Approfondimenti

L’era di Boris Johnson sembra essere al capolinea, la lettera di Conte a Draghi e le altre notizie della giornata

boris johnson

Il racconto della giornata di mercoledì 6 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dallo scandalo del partygate, alla sfiducia, fino alle dimissioni nel governo: l’era Johnson sembra essere davvero al capolinea. Scampata la crisi imminente, Conte lancia un “penultimatum” accompagnato da una lunga lettera con illustrati nove punti di discussione. Oggi il governatore di Donetsk Kyrylenko ha invitato le persone rimaste a fuggire, per poter attaccare il nemico e portare avanti le operazioni militari. A distanza di tre anni dal voto al Parlamento Europeo, Ursula Von der Leyen vede una spaccatura nella sua maggioranza. A quattro giorni dalla tragedia della Marmolada, si ragiona sulla percezione che si avrà della montagna d’ora in avanti. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia. 

É la fine dell’era Johnson?

Boris Johnson sembra essere davvero al capolinea. Il suo stesso partito lo ha mollato, dopo l’ultimo scandalo.
Oggi e’ stata una giornata drammatica per Downing Street, con dimissioni a raffica dal governo, anche di ministri di grande peso politico, fino alla richiesta, arrivata dai maggiorenti del partito conservatore, di fare un passo indietro.

Dalla Gran Bretagna, il nostro collaboratore Daniele Fisichella:

Il “penultimatum” e i nove punti della lettera di Conte

di Anna Bredice

Alcuni l’hanno definito l’ennesimo ‘penultimatum’, altri il tentativo di mantenere alta la tensione per non soccombere anche alle spinte che arrivano dall’interno per uscire dal governo, ma i nove punti della lunghissima lettera di Conte a Draghi non sembrano aver preoccupato molto il Presidente del Consiglio, il quale, mentre Conte tuonava fuori da Palazzo Chigi annunciando le sue condizioni per rimanere, rilasciava una nota dal tono completamente diverso, “un colloquio cordiale a cui ne seguiranno altri, con punti che il governo può considerare”.
Sarà una sorta di scaricabarile reciproco per non essere indicato come ultimo responsabile della crisi di governo, ma l’incontro di oggi per ora toglie quell’impressione di una crisi imminente. Conte nel pomeriggio ha continuato a diffondere un clima di suspense, ad esempio annunciando che sulla fiducia bisogna ancora decidere, ma già intorno alle due in Transatlantico alla Camera fonti dei Cinque Stelle rivelavano che domani la fiducia sul decreto aiuti verrà votata, salvo poi astenersi nel voto finale di lunedì, rinviando la questione termovalorizzatore a Roma e superbonus o ad un altro provvedimento oppure modificandolo al Senato.
Del resto, il tema specifico del termovalorizzatore non era citato tra i nove punti della lettera di Conte. Un documento con una lunga premessa per mostrare il disappunto per non essere considerati come si dovrebbe dal governo, un po’ di risentimento per i tentativi di emarginazione anche nelle decisioni a Palazzo Chigi e poi i nove punti dove la questione guerra viene affrontata in termini piuttosto generici senza la minaccia di non votare un nuovo decreto sulle armi.
Ci sono punti come il reddito di cittadinanza, la transizione ecologica, il salario minimo, subito rilanciato anche da Grillo, tema che anche il Pd condivide e che potrebbe essere il punto su cui si registra il maggior accordo.
Naturalmente, anche un ‘penultimatum’ ha bisogno di una scadenza e Conte a Draghi chiede di dare risposte entro luglio. Il Pd per ora tira un sospiro di sollievo, l’alleanza può andare avanti, non si sa fino a quando, l’orizzonte non è infinito, si attende la fiducia sul decreto aiuti e poi si vedrà cosa accadrà con i prossimi decreti da approvare entro fine luglio.

L’intervista di Michele Migone al politologo Giorgio Galli:

 

Donetsk, l’invito del governatore ucraino Kyrylenko a lasciare la regione

Sono quasi 9 milioni le persone che hanno lasciato il paese dall’inizio dell’invasione russa.
Sono gli ultimi dati dell’UNHCR, l’agenzia Onu per i rifugiati. Oggi il governatore ucraino del Donetsk, Pavlo Kyrylenko, ha esortato le 350.000 persone ancora presenti nella regione a fuggire, a lasciare immediatamente le loro case. “Il destino dell’intero paese sarà deciso dalla regione di Donetsk”, ha detto Kyrylenko. “Una volta che ci saranno meno persone – ha aggiunto – saremo in grado di concentrarci di più sul nostro nemico e svolgere i nostri compiti principali”.
Qui si sta concentrando l’offensiva Russa che punta, dopo la conquista della regione di Lugansk, a conquistare l’intero Donbass.
Oggi ci sono stati altri bombardamenti, 7 le vittime e 25 i feriti.
Sempre nel Donbass il Cremlino ha annunciato di aver colpito un deposito di armi e distrutto due sistemi missilistici Himars di fabbricazione americana. Poco fa il governo di Kiev ha smentito parlando di una notizia falsa.

La spaccatura nella maggioranza europea di Ursula Von der Leyen

Gas e nucleare restano inclusi nella contestata tassonomia europea sugli investimenti sostenibili.
Il tentativo di bocciare la lista proposta dalla commissione Von der Leyen è fallito.
Il voto oggi al parlamento europeo ha dato ragione ad una maggioranza anomala formata da sovranisti, nazionalisti, pezzi del partito popolare e dei liberali.
A Strasburgo si è formata di fatto una nuova maggioranza, conservatrice e di destra, dotata di un suo programma politico: l’Europa in guerra in Ucraina – secondo questo programma – non deve privarsi del gas e del nucleare.

Da Strasburgo Angela Mauro, giornalista di Huffington Post:

Il voto di oggi ha visto la spaccatura della maggioranza che tre anni fa votò la presidente Ursula Von der Leyen, e cioè popolari, socialisti, euroscettici e liberali.
Il parlamento europeo ha respinto la risoluzione che mirava a bocciare la tassonomia degli investimenti sostenibili così come proposta dalla Commissione europea, e cioè con l’inclusione che include gas e nucleare tra le fonti di energia eco-compatibili.

Nonostante lo scrutinio fosse stato segreto, sulla base delle dichiarazioni precedenti al voto per la conferma di Von der Leyen – già sostenuta dal Partito Popolare Europeo, da una parte dei socialdemocratici (S&D) e dai liberali – erano stati determinanti i voti di alcuni partiti euroscettici, tra cui il Movimento 5 Stelle. La Lega, che fa parte del gruppo Identità e Democrazia, aveva votato contro, così come Fratelli d’Italia.

“Gas e nucleare sono energie verdi!”
Al parlamento europeo una maggioranza formata da sovranisti, nazionalisti, pezzi del partito popolare e dei liberali, conferma la controrivoluzione ecologica proposta dalla commissione Von der Leyen.

Le riflessioni e le percezioni sulla montagna a quattro giorni dalla tragedia della Marmolada

A quattro giorni dalla tragedia della Marmolada oggi sono stati ritrovati i corpi di altri 2 alpinisti travolti dal distaccamento del ghiacciaio. Si tratta di due uomini che risultavano nell’elenco dei dispersi e si aggiungono alle sette vittime già accertate. Sono dunque 9 le vittime, ancora 3 i dispersi, 7 le persone ricoverate in ospedale.
Il crollo di parte del ghiacciaio della Marmolada ha dimostrato quali possono essere le conseguenze del riscaldamento globale. La montagna sta cambiando rapidamente e ci si deve adeguare. Ma la tragedia di domenica cambierà la percezione e il comportamento degli alpinisti e dei turisti?

Marco Albino Ferrari, Direttore di Meridiani Montagna:

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 107.786 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Ministero della Salute. Ieri i contagiati erano stati 132 mila.
Le vittime oggi sono 72, in calo rispetto alle 94 di ieri.
Il tasso di positività al tampone si attesta al 28,4%, stessa percentuale di ieri. Sono 325 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, due in più rispetto a ieri.
I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.220, 217 in più di ieri. Gli italiani positivi al Coronavirus sono attualmente 1.146.034.
Su questa nuova ondata del virus ascoltiamo il virologo Fabrizio Pregliasco:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 09:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di lunedì 22/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Emanuela Borzacchiello, ricercatrice in studi di genere e femminismo presso la UAM di Città del Messico. A partire dalle sue ricerche accademiche e sul campo a Ciudad Juárez abbiamo discusso dell'origine del termine femminicidio, della relazione fra violenza di genere e contesto economico e sociale e della forza dei movimenti femministi e transfemministi latino americani. PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 22-07-2024

Adesso in diretta