Approfondimenti

L’omicidio dell’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio, gli insulti a Giorgia Meloni e le altre notizie della giornata

Luca Attanasio ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 22 febbraio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’ambasciatore italiano a Kinshasa, Luca Attanasio, è stato ucciso questa mattina in un agguato ad un convoglio ONU insieme all’autista locale e al carabiniere Vittorio Iacovacci, in servizio presso l’ambasciata italiana. L’Italia è in ritardo per produrre un vaccino anti-COVID e non riuscirà a recuperare il tempo perduto, ma le strade da provare a percorrere sono tre. Gli insulti a Giorgia Meloni arrivati dalla sinistra e l’annuncio dello scioglimento dei Daft Punk a 28 anni dalla loro formazione. Il piano in quattro fasi del Regno Unito per uscire dal lockdown. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Ucciso in un agguato l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio

Partiamo dall’uccisione, questa mattina, nella Repubblica Democratica del Congo, dell’ambasciatore italiano a Kinshasa, Luca Attanasio. Il diplomatico è morto in un agguato al convoglio ONU sul quale stava viaggiando. Con lui sono stati uccisi anche l’autista locale e un carabiniere, Vittorio Iacovacci, in servizio presso l’ambasciata italiana.
È successo vicino a Goma, siamo nella zona orientale della Repubblica Democratica del Congo, una regione instabile e ricca di materie prime. Il convoglio stava andando a visitare un progetto del PAM.
In un comunicato il Programma Alimentare Mondiale ha spiegato che l’itinerario era stato verificato in modo che il convoglio potesse procedere senza una particolare scorta.
Altre persone sono rimaste ferite.
Questa sera il governo congolese ha fatto sapere che altre tre sono invece state rapite.
Al governo italiano sono arrivati messaggi di cordoglio da tutto il Mondo.
Cosa può essere successo questa mattina? Nicolò Carcano è il responsabile progetti dell’AVSI in Congo e ha fatto più volte quella strada:

Poco fa il governo congolose ha detto che la responsabilità potrebbe essere delle Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda, uno dei tanti gruppi armati che operano in quella regione.
La procura di Roma ha aperto un’inchiesta. Domani una squadra dei ROS dovrebbe essere a Kinshasa.
Dietro all’estrema instabilità della zona orientale della Repubblica Democratica del Congo la ricchezza di materie prime, spesso usate per le i prodotti elettronici, come i cellulari, che usiamo tutti i giorni. Angelo Ferrari, giornalista dell’agenzia AGI, esperto di Africa:


 

L’Italia è in ritardo per produrre un vaccino anti-COVID e non riuscirà a recuperare il tempo perduto

(di Michele Migone)

Siamo terribilmente in ritardo. Avremmo dovuto puntare prima a un vaccino europeo o italiano per evitare la dipendenza da altri”. Silvio Garattini, lo scienziato, diceva così in un’intervista ieri a Radio Popolare. Il tema di una produzione nazionale del vaccino contro il Covid 19 è ora diventata una priorità del governo Draghi. Il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti incontrerà giovedì prossimo il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi per un primo confronto, ma recuperare il tempo perduto non sarà facile.
Nello scorso agosto, lo Spallanzani di Roma ha iniziato la sperimentazione del vaccino tricolore. A sei mesi di distanza siamo però ancora alla fase 2 e la fase 3, quella decisiva, finirà solo in estate. La produzione potrebbe iniziare solo quindi nel prossimo autunno, se non più in là, quando, però, si spera, le dosi di vaccino ottenute attraverso gli accordi europei dovrebbero, condizionale d’obbligo, aver portato già a una copertura della maggior parte della popolazione. Insomma, saremmo fuori tempo massimo per il vaccino italiano.
L’altra strada è di produrre in Italia dei vaccini già in circolazione. Difficile però pensare che vengano condivisi i brevetti. Ci sono personalità, come quella di Romano Prodi, per esempio, che hanno lanciato appelli affinché le multinazionali li condividano, ma sono stati lasciati cadere nel vuoto. Se comunque anche questo ostacolo venisse superato, però, al momento, l’Italia non avrebbe fabbriche di vaccini pronte a dedicarsi alla lotta contro il Covid 19. Per trasferire la tecnologia necessaria nei nostri impianti ci vorrebbero almeno 6, 8 mesi e investimenti per centinaia di milioni di euro.
E quindi? Quindi, la terza via, quella da seguire sarebbe quella di sfruttare le nostre fabbriche per produrre vaccini in conto terzi, fare parte della catena. Lo ha spiegato Giorgio Palù, il presidente dell’Aifa, “l’industria potrebbe fare la sua parte per fronteggiare l’emergenza” intervenendo in varie fasi della produzione dei vaccini autorizzati “come i processi di diluizione, filtrazione, concentrazione e infialamento“. Ma, anche in questo caso bisogna recuperare il tempo perduto. Perché siamo in ritardo.

Quegli insulti da sinistra, sessisti e classisti

(di Lorenza Ghidini)

Di Giorgia Meloni, sinceramente, non vorremmo parlare, se non per ricordare che nel suo ambiente politico la volgarità, il maschilismo e l’attacco personale sono sdoganati da sempre.
Questo però non ci autorizza a dire che si sia meritata certi epiteti, o che se li sia andata a cercare, perché noi non siamo come loro, giusto? Noi, noi di sinistra, siamo diversi.
O forse no. Alzi la mano chi di voi lettrici che non si è mai trovata a disagio, per non dire di peggio, in un contesto da cui si sarebbe aspettata più rispetto. In un ambiente acculturato, magari anche attento al linguaggio che si usa. Di sinistra, appunto. [CONTINUA A LEGGERE]

Si sciolgono i Daft Punk. L’annuncio a 28 anni dalla fondazione del gruppo

(di Niccolò Vecchia)

Negli ultimi 30 anni, pochi progetti musicali sono stati così influenti e popolari come i Daft Punk. Il duo parigino, composto da Thomas Bangalter e Guy-Manuel de Homem-Christo, fin dalla fondazione nel 1993 e dal disco d’esordio “Homework”, pubblicato nel ‘97, ha contribuito a creare un suono nuovo e originale, proponendo un ideale ponte tra l’elettronica rigorosa dei Kraftwerk e l’edonismo house del “French touch”. Poi, disco dopo disco, lo spettro sonoro del duo si è ampliato, abbracciando molti generi del pop internazionale, senza mai perdere personalità e creatività. Il tutto nel giro di quattro album e una colonna sonora: l’ultimo lavoro, “Random Access Memory”, risale al 2013 e fu un successo enorme, non solo per il singolo “Get Lucky” che divenne colonna sonora globale per diversi mesi. L’annuncio dello scioglimento, fedele allo stile di due producer che sono sempre apparsi in pubblico con il volto celato da caschi cromati, è avvenuto con un video silenzioso ed evocativo, intitolato Epilogo, condiviso attraverso i loro canali social. L’ufficio stampa dei Daft Punk, senza però condividere dettagli sulle motivazioni della scelta, ha confermato la notizia, che è diventata immediatamente virale in tutto il mondo, accompagnata dal rammarico del vastissimo pubblico di appassionati della musica della band.

Come uscire dal lockdown? Il piano in quattro fasi di Boris Johnson

Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato un piano in quattro fasi per l’uscita del Paese dal lockdown. Si partirà con la riapertura delle scuole l’8 marzo e qualche allentamento delle restrizioni sociali fra l’8 e il 29. Poi ci saranno alleggerimenti più estesi il 12 aprile, con diverse riaperture, e il 17 maggio, con il parziale via libera ai pub. Il superamento generale delle misure è previsto, invece, per il 21 giugno.
Johnson ha parlato dei successi della campagna vaccinale, ma ha aggiunto che nessun siero è efficace al 100% e che, alleggerire il lockdown, significherà avere “purtroppo più contagi, più ricoveri e più morti“. Si è detto pronto ad assumere il rischio, perché “non possiamo proseguire indefinitamente con restrizioni che colpiscono l’economia, la vita delle persone e la loro salute mentale”. Tutti i passaggi saranno comunque condizionati dall’andamento della campagna vaccinale, dal calo persistente di casi e decessi, dall’indice Rt, dal contenimento di nuove varianti.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 9.630 i casi di Covid accertati in Italia nelle ultime 24 ore, in calo rispetto al giorno prima, ma a fronte di un numero minore di tamponi, come spesso accade nel weekend. Sono stati 170mila i test effettuati, circa 80mila in meno rispetto al giorno prima. Il tasso di positività si mantiene al 5,6%. 274 i morti comunicati oggi, un numero ancora alto, ma per il terzo giorno consecutivo sotto quota 300. In aumento sia i ricoveri nei reparti ordinari, sia in terapia intensiva.
Nuove restrizioni vengono adottate a livello locale. Dalla mezzanotte di oggi 20 comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo, passeranno in zona arancione. Lo ha deciso il presidente delle Marche Acquaroli, dopo l’aumento dei casi, dovuto alla presenza della variante inglese. Sotto osservazione anche il bresciano. Il Cts nazionale sta valutando i dati della provincia. Anche qui potrebbero scattare nuove restrizioni.
Il governo Draghi, intanto, ha approvato il suo primo decreto sull’emergenza Covid, rinnovando fino al 27 marzo il divieto di spostamento tra regioni. Tra le novità: in zona rossa non sarà più possibile muoversi per fare visita a casa di amici o parenti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 28/02/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/02/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'e' di buono del dom 28/02/21

    C'e' di buono del dom 28/02/21

    C’è di buono - 28/02/2021

  • PlayStop

    Onde Road di dom 28/02/21

    Onde Road di dom 28/02/21

    Onde Road - 28/02/2021

  • PlayStop

    Dido di dom 28/02/21

    Dido di dom 28/02/21

    Dido – Conversazioni della domenica - 28/02/2021

  • PlayStop

    Chassis di dom 28/02/21

    Chassis di dom 28/02/21

    Chassis - 28/02/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 28/02/21

    Favole al microfono di dom 28/02/21

    Favole al microfono - 28/02/2021

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 27/02/21

    Slide Pistons di sab 27/02/21

    Slide Pistons – Jam Session - 28/02/2021

  • PlayStop

    Snippet di sab 27/02/21

    Snippet di sab 27/02/21

    Snippet - 28/02/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 27/02/21

    Conduzione Musicale di sab 27/02/21

    Conduzione musicale - 28/02/2021

  • PlayStop

    On Stage di sab 27/02/21

    ira rubini, on stage, rosario lisma, giusto, teatro della tosse, streaming, isabella carloni, libro le irriverenti, titivillus editore, giovanni chiodi,…

    On Stage - 28/02/2021

  • PlayStop

    Passatel di sab 27/02/21

    Passatel di sab 27/02/21

    Passatel - 28/02/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 27/02/21

    Pop Up di sab 27/02/21

    Pop Up Live - 28/02/2021

  • PlayStop

    Sidecar di sab 27/02/21

    Sidecar di sab 27/02/21

    Sidecar - 28/02/2021

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 27/02/21

    I Girasoli di sab 27/02/21

    I girasoli - 28/02/2021

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 27/02/21

    Sabato Libri di sab 27/02/21

    Sabato libri - 28/02/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 27/02/21

    Itaca di sab 27/02/21

    Itaca - 28/02/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 27/02/21

    Itaca Rassegna di sab 27/02/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 28/02/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 27/02/21

    Mash-Up di sab 27/02/21

    Mash-Up - 28/02/2021

Adesso in diretta