Approfondimenti

Lo scontro finale. Ancora una volta

Maurizio Martina

 

Chi potrebbe modificare i rapporti di forza nella direzione del Partito Democratico di oggi è Franceschini. Il democristiano di vecchio corso, l’uomo che nella scorsa legislatura controllava i gruppi parlamentari e nel 2014 tolse i suoi voti a Enrico Letta per consegnarli a Renzi, oggi viene considerato l’unico in grado di avere le armi politiche per sottrarre consensi a Renzi in direzione, indebolendolo così nel partito. La conta di oggi nel Pd sarà importante perché per la prima volta saranno tutti contro Renzi, esplicitamente.

Ma è un risultato parziale, incompleto. La giornata di ieri è trascorsa senza che si trovasse un accordo su cosa proporre: un ordine del giorno, oppure l’approvazione della relazione che Martina leggerà domani. Il reggente è stato sconfessato in pubblico da Renzi, non in una sede di partito ma in televisione, rispetto all’ipotesi di un dialogo col Movimento 5 Stelle. Sarebbe abbastanza perché si dimettesse accelerando verso il congresso ma in questo momento ai non renziani il congresso non conviene.

Se Renzi rimane Renzi, gli ‘altri’ non hanno una linea comune e non hanno un candidato comune in grado di battere il senatore di Firenze. Ecco perché si muovono con quella che appare come una prudenza perfino eccessiva. La loro paura è che oggi Renzi in direzione attacchi Martina in maniera frontale, decidendo per la prova di forza finale. Nelle ore prima dell’appuntamento al Nazareno, oggi alle 15, altre riunioni.

Uscirà forse la strategia comune dei non renziani e sarà più chiara la posizione renziana. Ma la nemmeno oggi il Pd darà le risposte che il paese attende. Quale linea politica ha il partito che rappresenta quel che resta del centrosinistra in Italia? Quale idea di futuro? Quali politiche concrete?

Maurizio Martina

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 28/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 28/01/21

    Note dell'autore di gio 28/01/21

    Note dell’autore - 28/01/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 28/01/21

    Cult di gio 28/01/21

    Cult - 28/01/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 28/01/21

    37 e 2 di gio 28/01/21

    37 e 2 - 28/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 28/01/21

    Prima parte: crisi di sistema, più che crisi di governo? L'opinione di Filippo Ceccarelli giornalista e scrittore. - Seconda parte:…

    Prisma - 28/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/01/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 28/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/01/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/01/21

    Il demone del tardi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 28/01/21

    Fino alle otto di gio 28/01/21

    Fino alle otto - 28/01/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead - 28/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 28/01/2021

Adesso in diretta