Approfondimenti

“Lega e 5 Stelle non hanno una strategia”

Vinitaly non ha portato consiglio.

Lega e Movimento 5 Stelle rimangono ciascuno sulle proprie posizioni anche dopo i brindisi e la settimana si è aperta con la stroncatura, da parte di Salvini, dell’apertura a un dialogo per un governo istituzionale da parte del Partito Democratico. 

Il presidente della Repubblica, Mattarella, deve prendere una decisione importante e potrebbe affidare alla presidente del Senato, Casellati, un mandato esplorativo. Ma se qualcosa non si sbloccherà, il governo non si potrà fare.

Abbiamo raggiunto Aldo Giannuli, storico, ex collaboratore del Movimento 5 Stelle. Lega e 5 Stelle non hanno una strategia – afferma – e si limitano a un calcolo a brevissima scadenza.

Lei conosce bene il Movimento 5 Stelle. Lo vede davvero un governo Lega-5 Stelle?

Sì, in un film di fantascienza sì, si può vedere. Ipotizzando un governo Lega-5 Stelle restano invariati i due scogli: che ne facciamo di Berlusconi, inaccettabile per i Cinque Stelle, inseparabile tutto sommato per la Lega, che non lo ama, sia chiaro. Mollare Berlusconi significherebbe pregiudicare il secondo punto: chi fa il Presidente del Consiglio? Se Salvini si presenta come capo del centrodestra pesa il 36%, se si presenta come leader della Lega pesa il 17%, quindi a quel punto obiettivamente la Presidenza del Consiglio è a Di Maio. E lui che fa, fa il cavalier servente?
Obiettivamente non vedo una soluzione, un po’ la psicologia degli uomini è quella che è, perché la soluzione in altri tempi sarebbe stata ‘va beh, prendiamo un terzo personaggio, componiamo un governo magari di amici, non proprio di militanti, e intanto vediamo come vanno prima le regionali e poi le europee’. Questo non è nella logica degli attuali protagonisti, per cui sinceramente come supereranno questi due punti? Per non dire poi delle divergenze politiche. In caso di una nuova crisi siriana o ucraina, cosa hanno da spartirsi i Cinque Stelle che fanno gli ultra-atlantici e Salvini che fa il filo-russo?

La sorprende questa posizione filo-atlantica assunta da Di Maio all’indomani dei bombardamenti occidentali?

Di Maio pur di fare il Presidente del Consiglio farebbe il filo-venusiano, questo ormai è evidente. Per quello che vale, perché poi un domani magari cambia posizione, questo è il prezzo che lui cerca di pagare per entrare nel salotto dei poteri forti. Non so però quanto lo reggerà agli occhi della sua base, questa è la domanda che dobbiamo porci.

Perché la base del M5S, lo andiamo dicendo da tempo, è composita e i flussi ci dicono che i voti li ha presi anche dalla sinistra che forse quelle parole forse non le ha apprezzate molto.

Ha preso i voti soprattutto da sinistra, basta vedere l’analisi dei flussi elettorali. Il grosso dei voti dei Cinque Stelle viene obiettivamente dal PD, da SEL o cose di questo tipo, o da quello che fu l’Italia dei Valori. Quindi il grosso dell’elettorato è quello, non tutto l’elettorato di sinistra è poi anti-americano o pacifista, ma non c’è dubbio che ci sia una forte componente che è anti-americana, anti-atlantica e pacifista.

Questa è stata descritta come una partita di scacchi, o magari assomiglia di più a una partita di poker dove c’è qualcuno che sta puntando a far saltare il banco?

Secondo me somiglia di più a una rissa da saloon fra ubriachi con il Presidente della Repubblica che è un vecchio gentiluomo chiamato a sedare il tumulto. Gli scacchi sono un gioco di strategia, qui la strategia dove sta?

Qual è la strategia del Movimento 5 Stelle che continua ad insistere su “O Di Maio premier o non se ne fa nulla”?

La strategia del Movimento 5 Stelle non esiste. Tutto sommato esiste un pochino di più nella Lega, ma questi sono partiti che non pensano in termini strategici, pensano in termini di situazione attuale e al massimo c’è il problema della prossima settimana. Più in là non vanno, la loro visuale è questa, non hanno una capacità di elaborazione complessiva di una linea politica.

Stanno puntando a tornare al voto perchè i sondaggi dicono che potrebbero andare ancora meglio di così?

Sì, in astratto sì. In concreto, però, gli elettori non amano affatto le nuove elezioni, tutto sommato anche con qualche ragione. Se entri nella campagna elettorale come quello che ha voluto le nuove elezioni, poi paghi il conto. Successe ai socialisti nel 1972/1976, i sondaggi li davano in aumento e loro provocarono lo scioglimento delle Camere e alla fine non solo l’avanzata non ci fu, ma arretrarono.

Se lei fosse il segretario del PD, come si comporterebbe in questo momento?

Lei mi vuole proprio male (ride). Facendo un grande sforzo di fantasia, se fossi il segretario del PD provvederei a portare i libri in tribunale e a sciogliere il partito come si fa con le aziende. È un partito che non ha futuro, probabilmente il PD risponderà all’appello di Mattarella. Se si fa un governo del Presidente che oggi è l’ipotesi più consistente, il PD potrebbe votare la fiducia a un governo del Presidente, questo sì.

Foto | Quirinale
Foto | Quirinale
  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 28/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 28/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 29/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 29/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 29/05/2022

Adesso in diretta