Approfondimenti

L’inaspettato successo della serie tv Ted Lasso

ivano fossati

Agli Emmy – i premi assegnati dall’Academy televisiva, l’equivalente per il piccolo schermo degli Oscar – quest’anno ci sono state praticamente solo tre serie trionfatrici. Ma se The Crown e La regina degli scacchi, entrambe targate Netflix e premiate rispettivamente come miglior serie drammatica e miglior miniserie, sono di grandissimo successo anche qui in Italia, il titolo che ha vinto come miglior comedy, cioè Ted Lasso, da noi non è conosciuto quanto negli Usa e, in generale, nel mondo anglofono. C’entra prima di tutto il fatto che sia prodotto e distribuito da AppleTv+, una piattaforma streaming ancora relativamente poco nota e poco diffusa, nonostante sia disponibile gratuitamente per alcuni mesi a chi acquista un device dell’azienda di Cupertino: lanciata a fine 2019, non propone un catalogo straripante di contenuti sempre nuovi come Netflix o Amazon Prime Video, ma punta su una selezione ridotta di titoli originali, quasi tutti di elevata qualità, anche grazie agli ingenti investimenti che può permettersi una delle multinazionali più ricche al mondo, che le consentono di assumere grandi star (vedi l’altra serie di punta, The Morning Show, con Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, di cui è partita in questi giorni la seconda stagione). Ma, con la prima annata distribuita nell’estate del 2020,
Ted Lasso è diventata un grande successo delle visioni durante la pandemia,
montato settimana dopo settimana grazie a un inarrestabile passaparola.

Un successo ancor più atipico se si pensa quale sia l’origine dello show, ovvero
una serie di spot pubblicitari realizzati anni fa da un canale televisivo
statunitense per convincere il riottoso pubblico americano a guardare le
partite di calcio della Premiere League inglese: degli spot era protagonista
appunto Ted Lasso, interpretato dal comico Jason Sudeikis, un allenatore di
football americano che proprio non riusciva a capire le regole del soccer. Il
personaggio piacque a tal punto che AppleTv+, in cerca di contenuti in
esclusiva da sviluppare, propose a Sudeikis e all’ex autore di Scrubs Bill
Lawrence di costruirci un’intera serie tv. E così Ted Lasso racconta di questo
coach di college football che da Kansas City si ritrova catapultato a Londra,
assunto dalla nuova proprietaria di una squadra da media classifica della
Premiere League, intenzionata a far retrocedere il team per far soffrire il
marito da cui ha appena divorziato dopo molteplici infedeltà.

La leva comica iniziale si basa tutta sulle piccole differenze di comportamento, linguaggio e attitudine tra i due lati dell’oceano, con il gioviale Ted che, con ottimismo, intelligenza emotiva e disarmante sincerità riesce a conquistare uno dopo l’altro i ruvidi, cinici e repressi inglesi (senza mai riuscire a imparare davvero le regole del calcio). La precisione della scrittura di battute e personaggi, leggeri e buffi senza mai essere banali o sciocchi (proprio come Ted, appunto) è la forza dello show, che esattamente come il suo protagonista riesce a far capitombolare anche i cuori più aridi: una botta di positività e di fiducia nel futuro e nel prossimo di cui il pubblico sembrava avere disperatamente bisogno in un’annata così cupa, e anche una discreta boccata d’ossigeno rispetto a tante sitcom fondate sul sarcasmo, la goliardia e/o protagonistI discutibili.

La seconda stagione è andata in onda quest’estate, attesissima da chi si era messo in pari durante i lunghi mesi di autoconfinamento, scatenando sui social reazioni accesissime come ormai avviene per qualsiasi titolo che raggiunga un certo successo: da un lato il racconto non arretra di un millimetro nella sua fiducia totale nella bontà che alberga in ognuno di noi, dall’altro inizia a mettere in campo qualche problematicità dei personaggi,
cercando di smontare il mito dell’ottimismo a tutti i costi. Agli Emmy di stanotte ha segnato un risultato strabiliante, vincendo come miglior comedy, miglior attore protagonista per Jason Sudeikis, e migliori non protagonisti per Hannah Whaddingam e Brett Goldstein. Se deciderete di darle una possibilità, difficilmente rimarrete delusi.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 21/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 21/10/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 21/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 21/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giuseppe Mariano Delogu, Dalla Parte Del Fuoco

    GIUSEPPE MARIANO DELOGU - DALLA PARTE DEL FUOCO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 21/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 21/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina di gio 21/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 21/10/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 21/10/21

    Cult di gio 21/10/21

    Cult - 21/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di gio 21/10/21

    Tutto scorre di gio 21/10/21

    Tutto scorre - 21/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 21/10/21

    IL RUOLO DI BERLUSCONI NELLA CRISI DEL CENTRODESTRA con Paola Di Caro giornalista del Corriere, Alessandra Ghisleri Direttrice Euromedia Research…

    Prisma - 21/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 21/10/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 21/10/21

    Il demone del tardi - 21/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 21/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 21/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 21/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 21/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 21/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 21/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 21/10/2021

  • PlayStop

    The weekly report di gio 21/10/21

    Il report di questa settimana ci porta nelle novità dell'indie rock, con le chitarre che tornano a raccontare il presente.…

    The Weekly Report - 21/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 20/10/21

    Jazz Ahead 144 - Playlist: ..1. Revolution, She's Analog, What I Bring, What I Leave, Auand, 2021..2.Savannah, Hermon Mehari, Alessandro…

    Jazz Ahead - 21/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 20/10/21

    News Della Notte di mer 20/10/21

    News della notte - 21/10/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 20/10/21

    Puntata 46 - Qualità di spazi e musica, sorprendenti per eterogeneità e ricchezza...1. The Beatles “One after 909”..2. Billy Preston…

    Gimme Shelter - 21/10/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 20/10/21

    Il giusto clima di mer 20/10/21

    Il giusto clima - 21/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 20/10/21

    Quel che resta del giorno di mer 20/10/21

    Quel che resta del giorno - 21/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 20/10/21

    1- Il 2021 al nemico di Putin ..L’europarlamento ha premiato Alexei Navalny, personaggio controverso famoso anche per le sue posizioni…

    Esteri - 21/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 20/10/21

    //Lavoro, sofferenza, dimissioni. Dai casi americani a quelli italiani sono soprattutto le scelte individuali - piuttosto che le azioni collettive…

    The Game - 21/10/2021

  • PlayStop

    Tivì ed od tivù

    quando ci facciamo travolgere dallo switch off televisivo, dal bonus per l'efficientamento energetico, dal fascino di Montevideo e dalla profondità…

    Poveri ma belli - 21/10/2021

Adesso in diretta