Approfondimenti

Le due partite nel PD, il gioco di Renzi per alzare la posta in gioco e le altre notizie della giornata

tavolo lavoro fico

Il racconto della giornata di lunedì 1° febbraio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il sospetto di PD e M5S che Renzi voglia solo alzare la posta tenendosi ben lontano dal dire se vuole Conte oppure no è sempre più forte, mentre viene quasi da chiedersi quanti partiti ci siano all’interno del Partito Democratico. I dati dell’ISTAT ci dicono che in un anno sono andati persi 450 mila posti di lavoro mentre in Lombardia il caos sui vaccini è tutt’altro che risolto. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Renzi vuole alzare la posta in gioco senza sbilanciarsi sul nome di Conte?

(di Anna Bredice)

Quel sospetto tra il Pd e i Cinque Stelle che Renzi voglia solo alzare la posta tenendosi ben lontano dal dire se vuole Conte oppure no, è diventato più forte nel primo pomeriggio quando al tavolo del programma è arrivato il tema più divisivo di tutti, il Mes, seguito dal lavoro, dall’allontanamento di Arcuri dalla campagna vaccinale e dalla scuola. Tutte caselle sulle quali oggi è impazzato il toto-ministri. E poi, ciliegina sulla torta, la richiesta di Italia Viva di uscire dalla sala della Lupa con una specie di contratto di governo scritto, cosa di cui finora non si era parlato. Per Italia Viva serve il Mes almeno una parte, questa è l’unica concessione che fanno, ma serve.
I Cinque Stelle, già messi in difficoltà da una fronda pronta a dare battaglia, sono fermi sul no. Il PD come al solito sta a metà, raggiunto nei corridoi di Montecitorio, il ministro Boccia è arrabbiato, “sul Mes non si dice la verità, quei soldi non possono esserci da domani”, dice. Il tavolo di programma diventa un’operazione difficile e lenta, nel tardo pomeriggio si è dovuto affrontare il tema della giustizia, altro problema. Tanto per essere chiari, diversi deputati di Italia viva nelle stesse ore hanno presentato un emendamento al decreto mille proroghe per annullare la legge sullo stop alla prescrizione. Sono molti di più gli argomenti di divisione che quelli su cui si può trovare un accordo, se Renzi insiste sul Mes, i cinque stelle pongono la necessità di completare il reddito di cittadinanza con politiche attive, introducendo anche il salario minimo. Spunta anche nel possibile conte ter un termine del passato, la Bicamerale per il Recovery fund, e questo vuol dire coinvolgere nella discussione e decisioni sull’utilizzo dei soldi anche le opposizioni. Unico tema su cui può esserci una condivisione è la legge elettorale, il proporzionale con le preferenze. Nella sua lettera settimanale Renzi conclude annunciando che il governo il fine settimana ci sarà, ma che tutto queste condizioni possano essere accettate dai Cinque stelle e da Conte è tutto da vedere.

Quanti partiti ci sono nel Partito Democratico?

(di Luigi Ambrosio)

Quanti partiti ci sono nel Partito Democratico? A ora di pranzo, nel pieno delle trattative per il governo, Zingaretti ha riunito il comitato politico. Nel Pd c’era tensione tra chi vorrebbe farla finita con Renzi e chi non si sente così distanze dalle sue posizioni. Alla fine Zingaretti ha detto: “Conte e Gualtieri –il ministro dell’economia nel mirino di Renzi- non si toccano”. Poche ore prima, in una intervista aveva parlato Luigi Zanda, già presidente e tesoriere del PD, senatore, ex margherita: “senza Conte, si deve fare un governo con una personalità di alto profilo” aveva detto.
Si stanno giocando almeno due partite a Roma: quella di potere per il governo. E quella di potere dentro al Partito Democratico. La seconda influenza pesantemente la prima. Zingaretti, il segretario, e con lui Orlando, le due colonne della componente che arriva dai Ds e ancora prima dal Pci, non rinunciano all’idea di andare a elezioni. Rischierebbero la sconfitta. Ma potrebbero sbarazzarsi dei gruppi parlamentari attuali, decisi da Renzi. Riprendere il controllo in Parlamento, blindare il partito a costo di perdere il governo.
Dall’altra parte ci sono gli ex Margherita, i riformisti, i renziani rimasti dentro, e poi i liberali e i battitori liberi. Vogliono continuare a stare al governo, non vogliono votare, un po’ per ragioni speculari, per non essere spazzati via, un po’ per non finire a stringere una alleanza strategica col Movimento 5 Stelle che rifiutano.
Quattro partiti in uno, almeno, alla ricerca di una mediazione: mettere Andrea Orlando alla guida del gruppo alla Camera. Non si andrebbe a votare, e Zingaretti rimetterebbe ordine tra i parlamentari.
Quattro partiti in uno e poi c’è Roma. Il Pd romano dominato da Bettini, oggi consigliere di Zingaretti, ieri di Veltroni. Un partito nel partito, che tesse una ulteriore, propria strategia di potere.
Quando ci si chiede perché il Pd, in questa crisi, non abbia una voce chiara e forte, la ragione sta qui: non c’è un PD. Ce ne sono tanti. Forse troppi.

450mila posti di lavoro in fumo in Italia in un anno

La fotografia del lavoro oggi in Italia è molto pesante. I dati dell’Istat ci dicono che in un anno sono andati persi 450 mila posti di lavoro. In un mese, l’ultimo del 2020, sono stati 100mila e di questi quasi tutti erano occupati da donne. Sono proprio loro, con i giovani, i più colpiti.
Sul crollo del lavoro femminile abbiamo sentito Lella Palladino del Forum Disuguaglianze:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Calano i tamponi e aumenta il tasso di positività al COVID nelle ultime 24 ore. Così, anche se il numero dei nuovi casi accertati sembra basso, 7.925, il tasso di positività è salito al 5,6%. Forte aumento dei morti: quasi cento più di ieri: erano stati 237, oggi 329. Aumentano anche terapie intensive e ricoveri ordinari: +37 e + 164.

Il tasso di positività in Lombardia è più alto: 6.3%. 1.093 i nuovi casi accertati con 17.151 tamponi effettuati. Domani in Regione Letizia Moratti presenterà il piano regionale dei vaccini. Ci sarà poi il voto sulla mozione di sfiducia al presidente della regione Fontana presentata dalle opposizioni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 18/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di giovedì 18/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 18/08/2022

  • PlayStop

    Pin the map di mercoledì 17/08/2022

    Una cartina, uno spillo e 50 minuti di musica per passare da un paese all'altro ascoltando brani da tutto questo…

    Pin the map - 18/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 17/08/2022 delle 20:59

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di mercoledì 17/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poverly Planet - BRUXELLES

    Art Nouveau, moule frites e birrette artigianali, a Bruxelles con Davide

    Poveri ma belli - 18/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di mercoledì 17/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti Live

    Lo show della trasmissione del tardo pomeriggio. Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon vi accompagneranno nella spettacolare giornata del…

    All you need is pop 2022 - 18/08/2022

  • PlayStop

    Cerno: "Letta va al disastro, Renzi alla destra"

    Il PD, l'ex rottamatore, Calenda e Meloni: intervista a ruota libera del senatore uscente

    Clip - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 17/08/2022 delle 15:36

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 3 - Independence Day/Foto di mio padre da giovane a ventidue anni

    B. Springsteen, Darkness on the Edge of Town, Independence Day, My Father’s House (Ben Harper) B. Eno, Ambient 1, Music…

    American Life - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ministri

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Ministri

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di mercoledì 17/08/2022

    quando dall'alto della nostra sportività Olimpionica ci dedichiamo al commento degli Europei di atletica, poi raggiungiamo Davide in smart working…

    Poveri ma belli - 17/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Not an ordinary Joe di mercoledì 17/08/2022

    Il 21 agosto di quest’anno Joe Strummer avrebbe compiuto 70 anni. Ma se n’è andato di colpo il dicembre di…

    Not an ordinary Joe - 18/08/2022

Adesso in diretta