Approfondimenti

Le risposte di Giorgia Meloni nel dibattito al Senato, il progetto di legge della Lega sul tetto ai contanti e le altre notizie della giornata

meloni

Il racconto della giornata di mercoledì 26 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Giorgia Meloni risponde all’opposizione sui temi affrontati nel dibattito al Senato. La Lega ha proposto una legge sul tetto ai contanti, da 2mila a 10mila euro, condivisa dalla coalizione di centrodestra; l’opposizione la contesta, favorirebbe l’evasione e farebbe un regalo alle mafie. Domani si riunisce il primo Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza, presieduto dal neoeletto al Viminale, il ministro Piantedosi: le ONG denunciano l’impossibilità di sbarco dei migranti, a pochi giorni dal rinnovo dei contratti sull’immigrazione tra Roma e Tripoli. La questione del nucleare nella guerra in Ucraina solleva il dubbio che possa diventare una possibilità concreta, nonostante l’ambasciatore russo in Regno Unito lo neghi.

Tutte le risposte di Giorgia Meloni sui temi del dibattito al Senato

(di Anna Bredice)

Se ieri era necessario dare una visione chiara del suo programma, dice Meloni, oggi le cose che vuole e come vuole farle, riconfermando che l’agenda però ce l’ha in mano lei e anche la tempistica: al primo posto ci sono le bollette delle persone, dei cittadini; le pensioni non le cita, la flat tax si fa con il 15% sui profitti dell’anno precedente e sono i due temi che Salvini aveva messo al primo posto, ma la priorità ora sono le risposte da dare sulle bollette e sull’aumento del caro vita. Salvini dà ragione sull’aumento dell’uso del contante facendo solo la proposta, nello stesso tempo ribattendo la sinistra, come ieri aveva fatto con le parole della Serracchiani, cita una frase “non c’è legame tra il limite del contante e il sommerso” e poi rivela che l’ha detta Padoan, ministro del PD e nel PD cala il silenzio e il gelo. Sull’energia rivela che vuole lavorare sulla tassa degli extra profitti, è da li che vuole prendere le risorse e così ancora sull’energia, si deve estrarre il gas in Italia. E ancora il salario minimo, per lei non si fa per legge, ma si interviene con i contratti collettivi e con il cuneo fiscale di cui 2 terzi a favore dei lavoratori. Molte risposte agli interventi nel dibattito, anche a Scarpinato che aveva citato la Diaz e le stragi nazifasciste, lei lo gela accusandolo di avere un approccio giudiziario ideologico. Tocca ancora una volta il sistema dei valori tornando sempre alla sua esperienza personale, all’epoca della sua militanza giovanile nella destra e mettendola sempre al primo piano, come declinazione di ogni modo di vedere le libertà di manifestare il pensiero e le proteste. Gli studenti della Sapienza quindi, dice, hanno meritato per lei i manganelli perché hanno impedito un’altra manifestazione.

Il discusso progetto di legge sul tetto ai contanti proposto dalla Lega

Oggi la Lega ha presentato un progetto di legge per alzare il tetto all’uso dei contanti da 2mila a 10mila euro. Poco dopo Fratelli d’Italia ha rivendicato che l’aumento della soglia è nel suo programma, aggiungendo che il provvedimento sarà inserito già nella legge di bilancio da approvare entro fine anno.

(di Andrea Monti)

“Una misura che favorisce l’evasione”, “un regalo alle mafie”. Le opposizioni hanno commentato così la proposta messa in primo piano dalla Lega e rilanciata da Fratelli d’Italia, un meccanismo interno alla maggioranza che potrebbe ripetersi spesso nei prossimi mesi. Il punto di partenza è la volontà di Salvini di recuperare voti che sono passati da lui a Meloni. Per riuscirci punta su temi identitari come appunto il contante, convinto che l’alleata-rivale gli darà ragione e sperando di dare l’impressione che sia lui a determinare le decisioni, riconquistando consensi a destra. La logica – almeno per ora – non è quella di uno scontro ma di una competizione, come quella vista in campagna elettorale sull’immigrazione, quando Meloni parlò di blocco navale irritando Salvini, non perché sia contrario ma proprio perché lo chiede da anni, e vuole mantenere il primato sulla questione. Cosa uscirà da questa gara in termini di provvedimenti effettivamente approvati dipenderà anche da Forza Italia, da quanto vorrà e riuscirà a far pesare il suo ruolo di forza moderata.

Il primo Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza si riunisce domani, a pochi giorni dal rinnovo del contratto sull’immigrazione tra Roma e Tripoli

(di Michele Migone)

Domani si riunisce il primo Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza, convocato dal Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi. Alla riunione ci saranno, oltre i vertici di polizia e intelligence, anche il comandante generale della Guardia Costiera. Al centro dell’incontro l’ordine pubblico e i temi del contrasto ai flussi migratori irregolari. Il nuovo capo del Viminale questa mattina ha ribadito che “se i migranti sono su una nave straniera si può vietare lo sbarco”. In questo momento sono due le navi umanitarie nel Mediterraneo, la Humanity One, che batte bandiera tedesca e la Ocean Viking che batte bandiera norvegese. Nelle scorse ore hanno salvato oltre 350 persone. Entrambe hanno già fatto richiesta all’Italia di un porto sicuro dove sbarcare i migranti senza ricevere al momento risposta.
Francesco Creazzo portavoce di Sos Mediterranee, la Ong che coordina le operazioni della Ocean Viking:


E oggi l’Ong Sea Watch ha denunciato che la guardia costiera libica ha minacciato di colpire con dei missili il loro aereo da ricognizione Seabird 3. Il velivolo aveva avvistato un gommone con a bordo 70 migranti in area Sar europea, nonostante questo una motovedetta libica ha minacciato di aprire il fuoco. L’aereo della Sea Watch si è allontanato e i migranti sono stati intercettati e portati in Libia. Proprio oggi a Roma decine di associazioni che si occupano di migranti hanno manifestato contro gli accordi tra Roma e Tripoli per il contratto all’immigrazione che si rinnoveranno automaticamente il 2 novembre.
Alla manifestazione abbiamo raggiunto Marta Bernardini di Mediterranean Hope:

La questione delle armi nucleari nella guerra in Ucraina: cosa succederà?

(di Emanuele Valenti)

La strategia russa è ormai evidente. Insistere il più possibile sulla questione bomba sporca che starebbe preparando l’Ucraina.
Il ministro della difesa, Shoigu, ne ha parlato con il suo omologo cinese e con quello indiano, proprio per consolidarla come una questione di dominio pubblico internazionale.
Una delle ipotesi più credibili è che in realtà Mosca ne stia parlando proprio perché a un certo punto – viste le difficoltà sul campo, nel sud e nell’est dell’Ucraina – vorrebbe invece utilizzare lei un’arma del genere.
Putin ha parlato di alto rischio di un conflitto globale e ha presieduto le esercitazioni delle forze nucleari russe – sottomarini, bombardieri, missili balistici.
Il capo del Cremlino dovrebbe presiedere a breve una riunione del Consiglio per la Sicurezza Nazionale.
Ricordiamo che i russi hanno esteso il loro ombrello nucleare ai territori ucraini annessi.
In un’intervista alla CNN, non ancora andata in onda, l’ambasciatore russo nel Regno Unito ha commentato che Mosca non ha alcuna intenzione di usare armi nucleari.
La narrazione ufficiale, però, sembra suggerire il contrario.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta