Approfondimenti

Leopolda 2015 tra format e realtà

Il format e la realtà.

Quest’anno la direzione artistica della Leopolda è stata affidata a Simona Ercolani, la regista televisiva autrice del programma “Sfide”, pare molto amato da Renzi. La sfida del presidente del Consiglio è mantenere stretto il legame con la propria immagine del “rottamatore“, del giovane che in pochi anni cambia il Paese. Per questo il rapporto tra passato, presente e futuro è il filo conduttore della Leopolda 2015. Quest’anno però alla stazione di Firenze irrompe la realtà. E’ prevista una contestazione da parte di chi ha perso i propri risparmi dopo il decreto “salva banche”. E forse una manifestazione contro il “Jobs Act”. E si contano i “no” agli inviti a partecipare. Quelli dell’astronauta Samantha Cristoforetti e della nuotatrice Federica Pellegrini ad esempio, le quali non metteranno a disposizione la propria immagine.

Renzi ha un altro nemico, dal punto di vista dell’immagine, e il formato scelto sarà attentissimo anche a questo: sottrarsi alla contrapposizione politica-antipolitica. Respingere il tentativo delle opposizioni più agguerrite, il Movimento 5 Stelle e la Lega Nord, di elevare proprio lui, il ragazzo della Leopolda, a simbolo della “casta”.

Oggi l’epoca della rottamazione, nata alla Leopolda, appare lontanissima. Allora si torna all’antico con un allestimento minimale, con la formula dei 5 minuti di parola per tutti, leader politici, personaggi meno famosi, militanti e cittadini comuni che saranno riusciti a iscriversi.

Anche quest’anno si conteranno le presenze e le assenze. Si conteranno e si valuteranno sul piano politico. Anche quest’anno si è ripetuta la scena tra Renzi e la minoranza Pd: “vengo se ci sono le bandiere” ha detto Bersani, “lo sai che non ci sono” ha risposto Renzi. Quest’anno però la spaccatura nel Pd si vede in maniera più forte perché c’è la “contro-Leopolda”, iniziativa organizzata a Roma da “sinistra dem”.

E’ la Leopolda più difficile per Renzi. Dovrebbe essere l’appuntamento che celebra i successi del Governo, potrebbe essere quella del logoramento. L’anno scorso Renzi volava sulle ali del 40% alle regionali. Quest’anno è appesantito dalle polemiche e dai risultati del suo governare, il partito e il Paese: i rapporti politici difficili con quel che resta della coalizione di centrosinistra che si acuiscono alla vigilia delle amministrative; gli scandali come “mafia capitale” e il “caso Marino”; le contestazioni sulle riforme della Costituzione, della legge elettorale, del lavoro; il “partito della nazione” e la presunta “mutazione antropologica” del Pd. Renzi risponderà alla sua maniera, puntando avanti. L’uomo della Leopolda è più realista di tanti suoi sostenitori e sa benissimo che le urne del 2016, amministrative e referendum sulla riforma della Costituzione, saranno appuntamenti politici, e il vero oggetto del voto sarà lui.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 26/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 19:48

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mar 26/01/21

    1-Effetto Joe Biden. Negli Stati Uniti la casa bianca annuncia una serie di decreti contro la discriminazione della popolazione afroamericana.…

    Esteri - 26/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 26/01/21

    Sunday Blues di mar 26/01/21

    Sunday Blues - 26/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l’armadillo - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 26/01/21

    Jack di mar 26/01/21

    Jack - 26/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay human - 26/01/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 24/01/21

    Antica leggenda Mohawk trascritta dal nostro ascoltatore Giorgio e letta da Marco Sambinello

    Favole al microfono - 26/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 26/01/21

    ira rubini, cult, himmelweg, roberto abbati, teatro due parma, elfo puccini milano, juan mayorga, lydia cevedalli, note per la shoa,…

    Cult - 26/01/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 26/01/21

    A come America del mar 26/01/21

    A come America - 26/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma - 26/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 26/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - 26/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto - 26/01/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 26/01/21

    ..In questa puntata di Indie Re, Cecilia Paesante ha intervistato due artisti indipendenti italiani da far conoscere agli ascoltatori delle…

    Radio Muse Indie-re - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 25/01/21

    Bobi Wine

    Jailhouse Rock - 26/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 25/01/21

    con Matteo Villaci. - punto quotidiano metro..- volontaria italiana in Croazia..- Servizio civile-cittadinanza attiva con arci..- studenti al primo giorno…

    A casa con voi - 26/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/01/2021

Adesso in diretta