Approfondimenti

Le novità sulla manovra, la strage dei ciclisti, la fuga da Twitter e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 18 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La maggioranza arriva con il fiato corto sulla manovra economica, che sembra ricalcata sulla falsariga di quella del precedente governo. Con in più la pace fiscale, con la rottamazione delle cartelle. La guerra in Ucraina. Per la prima volta dall’inizio della controffensiva e della presa di Kherson, Kiev lancia un segnale di apertura: “Il conflitto potrebbe finire prima della liberazione di tutti i territori occupati”. Nel Paese è arrivato l’inverno, dieci milioni di persone sono al freddo e al buio. Continua la strage dei ciclisti a Milano e le associazioni chiedono il limite del 30 all’ora in tutta le città. Studenti in piazza in trenta città per “scuole sicure e rappresentanza”, nella prima manifestazione contro il governo Meloni. Pierfrancesco Majorino, eurodeputato del Pd, è il candidato scelto dalla coalizione del centrosinistra per correre alla presidenza della Lombardia: ora dovrà provare ad allargare al centro, a sinistra e soprattutto ai 5 Stelle.

Entra il tetto al contante a 5mila euro, esce lo scudo fiscale per il rientro dei capitali dall’estero

(di Anna Bredice)

Entra nella manovra l’aumento del tetto al contante a 5000 euro ed esce lo scudo fiscale per il rientro dei capitali dall’estero. È in corso in questi minuti a Palazzo Chigi la riunione di Giorgia Meloni con i ministri economici e i capigruppo di maggioranza per fare il punto della legge di bilancio che lunedì dovrebbe andare in Consiglio dei ministri. La novità di oggi è infatti l’ipotesi che lo scudo fiscale per far rientrare i capitali dall’estero, un provvedimento che Silvio Berlusconi ha sempre inseguito nei suoi governi, slitta. Al momento non è chiaro se è stato uno stop che è arrivato direttamente da Giorgia Meloni. Entra in manovra il tetto al contante che il governo ha dovuto togliere dal decreto aiuti, perché non aveva una connotazione di urgenza. Non cambia molto perché in entrambi i casi entra in vigore da gennaio. È una manovra da trenta miliardi di cui 21 solo per gli aiuti per i pagamenti delle bollette e il caro energia, ne restano dieci per il resto e quindi si può dedurre che non è la manovra della luna di miele di Giorgia Meloni, quella delle promesse elettorali che si realizzano. Molte promesse restano nel cassetto, ci dovrebbe essere comunque il taglio del cuneo fiscale per un costo di circa 3,5 miliardi. Il ministro Giorgetti questa mattina ha incontrato Matteo Salvini, hanno parlato di manovra economica, il leader della Lega dovrà accontentarsi di un mini restyling di quota 41 e di una flat tax limitata. Verso la conferma, invece, il pacchetto relativo alla cosiddetta tregua fiscale, che prevede la cancellazione delle cartelle sotto i mille euro e uno sconto per quelle fino a tremila. Il governo inoltre starebbe lavorando ad una serie di misure in favore della famiglia. Sul tavolo c’è una proposta per alzare di 100 euro dell’assegno unico per le famiglie con almeno quattro figli.

Tutti i numeri nella manovra economica

(di Massimo Alberti)

Sono 30, 32 miliardi di manovra che modificherà di poco, anche per i tempi stretti, quanto già impostato dal precedente governo. La stragrande maggioranza sarà in deficit,che servirà a finanziare soprattutto i 21 miliardi destinati a energia e bollette. Il problema è dove recuperare i 10 miliardi per i primi passi del programma elettorale, visto tempo e soldi per riforme radicali per ora non ci saranno. E allora oltre alla rottamazione delle cartelle, ancora tutta da definire, senza troppa fantasia ecco spunta un altro condono, questa volta sul rientro volontario dei capitali all’estero, che nelle stime porterebbe dai 3 ai 5 miliardi. Altra entrata arriverà dalla riscrittura della tassa sugli extraprofitti per le imprese energetiche, ma l’altro punto vero è cosa taglierà il governo. Sicuramente il reddito, da cui si conta di tirar fuori un miliardo, sdoppiando il sussidio: si spostano i teoricamente occupabili sotto il cappello della formazione retribuita attingendo quindi a Pnrr o fondo sociale europeo, stringendo poi sui vincoli.
Giusto un miliardo costa l’estensione della flat tax a 85mila euro per gli autonomi, mentre sembra saltata una prima applicazione ai dipendenti. 3-4 miliardi serviranno a rinnovare il taglio del cuneo fiscale del 2% -per ora non si dovrebbe andare oltre – che equivale a poche decine di euro in più in busta paga, sempre che non siano ancora meno qualora il governo ne girasse parte alle imprese. Qualche centinaio di milioni sarà poi sulle pensioni, per le circa 50mila persone interessate dalla probabile quota 103, una bella fregatura per chi aveva votato il governo sperando nel superamento della legge Fornero che ancora non ci sarà. Infine il tetto del contante a 5000 euro: sparito dal decreto aiuti, Salvini giura che tornerà nella manovra insieme al ponte sullo stretto. Ma le differenze nella maggioranza sono ancora tutte da appianare.

Mattarella VS Governo

(di Luigi Ambrosio)

La telefonata con Macron è stato solo il più vistoso e clamoroso intervento del Capo dello Stato per rimediare ai danni che il Governo Meloni ha già iniziato a fare dopo poche settimane dall’insediamento. Eravamo di fronte a una crisi diplomatica e politica senza precedenti tra il nostro Paese e il resto d’Europa per la vicenda della Ocean Viking. Mattarella aveva chiamato Macron ribadendogli che l’interlocutore e il garante dei rapporti italo francesi è lui. Invece che ringraziarlo per avere provato a smorzare la crisi, la destra al potere lo aveva attaccato addirittura tramite la seconda carica dello Stato, il presidente del Senato La Russa che aveva commentato “la linea sui migranti non cambia”. Ma se questo è il caso clamoroso, perché avvenuto alla luce del sole e per la portata dell’incidente, ce ne sono stati almeno altri due da quando il Governo è in carica. Il primo è stato il cosiddetto “decreto anti rave” che però per come era scritto non era solo anti rave ma avrebbe potuto essere applicato a manifestazioni, proteste, presìdi di ogni genere. Una cosa pericolosa e anticostituzionale.
Gli uffici del Quirinale hanno esaminato il decreto come fanno di prassi e hanno segnalato al Governo questa indefinitezza del reato come una criticità. L’invito implicito è a cambiare il decreto. Un’altra vicenda è quella del limite alla circolazione del contante. Se l’idea di consentire a tutti noi di girare con 5mila euro in tasca verrà accantonata è ancora per intervento del Quirinale che, sempre tramite i suoi uffici, ha spiegato che non vi è alcuna urgenza di un provvedimento del genere. E pensare che all’inizio il Governo avrebbe voluto farci girare tutti con 10mila Euro in tasca. Chi li ha, ovviamente.

In Ucraina 10 milioni di persone sono al buio e al freddo

Per la prima volta dall’inizio della controffensiva e della presa di Kherson, Kiev lancia un segnale di apertura. “Il conflitto potrebbe finire prima della liberazione di tutti i territori occupati”. A dirlo è stato oggi Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Zelensky. Le sue parole sono arrivate nel corso di un incontro coi giornalisti. Podolyak commentava le dichiarazioni dello Stato maggiore americano, secondo cui la probabilità di liberare tutti i territori occupati dai russi, compresa la Crimea, è molto bassa.
Nel corso dello stesso briefing, Podolyak ha poi voluto precisare che “se sarà liberata un’altra grande città, come Lugansk”, si potrebbero aprire scenari di un cambiamento ai vertici del Cremlino. Quale potrebbe essere il prossimo obiettivo militare di Kiev, prima dell’inizio di un’eventuale trattativa? Guido Olimpio, giornalista del Corriere della Sera

Dopo l’incidente del missile in Polonia, intanto, crescono i timori di un allargamento del conflitto. La Finlandia oggi ha presentato un piano per blindare il confine con la Russia. Il progetto prevede la costruzione di una recinzione di 200 chilometri sui 1300 totali della sua frontiera. Sul fronte umanitario, invece. le condizioni dei civili in Ucraina rischiano di peggiorare con l’arrivo dell’inverno. Dopo i bombardamenti sulle infrastrutture energetiche, 10 milioni di persone sono al buio e al freddo. “Ci copriamo con le coperte e mangiamo cibo in scatola”, ci ha raccontato Natalia, una cittadina ucraina che vive a Kiev.

A Milano continua la strage dei ciclisti

Questa mattina un altro ciclista ha perso la vita in un incidente stradale. È accaduto a Barzanate, a Nord Ovest di Milano. L’uomo, che aveva 81 anni, è stato travolto da un tir guidato da un 50enne. Si tratta del secondo grave incidente stradale che coinvolge ciclisti nel milanese. Ieri una donna in bici era stata investita da un’auto in via Messina e trasportata all’ospedale Niguarda in gravi condizioni, proprio nello stesso giorno in cui si tenevano i funerali di Luca Marengoni, il 14enne investito da un tram mentre andava a scuola in bicicletta. Diventa così sempre più importante il tema della sicurezza stradale e della riduzione della velocità delle automobile e dei mezzi a motore: abbiamo chiesto all’esperto di mobilità urbana Matteo Dondè perché è necessario introdurre anche nelle città italiane il limite di velocità a 30 kilometri all’ora

Che ne sarà di Twitter?

A Twitter sono in corso delle dimissioni di massa. Circa mille dipendenti, soprattutto ingegneri, si sono licenziati dopo che il nuovo proprietario Elon Musk li ha invitati a firmare un impegno a “lunghe ore di lavoro oppure ad andarsene”. Nel caos di dimissioni scatenato dall’ultimatum di Musk, Twitter ha deciso poco fa di chiudere gli uffici e sospendere i badge fino a lunedì. Il timore è quello di eventuali sabotaggi da parte dei dipendenti. Marco Schiaffino, conduttore della trasmissione di Radio Popolare Doppio Click

Foto | La Rete degli Studenti in piazza a Milano

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 08/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/08/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 07/12/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 08/12/2022 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 12/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di giovedì 08/12/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 12:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 08/12/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 12/08/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di giovedì 08/12/2022

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 12/08/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 08/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/08/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 07/12/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 12/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 07/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/07/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 07/12/2022 - ore 21:32

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/07/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 07/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 07/12/2022

    (55 - 246) Dove si assiste ad un'edizione speciale di Muoviti Muoviti per la prima della Scala con collegamenti dentro…

    Muoviti muoviti - 12/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 07/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/07/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City di mercoledì 07/12/2022

    Musica, suoni e gli artisti più interessanti e innovativi della scena musicale indie insieme ai grandi classici che li hanno…

    Sounds and the City - 12/07/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 07/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 07/12/2022

    Oggi ospite Max Nicolosi per raccontarci il compleanno e la vita di Fattoria Capre e Cavoli di Mesero, di Marte…

    Considera l’armadillo - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pini marittimi

    Quando sogniamo a occhi aperti, ci rallegriamo della diminuzione temporanea delle bollette e torniamo indietro di 30 anni in quella…

    Poveri ma belli - 12/07/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 07/12/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 07/12/2022

    Dalla culla alla tomba del welfare state? Ottant’anni fa la presentazione del rapporto Beveridge in Gran Bretagna poneva le basi…

    Pubblica - 12/07/2022

Adesso in diretta