Approfondimenti

Conte lavora al progetto rifondativo di M5S, la Protezione Civile entra nella campagna di vaccinazione e le altre notizie della giornata

Conte Grillo M5S ANSA

Il racconto della giornata di domenica 28 febbraio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Protezione Civile entra nella campagna di vaccinazione e porta con sé i suoi 300mila volontari. Domani sette regioni cambieranno colore e oggi i cittadini ne hanno approfittato per riempire piazze e parchi. In Italia l’ascensore sociale è fermo, anche per quanto riguarda l’istruzione. Lo dice uno studio dell’Istituto Nazionale per le analisi delle politiche pubbliche. A un mese dal colpo di stato dello scorso 1° febbraio in Birmania, i militari hanno cambiato strategia, aumentando il livello della repressione armata: oggi sono stati uccisi 18 manifestanti. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Conte entra nel progetto “rifondativo” del Movimento 5 Stelle

(di Anna Bredice)

La lezione di due giorni fa all’Università di Firenze rimarrà per un po’ di tempo forse l’unica per Conte. L’ex presidente del Consiglio ha deciso, si è convinto ad entrare con un ruolo di primo piano, ad hoc, dentro al Movimento Cinque stelle, lavorando ad progetto che sul profilo Facebook dei Cinque stelle viene definito “rifondativo”. Questo, naturalmente, creerà delle reazioni a catena anche nel resto dell’alleanza di centrosinistra: Conte sarà il leader dei grillini, difficile che possa essere anche il federatore, come aveva annunciato nell’ultima conferenza stampa davanti a Palazzo Chigi, di un’alleanza con il Pd e Leu, o addirittura, ancora, il candidato premier di questa alleanza alle prossime elezioni. Per il Partito democratico sarebbe una sconfitta dover sostenere un candidato premier di un’altra forza politica. 
Che il Movimento avesse bisogno di essere riformato è evidente da qualche mese, dalle scorie che i passaggi dei diversi governi, fino all’attuale con la Lega e Forza Italia, hanno lasciato. 
Il famoso conclave che ha portato al sì di Conte è avvenuto a Roma, si è spostato semplicemente dalla Toscana al notissimo Hotel Forum, dove Grillo risiede ogni volta che arriva nella Capitale. C’erano gli esponenti di primo piano del Movimento, ma non Casaleggio e questo è molto indicativo della frattura esistente tra Grillo e la piattaforma Rousseau, che ha cercato in tutti i modi di avere la centralità delle decisioni, ma con sempre più fatica. 
Grillo ha parlato di una “forza politica sempre sempre più aperta alla società civile, che dovrà gestire la transizione ecologica e digitale”, ciò vuol dire che convintamente starà nel governo Draghi, rivendicando come propria la scelta del Ministero della transizione ecologica, anche se al momento non appare ancora del tutto vero. 
Per quanto riguarda il Movimento Cinque Stelle, l’arrivo di Conte cambierà le cose anche nella leadership, poche settimane fa una votazione on line, anche un po’ sofferta, ha deciso la nascita di un direttorio a cinque, ora un ruolo di primo piano di Conte riporta la figura di un capo politico che il direttorio aveva bocciato. Grillo, con Di Maio e Fico, dovranno trovare una soluzione che non scontenti la base e i parlamentari che sono rimasti nei gruppi dopo l’ultima scissione.

La Protezione Civile entra nella campagna di vaccinazione

Cambierà la campagna di vaccinazione, il nuovo governo coinvolgerà la Protezione Civile e i suo 300mila volontari. Dovrebbe quindi essere più omogenea a livello nazionale. Il presidente del consiglio Mario Draghi preme per fare come in Gran Bretagna: utilizzare una sola dose di vaccino e raddoppiare le somministrazioni giornaliere rispetto a oggi.
Per far fronte alla scarsità di dose torna il dibattito sull’utilizzo del vaccino russo Sputnik.
Dopo Ungheria e Austria, oggi anche la Repubblica Ceca ha detto che potrebbe usarlo senza l’autorizzazione dell’Ema, l’agenzia europea del farmaco.
Anche l’Italia potrebbe farlo con una decretazione d’urgenza, ma sarebbe una scelta senza alcuna validazione scientifica europea.

Tutti in piazza e nei parchi prima della zona arancione

(di Luca Parena)

Domani sette regioni cambieranno colore, in arancione Lombardia, Marche e Piemonte, rosse Basilicata e Molise, Liguria gialla, Sardegna bianca.
La decisione del governo di ritardare di un giorno l’entrata in vigore delle restrizioni ha contribuito a spingere le persone a uscire di casa, passare la giornata all’aria aperta, pranzare al ristorante, fare l’aperitivo in compagnia.

Le piazze delle città e i parchi si sono riempiti…

Queste alcune voci raccolte a Milano dal nostro inviato Luca Parena.

Come avete sentito simbolo degli assembramenti a rischio è diventata la Darsena, dove ieri sera una festa abusiva con decine di giovani è finita in rissa. Molti non avevano la mascherina.
C’è stata molta polemica sui controlli, il sindaco Sala è intervenuto questa mattina: “di più non si poteva fare” ha detto in un video.
Oggi però “di più” è stato fatto: c’era la polizia fin dal primo pomeriggio e l’accesso alla Darsena è stato contingentato.


 

Istruzione. L’ascensore sociale in Italia è fermo

In Italia l’ascensore sociale è fermo, anche per quanto riguarda l’istruzione. Solo il 12% dei giovani, figli di genitori con la licenza media, ha la probabilità di laurearsi. Il tasso scende al 6% se nella famiglia di origine non si possiede neanche un titolo di studio. Lo dice uno studio dell’Inapp, l’Istituto Nazionale per le analisi delle politiche pubbliche. Il report evidenzia le disparità italiane rispetto al contesto europeo. Nel nostro paese raggiungono più facilmente la laurea solo i figli dei laureati, una disuguaglianza che dipende da molti fattori, tra cui il reddito e il contesto di vita. Elena Granaglia, economista del Forum Disuguaglianze e diversità, insegna all’università Scienza delle Finanze all’università Roma Tre:


 

Aumenta la repressione armata in Birmania. 18 manifestanti ucciso dalla polizia

Birmania. A un mese dal colpo di stato dello scorso 1° febbraio, i militari hanno cambiato strategia, aumentando il livello della repressione armata. Oggi è stato il giorno più sanguinoso per il paese. Almeno 18 manifestanti sono stati uccisi dalla polizia in diverse città, da Yangon, a Naipidò e Dawei. Gli agenti per disperdere le proteste hanno sparato sulla folla, usando anche proiettili veri. Le Nazioni Unite hanno esortato la giunta militare a smettere di usare la forza sui manifestanti pacifici. L’Unione europea ha annunciato che prenderà presto misure in risposta all’escalation di violenze. Nelle ultime 24 ore in Birmania ci sono stati centinaia di arresti. Domani è prevista una nuova udienza nel processo alla leader civile birmana, Aung San Suu Kyi.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

I numeri di oggi e quelli settimanali confermano l’inversione della curva: tornano a crescere sia i contagi che i ricoveri. Sulla settimana sono stati 28mila i casi in più rispetto a quella precedente.
Nelle ultime 24 ore i nuovi positivi sono stati 17.455 e il tasso di positività è al 6,8%, in aumento rispetto al 5,8% di ieri. I morti sono stati 192, ieri erano stati 280.
Sono 2.231 i pazienti ricoverati in terapia intensiva con un aumento di 15 unità. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.638 persone, più 266 rispetto a ieri.
Le previsioni sui prossimi giorni sono tutte negative, il picco potrebbe verificarsi attorno al 20 marzo. Il peggioramento si vede già da una settimana nelle terapie intensive dice Mario Riccio, responsabile terapia intensiva all’ospedale di Casalmaggiore in provincia di Cremona.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 24/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 24/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 24/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 24/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 24/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di martedì 24/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 24/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Festival di Cannes, la rassegna Nuove…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 24/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 24/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 24/05/2022

    Parliamo della guerra in Ucraina con Emanuele Valenti e la professoressa Giordana Pulcini, Lorenzo Cremonesi ci presenterà il suo libro…

    Prisma - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 24/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 24/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 24/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 24/05/2022

    ..Il Caffè Nero Bollente del martedì con musica, sfoglio dei giornali e il punto televisivo di Roberta Talia.

    Caffè Nero Bollente - 24/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    guarnaccia, delirium, 30 dei porcupine 50 delle orme

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 23/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 24/05/2022

Adesso in diretta