Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 10/12 delle ore 18:30

    GR di mar 10/12 delle ore 18:30

    Giornale Radio - 12/10/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 10/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 10/12 delle 07:15

    Metroregione di mar 10/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12 (prima parte)

    Malos di mar 10/12 (prima parte)

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12 (seconda parte)

    Malos di mar 10/12 (seconda parte)

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12

    Malos di mar 10/12

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12 (prima parte)

    Due di due di mar 10/12 (prima parte)

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12 (seconda parte)

    Due di due di mar 10/12 (seconda parte)

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12

    Due di due di mar 10/12

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12 (seconda parte)

    Jack di mar 10/12 (seconda parte)

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12 (prima parte)

    Jack di mar 10/12 (prima parte)

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12

    Jack di mar 10/12

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 10/12

    Si parla con Rosario Balestrieri, Segretario di Ciso Centro Italiano Studi Ornitologici, di Giornata Internazionale per i Diritti Animali, del…

    Considera l’armadillo - 12/10/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 10/12

    Radio Session di mar 10/12

    Radio Session - 12/10/2019

  • PlayStop

    Memos di mar 10/12

    «Società ansiosa di massa, stratagemmi individuali, scomparsa del futuro, pulsioni antidemocratiche, uomo forte». E’ solo un elenco parziale delle espressioni…

    Memos - 12/10/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 10/12

    Tazebao di mar 10/12

    Tazebao - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 10/12

    LA STRAGE DI PIAZZA FONTANA - Presentato :LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 12/10/2019

  • PlayStop

    A come America del mar 10/12

    A come America del mar 10/12

    A come America - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (terza parte)

    Prisma di mar 10/12 (terza parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (prima parte)

    Prisma di mar 10/12 (prima parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (seconda parte)

    Prisma di mar 10/12 (seconda parte)

    Prisma - 12/10/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Lo scontro finale nel Pd

Nel Pd è in atto uno scontro finale. La posta va oltre le alleanze in vista delle elezioni politiche. Riguarda la cultura stessa del partito, una volta si sarebbe detto l’ideologia.Nel Pd continuano a esserci due corpi separati, come prima della scissione.Renzi e i suoi da una parte, il resto del partito dall’altra.Usciti D’Alema, Bersani e la Ditta, lo scontro adesso è tra Renzi e gli altri fondatori. Veltroni, Franceschini, Romano Prodi. Quel che resta della cultura socialdemocratica e della componente cattolico sociale. Si scontrano con Renzi sul centrosinistra, ma gli stanno dicendo che ha stravolto l’essenza del Pd. Il ministro della Cultura lo afferma con chiarezza: “stiamo perdendo contatto coi ceti sociali che sono da sempre la base del nostro consenso”. Veltroni aveva parlato di un Pd senza più una identità. Renzi invece sta approfittando della sconfitta alle amministrative per allontanarsi ancora di più dal centrosinistra e la ragione è speculare: dare l’ultimo strappo alla cultura politica del partito, lavorando a una forza politica liberale che abbandoni al proprio destino la vecchia tradizione. Si spiega probabilmente così la ostentata indifferenza alle sconfitte nelle città storiche della sinistra, da Genova a Sesto San Giovanni. Renzi insegue il sogno di un macronismo in versione italiana, partendo da una struttura che già controlla, il Pd, invece che da zero come il neo presidente francese. Quanti consensi possa ottenere, è la vera incognita. In Italia, come in Francia, la destra è ormai salvinizzata nei temi prima ancora che nelle sigle e nelle formule. La sinistra è ai minimi termini. Ma le analogie finiscono qui. Il centro, per antica consuetudine, è cattolico, moderato, diviso tra anima conservatrice e anima sociale.E i sentimenti di insoddisfazione, di rabbia, di rifiuto della politica sono molto profondi e Renzi è un leader divisivo, catalizzatore di profonde antipatie. Fattori che rendono il calcolo di Renzi al limite dell’azzardo.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni