Approfondimenti

Le ultras dell’Armata pirata 161: “Vorremmo essere considerate brutte e cattive e sugli spalti vogliamo farci sentire più degli uomini”

Con l’Armata pirata 161, il nome della curva del Sant’Ambroeus Football Club di Milano, ci si vede sempre tre ore prima di ogni partita, per prepararsi e caricarsi insieme.
C’è chi è voglioso di tifare “il piccione”, come chiamano la nostra squadra per il suo simbolo, ed è puntuale, spesso nonostante la serata precedente, e chi no.
Noi siamo scure, vestite di nero e assonnate, le ultras si piantano sugli spalti e ci passeranno le prossime ore. Iniziano a bere, fumano e parlano, ridono, sono amiche e amici. Alcuni urlano entusiasti e montano le coreografie, gli striscione e “le pezze” (quella dedicata alle Ladies recita: “Ladies against football sexism”). Le bandiere sono due e quella che preferiamo ha un jolly roger gigante su sfondo nero. Il baccano aumenta, più ce n’è e più è una festa. La partita sta per cominciare e così anche le ultras si dispongono vicine: unite, battono le mani, c’è chi sventola, chi suona il tamburo, chi lancia i cori e tutte urlano per la propria squadra, le ragazze risuonano sugli spalti di Gorla, il nostro stadio. I fumogeni sono rossi e bianchi, da tanto ci muoviamo in curva fa caldo anche d’inverno, si suda e si puzza.
Il più delle volte un gol lo prendiamo, ma non importa, esultiamo ugualmente; alcuni dicono che perdere è quasi meglio ed effettivamente lo è. Il tifo si fa più grande e con lui l’amore per i colori. Io sono una tifosa, ho scelto di esserlo, ho bramato il mio posto sugli spalti: la prima linea, lanciare i cori, zittire gli altri. Le donne sono meno degli uomini, ma talvolta cantano più forte. Quanto può essere soddisfacente capovolgere un coro machista e trasformarlo in un grido di donne ultras, ve lo dico io, molto.

Calcio moderno o popolare
Ci sono molti modi di vivere il tifo e alcuni degli elementi che hanno un peso in questa scelta risultano difficili da decifrare. Lo stadio, rispecchia in modo grossolano la società: è un luogo di lucro, basta vedere l’elevato costo dei biglietti destinati prevalentemente alle fasce più abbienti della società. Il calcio moderno è mercenario, la trasformazione del tifo attraverso le pay tv che spostano la partecipazione sul divano di casa o al massimo in bar a pagamento, e non allo stadio, fa sì che le partite vengano giocate in giorni e orari scomodi per chi vorrebbe tifare dagli spalti.
Gli ultimi mondiali svolti in Qatar sono stati l’apoteosi di ciò che il calcio non dovrebbe mai essere: un enorme business costruito con il sangue e lo sfruttamento degli ultimi. Per costruire diversi stadi da zero, in un paese assolutamente non adatto e non attrezzato, è stata necessaria una grande quantità di forza lavoro immigrata, a lavorare in condizioni a volte difficilissime. I diritti umani e civili sono stati posti in secondo piano. Non solo, la decisione di svolgere i mondiali in Qatar è la prova del ruolo geopolitico che ricopre il calcio. La prossima candidatura dell’Arabia Saudita ne è la conferma ulteriore.
Invece il calcio popolare, il nostro calcio e la curva di una squadra di quartiere si differenzia dall’ambiente che si trova nei grandi stadi, da noi le regole e i valori sono dettati dagli stessi occupanti: la passione per la squadra si tramuta in un mezzo di militanza politica e nel caso specifico di Armata pirata per lottare contro il razzismo, l’omotransfobia e il sessismo. Il settore popolare è uno spazio di lotta e emancipazione. E quando ci tocca pagare il biglietto (succede in alcuni campi) la colletta non arriva a 3 euro.

Il ruolo della donna sugli spalti
Le curve nascono come ambiente fortemente maschilista, conservando con entusiasmo l’impronta patriarcale, sono presenti e tollerati comportamenti sessisti e macisti, accompagnati dal linguaggio becero per cui nei cori degli ultras più noti sentiamo voci maschili accanirsi contro “la zoccola bolognese” o “le puttane romane”.
Il ‘’gentil sesso’’ non ha un posto e un ruolo sugli spalti, la parola stessa ne descrive la garbatezza e amabilità, aggettivi che non si addicono agli ultras e all’ambiente di cui fanno parte, si può dunque facilmente dedurne che la presenza femminile negli stadi oltre ad essere sempre stata scarsa, quasi inesistente, non è mai stata presa in considerazione. L’ultras nasce uomo, quest’ultimo, negando la partecipazione alle donne marca quasi in modo indelebile il territorio dello stadio attraverso la virilità, la forza fisica e mentale dunque tramite dinamiche di potere che stabiliscono, nello stadio come in qualsiasi altro tipo ambiente, conservano e interiorizzano un regime patriarcale.
Negli anni ‘70 e ‘80 mentre il tifo in Italia inizia a organizzarsi come fenomeno di massa, le donne iniziano ad esprimere il loro forte desiderio di emancipazione anche all’interno degli stadi. La curva del Torino, Ultras granata, fu una delle prime ad vedere donne vogliose di tifare e vivere la vita ultras come i loro colleghi maschi. Le ragazze toriniste vengono coinvolte nei disordini e nelle violenze ultras, come in quelle di piazza dei movimenti. Il gentil sesso non è così gentile ed è capace di organizzarsi e militare quanto i maschi.
Nascono altri gruppi, alcuni unicamente femminili come le ‘’commando girls’’ formatosi nel 1984 nella curva del Catanzaro o ancora il ‘’Genoa club red and blue’’ composto da sole donne tifose del Genoa, che oltre a voler gridare per i propri colori vogliono rivendicare il loro ruolo di donna, emancipandosi e appropriandosi di uno spazio fino ad allora unicamente riservato ed occupato ai maschi.


E quindi: armata ladies…

Armata ladies rappresenta e rispecchia la necessità impellente di decostruire il modello ultras pienamente machista e sessista, in cui si riproducono tutti gli aspetti più beceri del patriarcato. L’obiettivo è quello di costruire, ideare e mettere in pratica un attitudine ultras che coinvolga la donna, dandole un ruolo centrale e trascinante in ogni sfaccettatura della vita sugli spalti. Armata pirata esponendo ogni domenica una pezza con scritto ‘’armata ladies, against football sexism’’ dimostra di voler abbattere preconcetti, rivendicare e lottare per i valori in cui crede, ricordando a tutt3 che sui nostri spalti non è accettato alcun tipo di comportamento sessista.
Armata pirata si unisce al grido femminista, condannando ogni genere di violenza e discriminazione, condanniamo il patriarcato insito nella società e il ruolo che ci hanno da sempre attribuito, un ruolo di sottomissione, inferiorità, che pone la donna in secondo piano. Condanniamo l’uomo che vuole sancire il proprio potere: in casa, in strada, sugli spalti. Vorremmo essere considerate brutte e cattive, vogliamo essere temute, vogliamo farci sentire più degli uomini sugli spalti. Siamo stanche di sentire che il calcio è da e per maschi, vogliamo portare la nostra lotta in questo ambito, che più di altri è in particolare permeato di machismo e violenza. Dunque Armata pirata, e ancor di più armata ladies non esita di fronte alle discriminazioni, ma anzi decide di capovolgere quelli che sono i comportamenti e i linguaggi utilizzati e considerati normali in curva.

*Sono Lupa, ho 19anni e amo tifare.
La prima volta sugli spalti è stata con papà, ne avevo 11: Milan-Fiorentina, abbiamo perso, ho pianto tutta la partita, avevo paura.
Sugli spalti di Gorla ci sono finita per caso, trascinata da amici, curiosa di scoprire.
Vado a scuola quando ho voglia e allo stadio anche se non ne ho.
Gioco a rugby ed è bellissimo, la mia squadra “la stella rossa” è una famiglia. Siamo una squadra giovane ma fortissima. Lo sport popolare è una realtà che mi coinvolge e completa su vari punti che vanno dalla politica al divertimento. Mi piace scrivere e leggere ma per scrivere meglio dovrei leggere di più, e sto imparando (questo reportage è stato realizzato nell’ambito del mio progetto i alternanza scuola-lavoro).
Come Armata Pirata 161 ci trovate una domenica sì e una no a Gorla, sugli spalti, abbiamo una pagina Instagram @armatapirata161
Potete venire a tifare, a cantare o a fare amicizia e aggregazione.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 18/04 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 18-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 18/04/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 18/04/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 18-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 18/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 18-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 18/04/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 18-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 18/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 18-04-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 18/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 18-04-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 18/04/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 18/04/2024

    Nella prima parte della puntata parliamo del passaggio di consegne del Todays Frstival con Carlo Bordone. Nella seconda parte Gaia Morelli ci presenta il suo disco La Natura delle Cose con intervista e mini live dal vivo

    Jack - 18-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 18/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che oggi ha ospitato Andrea Battisti, professore di Entomologia all' Università degli Studi di Padova per parlarci della Processonaria e delle sue caratteristiche, ma anche con Bianca Nogara Notarianni di Biennale di Tecnologia, di commissariamento di Regione Lombardia sulla caccia nei valichi e scopriamo che Andrea voleva essere processonaria

    Considera l’armadillo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Continuare a fare i pir

    quando, per il terzo giovedì di fila Gilberto Dindini della Cedola parla di piani individuali di risparmio a lungo termine (PIR), e poi noi ci scagliamo contro la sosta selvaggia, autentica piaga moderna soprattutto a Milano

    Poveri ma belli - 18-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E11

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Furono oltre 600mila i militari italiani deportati dopo l’8 settembre del 1943 per aver deciso di non aderire alla Repubblica Sociale Italiana. Anna Maria Passaggio ci ha raccontato la storia di suo padre

    Clip - 18-04-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 18/04/2024

    Oggi a Cult: Lella Costa in "Otello, di precise parole si vive" al Teatro Carcano; all'Elfo Puccini Mauro Lamantia in "Gramsci Gay"; Roberto Pinto sulla Biennale Venezia 2024; all'Elfo Puccini una serata, la "Svampeide", dedicata a Nanni Svampa; la rubrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Grace Cummings

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Grace Cummings

    Jack meets - 18-04-2024

Adesso in diretta