il ministro olandese della difesa ha confermato ma ha commentato: “Prendiamo sempre molto sul serio tutte le richieste dell’Ucraina. Ma per quanto riguarda gli aerei da combattimento è molto complesso”. Sciopero di 24 ore nei porti italiani, dopo la morte sul lavoro di due operai negli ultimi due giorni.

Gli appelli dell’Onu per gli aiuti umanitari in Siria


Oggi dalle Nazioni Unite sono arrivati diversi appelli per facilitare l’arrivo di aiuti in Siria, dopo il terremoto devastante di quattro giorni fa. L’alto commissario Onu per i diritti umani ha chiesto un cessate il fuoco, mentre il Programma alimentare mondiale ha lanciato un allarme: “Stiamo esaurendo le scorte. Il valico di frontiera con la Turchia è aperto, ma dobbiamo aprirne altri perché le strade sono danneggiate”, ha detto una dirigente dell’organizzazione. Dopo 12 anni di guerra il paese resta diviso, col regime di Damasco che ne governa una parte e il resto che è in mano a gruppi diversi. Oggi i media statali hanno assicurato che il governo è pronto a mandare materiale umanitario anche verso aree che sono fuori dal suo controllo. Poche ore prima dagli Stati uniti era stata annunciata la sospensione di alcune sanzioni contro il regime, con l’obiettivo dichiarato di contribuire ai soccorsi. Domenico Chirico è un volontario della Mezzaluna rossa del Kurdistan e si trova nel nordest della Siria

Le vittime accertate del terremoto continuano ad aumentare, al momento sono 23.259. In queste ore dalle macerie vengono estratti altri corpi, ma anche persone sopravvissute sotto le rovine degli edifici crollati lunedì. In Turchia il presidente Erdogan ha ammesso che i soccorsi vanno più lentamente “di quanto sperato”. Nei giorni scorsi aveva parlato di “provocatori” dietro le denunce di ritardi nelle operazioni. Il nostro inviato Emanuele Valenti oggi è stato nella città di Antakya, nella provincia meridionale di Hatay

Il punto sulla guerra in Ucraina

In Ucraina sono risuonate a lungo e in più momenti della giornata le sirene anti aereo, dopo che questa mattina la Russia ha intensificato i bombardamenti nel sud e nell’est del paese, colpendo diverse infrastrutture energetiche. Secondo l’esercito ucraino diversi missili hanno invaso lo spazio aereo rumeno e quello moldavo. La Romania non ha confermato, mentre la Moldavia ha convocato l’ambasciatore russo.
Zelensky ha detto che i missili nello spazio aereo di Romania e Moldavia “sono una sfida per la Nato e la sicurezza collettiva” aggiungendo “Il mondo deve fermarlo”. Una dichiarazione che si posiziona sulla scia del viaggio di Zelensky in Europa, durante il quale ha puntato molto sul concetto che la sicurezza dell’ucraina equivale alla sicurezza dell’Europa per cercare di tornare in patria con l’assicurazione di nuovi invii di armi. Di questo anche si continua a discutere in Europa. Oggi Kiev ha annunciato di aver fatto esplicita richiesta ai Paesi Bassi per la fornitura di caccia F-16. Il ministro olandese della difesa ha confermato ma ha commentato: “Prendiamo sempre molto sul serio tutte le richieste dell’Ucraina. Ma per quanto riguarda gli aerei da combattimento è molto complesso”, confermando la linea già espressa da diversi paesi membri dell’unione europea per quanto riguarda l’invio di jet da combattimento. La tempistica dei bombardamenti di oggi sull’Ucraina sembra ricalcare quanto accaduto dopo tutte le iniziative di Zelensky con unione europea e stati uniti. Oltre all’intensificarsi dei bombardamenti, continua intanto anche la battaglia via terra, con le truppe russe che cercano di avanzare verso Kreminna, nel Lugansk e Bakhmut nel Donetsk. Oggi il capo della brigata Wagner, Prigozhin, interrogato sulla durata della guerra ha risposto: “”Se dobbiamo arrivare fino al Dnepr, tre anni, se dobbiamo prendere gli interi Donetsk e Lugansk, un anno e mezzo o due anni”. Oggi poi è arrivata anche un’altra notizia da Mosca. Il portavoce Peskov, ha annunciato che Putin il 21 febbraio terrà un discorso alla Duma e poi il giorno dopo allo stadio di Mosca. Il 21 febbraio è il giorno in cui un anno fa Putin riconosceva le repubbliche del Donbass e dava di fatto il via all’invasione. Ne abbiamo parlato con Giovanni Savino, docente universitario esperto di Russia

Dorin Recean è il nuovo primo ministro della Moldavia

In Moldavia oggi Dorin Recean, segretario del Consiglio di sicurezza nazionale, è stato nominato nuovo primo ministro dopo le dimissioni di Natalia Gavrilita. La premier oggi aveva annunciato le sue dimissioni quasi in concomitanza con la notizia del missile aereo nello spazio aereo del paese. I due eventi non sarebbero correlati, ma la ormai ex premier, nel suo discorso, ha parlato anche delle pressioni subite nell’ultimo anno a causa della guerra in Ucraina, considerando anche che Mosca ha delle truppe nella regione separatista della Transnistria.

Meloni e Tajani contro la Francia di Macron

(di Anna Bredice)

Giorgia Meloni e il ministro degli Esteri Tajani puntano il dito entrambi contro la Francia di Macron, ma dicendo due cose opposte. La presidente del Consiglio ha ribadito il suo giudizio, “quella cena era inopportuna, perché tutti i 27 paesi devono essere uniti con Zelensky, Tajani invece contesta Macron, ma dichiara che l’Italia doveva esserci a quella cena. Due pareri che dimostrano non solo una diversità di vedute tra Fratelli d’Italia e Forza Italia, ma anche l’improvvisazione del governo, applicata questa volta sul piano della diplomazia europea. Se Giorgia Meloni fosse stata invitata a Parigi, oggi avrebbe detto cose diverse e celebrato il successo del governo italiano in una Europa come lei stessa dichiara di serie A.
Del resto è quello che è accaduto con la call di qualche settimana fa con Biden, Macron, Scholz: all’inizio esclusa, poi all’ultimo inserita nel colloquio. In politica estera e in particolare nel contesto europeo, Giorgia Meloni non riesce a mostrare una posizione chiara, attratta dai richiami populisti e sovranisti delle origini, in questi tre mesi ha tentato con forza invece di rientrare nel nucleo più europeista e ristretto, con Francia e Germania, senza però convincere gli altri leader. Gli insuccessi su un piano li trasforma in vittoria sull’altro, ma ripetendo sempre lo stesso schema alla fine perde di credibilità. Risultati che risentono delle contraddizioni dentro il governo, lei avrebbe invitato Zelensky a Sanremo, Salvini invece non lo voleva. Ma tutto questo mostra anche una specie di improvvisazione del governo, una impreparazione nei dossier più delicati, come è accaduto su tanti fronti in questi mesi, dai decreti sui rave, alla legge di bilancio, fino al caso Nordio. Errori, fughe in avanti e poi retromarce, agisce così la presidente del Consiglio portandosi dietro almeno tre modi diversi di affrontare ogni tema e gli insuccessi alimentano una sorta di vittimismo: la colpa è sempre degli altri, dei giornali, della sinistra e in questo caso di Macron.

I porti italiani scioperano per i morti sul lavoro

Sciopero di 24 ore nei porti italiani, dopo la morte sul lavoro di due operai negli ultimi due giorni. Questa mattina a Civitavecchia, un lavoratore di 29 anni, si chiamava Alberto Motta, è rimasto schiacciato da un mezzo per il trasporto dei container mentre era alla guida di un muletto.
Ieri pomeriggio invece Paolo Borselli, operaio 58enne, era morto nel porto di Trieste dopo essere caduto in mare. Natale Colombo è segretario nazionale della Filt Cgil con delega ai porti e ai trasporti marittimi

Addio al regista spagnolo Carlos Saura

È morto a 91 anni Carlos Saura, uno dei più grandi registi del cinema spagnolo. Durante il regime franchista aveva combattuto contro la censura e nella sua lunga carriera aveva ottenuto grandi riconoscimenti, come l’Orso d’oro di Berlino nel 1981 e, per due volte, il premio della giuria al festival di Cannes. Il ricordo del critico cinematografico Mauro Gervasini

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/07 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 13-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 13-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 13-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/07/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-07-2024

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 13/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 12-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 20:31

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 12-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 12/07/2024

    Quando la location di oggi è il cinema e allora mangiamo popcorn ascoltando alcune tra le più iconiche colonne sonore di film. Salutiamo Davino al suo ultimo giorno di PCTO mangiando pasticcini e chiudiamo le tre aste aperte dell’operazione primavera. Non solo divertimento perchè torniamo a parlare dei fondi di coesione europei che ci riportano in Sicilia.

    Poveri ma belli - 12-07-2024

Adesso in diretta