Approfondimenti

Lo scontro di Renzi con Mattarella e Franceschini

Renzi da una parte, il Capo dello Stato Mattarella, Franceschini e, un po’ più defilato, Orlando, dall’altra.

La partita ora si gioca qui ed è uno scontro.

Mattarella vuole un governo istituzionale di legislatura, guidato dal presidente del Senato, Piero Grasso. Non è disponibile ad assecondare Renzi nel suo tentativo di andare a elezioni il più in fretta possibile. E quando Renzi, lunedì, è salito al Quirinale, tra i due sono state scintille. Renzi è descritto come arrabbiatissimo. Dalla parte di Mattarella si è schierato Dario Franceschini, che nel Pd è stato fino a oggi alleato fondamentale del segretario. Ieri, dopo che Renzi aveva fatto dire al ministro dell’Interno Alfano che si sarebbe dovuto votare a febbraio, Franceschini lo ha stoppato.

Stai con me?” gli ha chiesto Renzi

“No” è stata la risposta.

Un “no” pesante è arrivato anche da Orlando, uomo che è considerato vicino all’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. 

“No” significa che Renzi rischia di perdere il controllo del partito. I suoi alleati gli hanno detto che si deve calmare, che deve smetterla con la strategia dell’attacco a tutti i costi, che deve rendersi conto che ha perso il referendum e male. E che quindi ora deve assumere una linea più morbida nel partito e fuori, se vuole ancora il loro appoggio.

Una situazione durissima da cui Renzi proverà a uscire rilanciando.

“Volete il governo istituzionale? Sono d’accordo, è la strada giusta. Ma un governo istituzionale, di legislatura, guidato dal presidente del Senato deve avere il sostegno di tutti, non solo del Pd, che ha perso il referendum”. E’ un argomento, che sul piano logico non farebbe una grinza, utilizzato da Renzi per stanare gli avversari. Grillo non accetterà mai. E dirigenti di Forza Italia ieri sera hanno fatto sapere che anche Berlusconi dirà no. Non accetta, Berlusconi, di rompere l’alleanza con Salvini per sostenere il governo istituzionale.

A quel punto Renzi sarebbe pronto a giocare la sua carta. Un governo guidato dal fedelissimo Gentiloni per fare le modifiche alla legge elettorale necessarie a evitare di consegnare troppo facilmente il Paese a Grillo e poi le elezioni, a primavera. Contando, è il calcolo, di aver così neutralizzato Mattarella, Franceschini e gli altri che provano a metterlo sotto tutela: lui il tentativo lo avrà fatto, in modo trasparente, saranno stati Berlusconi e Grillo a dire no. Quindi, non potranno imputargli nulla e non potranno voltargli le spalle nel partito, quando si dovrà varare il nuovo esecutivo e riscrivere la legge elettorale (sapendo che invece la minoranza bersaniana frena sui tempi e sul metodo), quando arriverà il congresso e quando ci saranno le elezioni.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 23/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 23/04/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 23/04/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 23/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 23/04/21

    Uno di Due di ven 23/04/21

    1D2 - 23/04/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 23/04/21

    Jack di ven 23/04/21

    Jack - 23/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/04/21

    Stay Human di ven 23/04/21

    Stay human - 23/04/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 23/04/21

    Un gigantesco trasferimento di ricchezza, dai poveri ai ricchi. In vent’anni, tra il 1995 e il 2016, il 50% più…

    Memos - 23/04/2021

  • PlayStop

    Daniele Cassandro, Avanti popolo

    DANIELE CASSANDRO - AVANTI POPOLO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 23/04/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 23/04/21

    ira rubini, cult, piccolo teatro aperto, coordinamento spettacolo lombardia, parlamento culturale permanente, 25 aprile liberazione, marta pistocchi, ambra falcone, tiziana…

    Cult - 23/04/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 23/04/21

    Che cosa è la Povertà energetica? Ne parliamo con Paola Valbonesi dell’Università di Padova, una delle protagoniste dell’Osservatorio Italiano sulla…

    C’è luce - 23/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 23/04/21

    Prisma di ven 23/04/21

    Prisma - 23/04/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 23/04/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 23/04/21

    Il giorno delle locuste - 23/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 23/04/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 23/04/21

    Il demone del tardi - 23/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 23/04/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 23 aprile 1985, in Argentina,…

    Fino alle otto - 23/04/2021

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 23/04/21

    Serve And Volley di ven 23/04/21

    Serve&Volley - 23/04/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 22/04/21

    Rotoclassica: In studio remoto Claudio Ricordi..-la Scala si prepara a portare spettacoli nei quartieri milanesi..-Pappano al Covent Garden..-Gustavo Dudamel all’Opéra…

    Rotoclassica - 23/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 22/04/21

    News Della Notte di gio 22/04/21

    News della notte - 23/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 22/04/21

    con Alessandro Diegoli. - sottoscrizione a premi rp..- punto quotidiano metro..- collegamento con l'Austria..- collegamento con un milanese (membro delle…

    A casa con voi - 23/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 22/04/21

    Ora di punta di gio 22/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/04/2021

Adesso in diretta