Approfondimenti

L’incarico a Fico, quasi tutta l’Italia in zona gialla e le altre notizie della giornata

recovery-plan

Il racconto della giornata di venerdì 29 gennaio 2021 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia all’incarico esplorativo affidato a Fico da Mattarella dopo l’ultima giornata di consultazioni con Salvini che preme per il voto anticipato. Da domenica quasi tutta l’Italia torna in zona gialla, mentre in Europa arriva il terzo vaccino contro il COVID-19, quello di AstraZeneca. Le consulenze retribuite di Matteo Renzi al governo dell’Arabia Saudita e la sua intervista propagandistica al Principe Reggente Mohammed Bin Salman diventano un caso politico. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

Mattarella affida l’incarico a Fico: 3 giorni di trattativa per tentare di ricomporre la frattura M5S-Renzi

Ora tocca al presidente della Camera Fico verificare se il governo Conte, nella sua terza versione, può rinascere. “Bisogna fare presto, la pandemia e le conseguenze sociali ed economiche hanno bisogno di un governo che abbia un adeguato sostegno parlamentare”, Mattarella ha parlato alla fine delle 32 ore di consultazioni dicendo che la prospettiva di un governo politico con l’attuale maggioranza va verificata perché bisogna chiudere in fretta questa crisi in un momento ancora drammatico. Fico quindi dovrà capire, sedendosi al tavolo con i partiti, se le divergenze possono essere ricomposte, sicuramente quindi questo sarà il primo passaggio, solo dopo, se emergerà che Renzi in realtà non vuole Conte, e che questo rappresenta il problema principale, allora ci sarà un nuovo giro di consultazioni al Quirinale. La svolta nella giornata è stata data dal Movimento cinque stelle, che forse per stanare Renzi, ha detto che non pone veti nei confronti di nessuno, quindi neppure verso Italia viva, creando naturalmente una grande crepa dento al Movimento, con Di Battista già pronto a lasciare, ma Di Maio ha dato la linea stoppando tutte le polemiche verso Renzi e scegliendo di andare a vedere cosa realmente l’ex sindaco di Firenze vuole. Tutti i partiti della maggioranza sono d’accordo quindi a ricreare un governo politico nel perimetro attuale, le distanze restano enormi, perché se Fico avrà da Renzi un sì, a patto che cambi completamente il programma di governo, gli altri dovranno dire accettare oppure no, ma in ogni caso, toccherà a Renzi ora decidere se riprovare con Conte oppure avere lui la responsabilità di passare alla seconda fase di questa crisi, dopo la quale ci sono le elezioni anticipate.

Salvini vuole il voto anticipato

Oggi pomeriggio al Quirinale sono salite le delegazioni de centrodestra e del Movimento 5 Stelle. Per il centrodestra aveva parlato Salvini che aveva chiesto nuove elezioni, affermando di essere compatto da questo punto di vista.

Lo stesso Salvini aveva aggiunto: “Se non si andasse al voto tutti i componenti si sono riservati di valutare ogni decisione che spetta al Capo dello Stato”.
Deciso a difendere l’ipotesi di Conte premier è stato Vito Crimi per il Movimento 5 Stelle, per un governo politico “a partire da questa maggioranza” ha detto Crimi.

Le parole di Crimi, interpretate come una apertura a Renzi, hanno subito spaccato il movimento 5 Stelle. Di Battista, sui social, ha scritto che se ci fosse una nuova maggioranza con Renzi, lui lascerebbe il movimento”.
Se il Movimento dovesse tornare alla linea precedente io ci sono. Altrimenti arrivederci e grazie” ha scritto.

Quasi tutta l’Italia in zona gialla

Quasi tutta l’Italia si tinge di giallo. A breve il ministro della Salute Speranza firmerà le ordinanze per i cambi di fascia. Da domenica molte regioni passano in zona gialla, tra cui il Lazio e a sorpresa anche la Lombardia. Nessuna regione è in zona rossa, mentre restano in arancione Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano. Le decisioni arrivano in seguito al monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità, secondo cui c’è stato un miglioramento generale dei parametri. L’indice di contagio Rt è sceso a livello nazionale allo 0,85. Solo una regione resta a rischio alto, l’Umbria.

Il bollettino giornaliero segna ancora un elevato numero di morti. Sono state 477 le vittime comunicate oggi, circa 13mila i nuovi casi.

Il terzo vaccino anti-COVID arriva in Europa

In Europa c’è il terzo vaccino contro il Covid. L’Ema, l’agenzia europea del farmaco, ha approvato il siero di Oxford-Astrazeneca che adesso potrà essere messo in commercio nell’Unione. Restano però ancora diversi interrogativi. Il vaccino potrà essere somministrato anche a chi ha più di 55 anni, “nonostante” – dice l’Ema – “sia ignota la sua efficacia su questa fascia d’età”. La maggior parte dei test del vaccino anglo-svedese, infatti, sono stati condotti su volontari più giovani. Secondo l’Ema, inoltre, non è nota nemmeno l’efficacia del vaccino sulle nuove varianti del coronavirus. Tra Astrazeneca e la Commissione europea resta intanto aperto lo scontro sui tagli alla distribuzione delle dosi. Oggi Bruxelles ha pubblicato il contratto stipulato con la casa farmaceutica. “Gli ordini sono vincolanti”, ha attaccato la presidente Von der Leyen.  Il testo presentava diverse sezioni oscurate, ma un giornalista tedesco è riuscito a rivelarle.

Vittorio Agnoletto, medico e nostro collaboratore:

La vicinanza di Renzi all’Arabia Saudita diventa un caso politico

Le consulenze retribuite di Matteo Renzi al governo dell’Arabia Saudita, la sua intervista propagandistica al Principe Reggente Mohammed Bin Salman, alla fine, sono diventate un caso politico e un elemento della già complicata crisi di governo.

Il grillino Pino Cabras ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla questione. Un atto per alimentare la tensione con Italia Viva fatto da un esponente di quella parte del Movimento Cinque Stelle che non vorrebbe riprendere il dialogo con Renzi.

L’iniziativa di Cabras è stato stoppata da Luigi Di Maio. Il ministro degli esteri ha chiamato il deputato e gli ha chiesto di ritirare l’interpellanza. Non è il momento di far saltare tutto, gli ha spiegato.

Renzi ha risposto all’offensiva di parte dei grillini con un video in cui li accusa di usare la vicenda come un diversivo. In realtà, la questione c’è tutta. Al di là del Palazzo,  sono state numerose le critiche e le polemiche per la sua consulenza a uno dei regimi più autoritari del Medioriente. La politologa Nadia Urbinati ha proposto attraverso i social di inondare di lettere e messaggi il Senato per chiedere un’inchiesta da parte del Presidente Casellati:

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta