Approfondimenti

Le dimissioni ufficiali di Mario Draghi, l’addio a Eugenio Scalfari e le altre notizie della giornata

draghi dimissioni

Il racconto della giornata di mercoledì 14 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha reso ufficiali le sue dimissioni. Futuro incerto per il governo Draghi, ma anche per i mercati europei. Oggi l’addio a Eugenio Scalfari, morto a 98 anni. Continua l’offensiva russa nel Donbass. Joe Biden ha fatto tappa in Israele per incontrare il ministro Yair Lapid. E’ scomparso da ormai due settimane il bracciante Dauda Diane, che aveva denunciato in video gli sfruttamenti sul territorio. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Draghi rassegna ufficialmente le dimissioni, Mattarella le respinge

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha ufficialmente rassegnato le sue dimissioni, attraverso una nota che sembrava non lasciar adito a possibilità di dietrofront, perchè ha spiegato “è venuto meno il patto di Governo”. La crisi è precipitata dopo l’uscita dall’aula dei senatori 5 Stelle al momento del voto di fiducia sul Decreto Aiuti. Il presidente Mattarella ha respinto le dimissioni, rinviando Draghi alle camere per un approfondimento ulteriori.
Dai vari partiti sono arrivate reazioni diverse: la Destra ha chiesto stabilità, mentre PD e Movimento 5 Stelle sono rimasti spiazzati dalla decisione, tanto che Enrico Letta vorrebbe un Draghi Bis.
Alessandra Majorino, senatrice del M5S, ha commentato “non era neanche finito il voto di fiducia che già era salito da Mattarella, un concatenarsi di azioni e reazioni che io definisco esorbitanti”.
La decisione di Draghi Lascia spiazzati perchè a conti fatti, perchè aveva ancora un’ampia maggioranza in Parlamento, sempre secondo l’esponente 5 Stelle “è stata una decisione affrettatissima”.
Maurizio Gasparri, ai nostri microfoni, ha detto “Non so se c’è un margine di recupero, non credo. Le parole che ha pronunciato in questo comunicato mi sembrano molto nette”.
Nel caso in cui questo si rivelasse davvero un punto di non ritorno, una delle opzioni più probabili sarebbe un governo balneare in pieno stile prima repubblica in attesa di elezioni a ottobre.

L’incertezza italiana che ricade su Europa e Stati Uniti

(di Raffaele Liguori)

L’incertezza sul futuro del governo Draghi ha spinto in su lo spread tra Btp e Bund: è salito di quasi il 6%, fino a quota 223.
La borsa di Milano ha chiuso con un calo di oltre il 3%, il dato peggiore tra le principali piazze europee.
Sui mercati finanziari più che l’Italia e la sua crisi oggi hanno pesato i timori di una recessione per l’economia degli Stati Uniti e dell’Europa.
A New York il prezzo del petrolio è sceso sotto i 91 dollari al barile, ai minimi degli ultimi cinque mesi. Anche il gas in Europa ha frenato la corsa al rialzo delle ultime settimane: è calato di quasi il 2%, a quota 175 euro.
Segnali negativi sul futuro dell’economia europea sono arrivati oggi dalle previsioni estive presentate dalla Commissione di Bruxelles. “Un taglio completo del gas russo – ha detto il commissario Gentiloni – porterebbe l’economia europea in recessione”.

L’addio a Eugenio Scalfari

(di Sandro Gilioli)

Eugenio Scalfari, morto a Roma a 98 anni, è stato un pezzo del secolo scorso italiano: quello in cui i giornali erano la guida del ceto intellettuale ed erano strumenti capaci di incidere profondamente nell’egemonia culturale, nel modo di pensare, nella politica. [CONTINUA A LEGGERE]

Donbass, rimane concentrata qui l’offensiva russa

In Ucraina continua a salire il numero di vittime dell’attacco missilistico russo sulla città di Vinnytsia, nel centro del paese: sono 22 i morti tra i civili, tra questi almeno 3 bambini.
Bombe ucraine hanno causato due vittime a Izium, città sotto controllo russo nel nord est del paese.
L’offensiva russa resta però concentrata nel Donbass: secondo l’intelligence britannica negli ultimi 3 giorni le truppe di Mosca non hanno guadagnato terreno, ma si registrano continui bombardamenti in direzione di Bakmut e di Siviersk, centro di 10mila abitanti ormai circondato dalle truppe russe, e probabile prossima città a cadere.

È qui che abbiamo raggiunto il nostro collaboratore Andrea Sceresini:

L’incontro tra Joe Biden e il ministro israeliano Lapid

(di Roberto Festa)

Continua il viaggio in Medio Oriente di Joe Biden. Oggi il presidente statunitense ha visto il primo ministro israeliano Yair Lapid. La questione della sicurezza nell’area e quella del nucleare iraniano sono stati al centro del colloquio. Nella conferenza stampa finale, i due hanno mostrato accenti diversi proprio sul tema del nucleare. Lapid ha espresso l’opposizione di Israele al ritorno all’accordo del 2015, poi sconfessato da Donald Trump. Biden ha invece lasciato aperta la porta della diplomazia, che però al momento appare bloccata. Biden ha anche sottolineato il miglioramento dei rapporti tra Israele e buona parte del mondo arabo. Durante la conferenza stampa, è stato chiesto al presidente americano se sottolineerà la questione dell’omicidio di Kashoggi durante la tappa a Ryad. Biden ha risposto che la sua condanna è chiara, ma che va in Arabia Saudita unicamente nell’interesse americano. Il previsto incontro del presidente con Muhammed bin Salman, accusato di essere mandante dell’omicidio di Kashoggi, ha sollevato molte critiche negli Stati Uniti.

Scomparso Dauda Diane, simbolo della lotta allo sfruttamento dei braccianti

Da due settimane ad Acate, nel ragusano, non ci sono notizie di Dauda Diane, bracciante, mediatore culturale, collaboratore del sindacato UsB. Diane viveva di lavori saltuari, viveva in un centro di accoglienza, ed era un punto di riferimento per la comunità di braccianti. È sparito sabato 2 luglio, giorno in cui aveva lavorato su un cantiere. Poco prima aveva diffuso un suo video di denuncia sulle condizioni di lavoro: “Qui il lavoro è duro, si muore qui – dice – Molti di noi dicono ai propri familiari di lavorare in fabbriche di vestiti o di avere impieghi più nobili perché si vergognano ad ammettere di lavorare in queste condizioni” sono le sue ultime immagini, le sue ultime parole. Il cellulare è irraggiungibile. I datori di lavoro hanno presentato denuncia di scomparsa. Nessuno crede ad una sparizione volontaria, anche perché Diane aveva in tasca un biglietto per tornare il 22 luglio in Costa d’Avorio dalla famiglia. Domani ad Acate ci sarà uno sciopero ed un corteo, dopo una prima manifestazione domenica scorsa. “Non è il primo caso di lavoratori che spariscono o hanno gravi infortuni – denuncia Michele Mililli della Federazione del sociale Usb Ragusa – ci aspettiamo serie ed importanti indagini”, ha concluso il sindacalista.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Covid, i dati di oggi: 107mila i nuovi casi, per la prima volta dall’inizio di questa ondata è un numero di contagi analogo a quello di 7 giorni fa, segno che la curva potrebbe aver raggiunto il cosiddetto plateau.
Continuano a salire invece le ospedalizzazioni, 289 in più i posti letto occupati nei reparti ordinari, tre in più in terapia intensiva, a fronte di 48 ingressi. Ancora sopra 100 le vittime: i morti nelle ultime 24 ore sono stati 105.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pop Music di domenica 26/05/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 26-05-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 26/05/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 26-05-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

Adesso in diretta