Approfondimenti

Le inaccettabili parole di Debora Serracchiani

Dunque, “la violenza sessuale è un atto odioso e schifoso sempre, ma”.

Quando in un discorso compare la congiunzione avversativa “ma” ci si deve preparare alla sorpresa. E di solito è una sorpresa sgradevole. “Non ho pregiudizi verso gli stranieri, ma” “sono pacifista, ma” “viva la libertà, ma”

Questa volta il “ma” è pronunciato da una persona da cui, per ruolo e appartenenza politica, non ce lo si sarebbe aspettati.

Debora Serracchiani è una dirigente di primissimo piano del Partito Democratico e ha affermato che la violenza sessuale fa schifo “ma” se la commettono immigrati è ancor più inaccettabile.

“La violenza sessuale è un atto odioso e schifoso sempre, ma risulta socialmente e moralmente ancor più inaccettabile quando è compiuto da chi chiede e ottiene accoglienza nel nostro Paese” ha scritto Serracchiani. Parole accompagnate da un Tweet: “Non esistono stupri di serie a o serie b. Sono tutti ugualmente atroci. In questo caso all’atrocità si aggiunge rottura patto di accoglienza”.

E’ una concezione dell’immigrazione che prevede che il migrante non debba limitarsi a rispettare le leggi del Paese in cui vive, perché i reati commessi dal migrante sarebbero più gravi, addirittura “moralmente”. Un punto di vista che rappresenta un pericoloso slittamento per il Pd, perché è tipico delle forze politiche di destra, e che presuppone l’idea che gli immigrati, anche se in regola con la legge, non saranno mai cittadini come gli altri. Se uno di loro commetterà un reato, si tratterà di un reato ancor più inammissibile rispetto ad analogo gesto compiuto da un cittadino italiano, perché commesso da uno straniero (e con chi abbia acquisito la cittadinanza, come ci si dovrebbe comportare? Come lo si dovrebbe giudicare?)

E poi, il contesto conta. La distinzione tra reato compiuto da italiano e reato compiuto da immigrato è sbagliato in sé, lo diventa ancor più quando ci si riferisca a una violenza sessuale. Distinguere tra stupratore italiano e stupratore migrante, attribuire a quest’ultimo una aggravante data dalla nazionalità, rischia di far passare un messaggio subliminale: se lo fa un italiano, è un po’ meno grave. Al di là dell’intenzione di Serracchiani, rischia di relativizzare un reato infame. Come ha spiegato questa mattina Gianmarco Bachi nella copertina de Il Demone del Tardi:

La governatrice del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani ieri ha commentato il tentativo di stupro subito da una ragazza di Trieste da parte di un iracheno richiedente asilo.

“La violenza sessuale è un atto odioso e schifoso sempre” ha detto. E fin qui tutto bene. Anzi, volendo ci poteva andare giù ancora più pesante. E nessuno avrebbe avuto niente da ridire. Anche un “tagliategli il pisello” per quanto arcaico come il codice di Hammurabi sarebbe stato in fondo comprensibile. Però la Serracchiani non si è fermata a quel “La violenza sessuale è un atto odioso e schifoso sempre”. Ha aggiunto che “risulta socialmente e moralmente più inaccettabile se compiuto da chi chiede e ottiene accoglienza nel nostro paese”.

Ora. Una dichiarazione come questa sembra presupporre che esistano diversi livelli di accettabilità dello stupro, una speciale classifica della ripugnanza del crimine stilata sulla base dei confini e delle nazionalità. Se a compiere lo stupro è un immigrato (per di più con l’aggravante dell’ingratitudine per essere stato accolto) è il massimo dello schifo. Se invece lo compie, chessò, un finlandese principe delle start up allora è già meno ripugnante. Ecco, per cortesia, le classifiche di accettabilità dello stupro su base etnica lasciamole ad altri. A quelli che magari oggi vorranno urlare che gli immigrati vengono qui a rubare il lavoro ai nostri stupratori. Lo schifo che si è trovata addosso quella ragazzina di Trieste non ha provenienza o carta di identità. E’ solo schifo. Sostantivo maschile.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 14/06/21 delle 19:49

    Metroregione di lun 14/06/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 15/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 15/06/21

    Indie-Re di mar 15/06/21

    Radio Muse Indie-re - 15/06/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 14/06/21

    Jazz Anthology di lun 14/06/21

    Jazz Anthology - 15/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 14/06/21

    News Della Notte di lun 14/06/21

    News della notte - 15/06/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 14/06/21

    Jailhouse Rock di lun 14/06/21

    Jailhouse Rock - 15/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 14/06/21

    A casa con voi di lun 14/06/21

    A casa con voi - 15/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 14/06/21

    Ora di punta di lun 14/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 15/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 14/06/21

    1-Non solo la Russia. Al vertice della Nato Joe Biden ha imposto agli altri paesi dell’alleanza atlantica la Cina come…

    Esteri - 15/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 14/06/21

    Sunday Blues di lun 14/06/21

    Sunday Blues - 15/06/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 14/06/21

    La pillola va giu di lun 14/06/21

    La Pillola va giù - 15/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 14/06/21

    Considera l'armadillo lun 14/06/21

    Considera l’armadillo - 15/06/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 14/06/21

    Puntata 42 - Non solo una bella cornice nella quale inquadrare tutto. Strutture leggere, involucri giganti e calcoli ingegneristici estremamente…

    Gimme Shelter - 15/06/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 14/06/21

    I Sottotono - a cura di Matteo Villaci

    Jack - 15/06/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 14/06/21

    Record Store di lun 14/06/21

    Record Store - 15/06/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 14/06/21

    Senti un po' di lun 14/06/21

    Senti un po’ - 15/06/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 14/06/21

    DOC 42 - A CHI FA BENE IL WELLNESS - Oli essenziali, velo d’api, digiuno, tantra e chi più ne…

    DOC – Tratti da una storia vera - 14/06/2021

  • PlayStop

    Simone Pollo, Manifesta dell'Animalismo Democratico

    SIMONE POLLO - MANIFESTA DELL'ANIMALISMO DEMOCRATICO - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 15/06/2021

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 12/06/21

    Slide Pistons, Jam Session, Slide Pistons Jam Session, Luciano Macchia, Raffaele Kohler, Raffaele Kohler Swing Band

    Slide Pistons – Jam Session - 15/06/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 14/06/21

    ira rubini, cult, campo teatrale 21, ci siamo tutti sommati, donato nubile, tiziana ricci, museo messina, organism and eternality, kim…

    Cult - 15/06/2021

  • PlayStop

    Snippet di sab 12/06/21

    ep 219 - Need to belong vs Ante Up vs Get down on it - Un susseguirsi di campionamenti nella…

    Snippet - 15/06/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 14/06/21

    Michela Zucca, antropologa, divulgatrice, saggista specializzata in cultura .popolare e in storia delle donne, ci parla della nuova edizione di “Donne…

    Sui Generis - 15/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 14/06/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola - La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 14 giugno 1966 –…

    Fino alle otto - 15/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 14/06/21

    Il punto sul viaggio di Joe Biden in Europa con Roberto Festa e Maria Maggiore. Vaccini, chia-mateci se avete fatto…

    Prisma - 15/06/2021

Adesso in diretta