Approfondimenti

Le devastanti conseguenze dell’ecocidio a Gaza

Ecocidio Gaza

Dopo il 7 ottobre, in Cisgiordania l’appropriazione delle risorse naturali palestinesi da parte di Israele a fini politici e militari e le violenze dei coloni sugli agricoltori palestinesi si sono intensificate, mentre a Gaza è in atto un “ecocidio”. Marianna Usuelli della redazione de Il giusto clima, ha raggiunto a Ramallah Abeer Al Butmeh, coordinatrice di Pengon, network di ONG palestinesi che si batte per la giustizia climatica a Gaza e in Palestina.

Che cos’è e che cosa fa il network palestinese di ONG ambientaliste Pengon e in che modo il 7 ottobre ha cambiato la situazione per il vostro lavoro e che impatto ha avuto sul vostro lavoro?

Il network palestinese Pengon riunisce 15 ONG che lavorano in West Bank e nella striscia di Gaza. Promuoviamo campagne di advocacy anche a livello internazionale e facciamo parte di “Friends of the Earth International”. Localmente lavoriamo su diversi filoni: il primo è la campagna per l’acqua, le terre e le risorse naturali, attraverso la quale documentiamo le violazioni di Israele sull’ambiente nei territori palestinesi occupati.
La seconda campagna è su energia e giustizia climatica, tramite la quale cerchiamo anche di promuovere le energie pulite in Palestina. Portiamo avanti un’azione di monitoraggio degli inquinanti dell’aria, del terreno e acqua e per questo abbiamo anche lanciato un numero verde per raccogliere segnalazioni ambientali da parte delle comunità palestinesi.

Attualmente noi abbiamo 5 organizzazioni e 5 membri nella striscia di Gaza. Tutti i nostri uffici hanno subito bombardamenti e i membri dello staff di Pengon sono sfollati verso il sud della striscia. Quindi ora ci stiamo focalizzando su lavori di emergenza a Gaza e tutti gli altri progetti sono bloccati.
Invece in West Bank le restrizioni nella mobilità tra le città imposte dall’autorità israeliana e le minacce poste dai coloni ci impediscono di portare avanti le nostre campagne e di supervisionare i nostri progetti quindi ci stiamo focalizzando sulle attività essenziali.

Mentre le persone a Gaza stanno morendo di fame o sotto i bombardamenti potrebbe sembrare quasi inappropriato parlare della questione ambientale, invece questa è connessa a doppio filo con l’occupazione israeliana e ha un impatto enorme e sottostimato sulla popolazione palestinese. Ci puoi raccontare in che modo si è manifestata già da prima del 7 ottobre l’ingiustizia climatica praticata dall’occupazione israeliana?

Esatto, in Palestina è già da prima del 7 ottobre che noi subiamo l’ingiustizia climatica sia a Gaza che in West Bank. I settori principali in cui si manifesta sono l’agricoltura e l’acqua.

L’85% delle risorse idriche palestinesi è controllato da Israele, che nega il diritto di accesso all’acqua ai palestinesi. La maggior parte degli agricoltori palestinesi non può accedere liberamente alle fonti d’acqua: delle 56 fonti di acqua dolce sotterranea presenti in Palestina, 46 sono controllate da Israele.

Poi c’è la questione dell’agricoltura. Il 64% dei terreni in Cisgiordania è classificato in area C secondo gli accordi di Oslo ed è sotto il controllo di Israele. La maggior parte delle aree agricole sono lì, con conseguenze enormi sull’agricoltura palestinese. Per esempio nell’ultima stagione di raccolto, a ottobre e novembre scorsi gli agricoltori palestinesi non potevano raggiungere i loro terreni perché gli israeliani hanno imposto dei check point e ci sono stati diversi casi di arresti ingiustificati di agricoltori che cercavano di raggiungere i loro terreni.

Nella parte nord della West Bank vicino a Nablus, un colono israeliano ha sparato a un agricoltore palestinese che aveva raggiunto il suo uliveto per il raccolto. La maggior parte degli agricoltori palestinesi non ha potuto fare il raccolto degli ulivi per via dell’inasprimento dell’occupazione di questi mesi, delle restrizioni sulla mobilità e delle minacce dei coloni.

Nel report che avete scritto a dicembre 2023, “Climate Justice in Palestine is a Human Right”, raccontate che l’occupazione israeliana prende di mira anche gli impianti di energia solare in West Bank.

In West Bank c’è la valle del Giordano dove diverse comunità sono soggette a continui tagli dell’elettricità da parte dell’autorità israeliana. Ecco perché la nostra rete di ONG si è focalizzata su quest’area per installare pannelli solari, ma diversi impianti sono stati danneggiati e smantellati dagli israeliani.

Negli anni scorsi anche a Gaza abbiamo portato avanti progetti di energia solare, anche perché la striscia di Gaza ha vissuto 17 anni di blocco da parte di Israele che non ha permesso l’entrata di sufficiente quantità di carburante per ospedali, trattamento delle acque reflue, impianti di desalinizzazione d’acqua. Purtroppo anche i progetti di energia solare a cui abbiamo lavorato in questi anni sono stati danneggiati e bombardati. Come Pengon stiamo lavorando a una valutazione dei danni causati, ma stiamo aspettando la fine dei bombardamenti per poterla effettuare, e speriamo avvenga presto.

Mentre il contesto in West Bank è caratterizzato da violazioni del diritto internazionale, accaparramento di terre e tutto quello che ci hai appena raccontato, la situazione nella striscia di Gaza è in tutto ciò ovviamente molto peggiore a causa dei continui bombardamenti. In che modo Israele usa le risorse naturali e dell’ambiente a Gaza per scopi politici e militari?

Sì esatto, se la situazione ambientale di Gaza era già catastrofica prima del 7 ottobre, ora sta vivendo un ecocidio perché sono sotto attacco tutti gli elementi naturali e di vita.

Questa guerra è la più crudele mai avvenuta nella striscia di Gaza, che è stata bombardata ovunque con migliaia di tonnellate di bombe. La quantità di bombardamenti chimici illegali che sono stati sganciati sulla striscia avrà impatti di lungo termine sull’acqua, l’agricoltura e l’aria… non possiamo immaginare la quantità di emissioni tossiche prodotte da bombe e armi chimiche e al fosforo bianco. Ci vorranno tanti anni per trattare ciò che rimarrà del suolo, dell’acqua, della biodiversità e della vita marina.

Già nel 2015 con la nostra valutazione ambientale della guerra del 2014 avevamo visto che la maggior parte delle aree agricole era diventata sterile, e che il 97% dell’acqua a Gaza non era potabile. Quindi potete immaginare i livelli a cui si sta giungendo adesso.

Oggi a Gaza si ha da uno a 3 litri di acqua a testa al giorno, quando è disponibile… le persone dipendono dall’acqua salata per lavarsi e lavare vestiti e spesso la bevono anche, perché non hanno accesso costante ad acqua fresca. Purtroppo questa guerra, come dicevo prima, ha preso di mira anche i nostri impianti di energia solare di trattamento e depurazione dell’acqua.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 29/05 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 29/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-05-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 29/05/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 29-05-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/05/2024

    Ospite della puntata J Bernardt che ci racconta il suo ultimo disco "Contigo"

    Jack - 29-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha ospitato il grandissimo @Bruno Bozzetto che ci ha parlato del suo rapporto con gli altri animali, di Sapiens? il suo film su @raiplay, di Doggy, del libro Il signor Bozzetto, una vita animata, scritto con Simone Tempia, @rizzoli Lizard editore, di Attenti all'uomo, balcone Gallucci editore? Ma anche di @oipa e della darà di sparo su quaglie a Padulle

    Considera l’armadillo - 29-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 29/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-05-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E8

    Pnrr, economia, sviluppo: come arriva l'Unione europea alle elezioni. E cosa potrebbe cambiare. Ospite: l'economista Paolo Manasse.

    Clip - 29-05-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/05/2024

    Oggi a Cult: Giovanni Sollima introduce Trame Sonore 2024; al Broletto di Pavia la mostra "Esplorazioni di fabbriche" di Günter Pusch; Arianna Scommegna è coprotagonista di "Il panico" di Rafael Spregelburd a Torino per la regia di Juri Ferrini; il Bozen Festival 2024; la nuova edizione di "Da vicino nessuno è normale" all'ex-Pini è tutta dedicata a Basaglia...

    Cult - 29-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 29/05/2024

    Meloni, un modello per la destra europea, mentre la politica in Europa assomiglia sempre di più a quella italiana. L’estrema destra e la politica delle alleanze, al proprio interno e con altri soggetti politici. L’estrema destra e i poteri forti: Meloni, Le Pen, Salvini, Orban sono una garanzia per gli interessi del grande capitale finanziario e industriale europeo? Pubblica ha ospitato oggi David Broder, storico, studioso dell'Italia, scrive su Internazionale, è editor per l’Europa della rivista Jacobin. Broder ha pubblicato nei mesi scorsi una sua ricerca sull’estrema destra italiana: “I nipoti di Mussolini. Il fascismo nell'Italia contemporanea” (Ponte alle Grazie, 2023).

    Pubblica - 29-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 29-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di mercoledì 29/05/2024

    Paola Caridi ragiona sulle ultime notizie di guerra da Gaza e Mero Rappoport ci racconta la sua inchiesta pubblicata da The Guardian, +972 Magazine e Local Call che denuncia lo spionaggio israeliano contro la Corte penale internazionale in atto dal 2015. Andrea Spinelli Barrile, di Slow News, ci racconta le elezioni sudafricane (oggi si aprono le urne). EuropaMente, la rubrica sull'Europa al voto di Alessandro Principe, ci parla di economia ed effetti del Pnrr con l'economista Paolo Manasse. Valeria Taurino, direttrice generale di SoS Mediterranée, annuncia le migliaia di firme raccolte con la petizione "Io non sto a guardare" per chiedere ai candidati alle elezioni europee più ricerca e soccorso e meno propaganda e repressione per i migranti.

    Giorni Migliori – Intro - 29-05-2024

  • PlayStop

    Federico Zappino - Un materialismo queer è possibile

    Federico Zappino - Un materialismo queer è possibile - presentato da Elena Mordiglia

    Note dell’autore - 29-05-2024

  • PlayStop

    Il centenario del delitto Matteotti

    Il 30 maggio 1924 Giacomo Matteotti prese la parola in Parlamento per denunciare i brogli, i metodi squadristi e il clima di violenza in cui si svolsero le elezioni quell'anno. Matteotti era il socialista e l'antifascista più temuto e odiato da Mussolini per la sua attività instancabile di oppositore del fascismo, nelle sue terre, nel Polesine, e in Parlamento, per le sue denunce del malaffare del governo fascista e delle violenze continue nei confronti dei sindacalisti e oppositori politici. Pochi giorni dopo quel discorso, Matteotti venne assassinato dai fascisti, rapito davanti alla sua casa sul lungotevere di Roma e ucciso subito. Il suo corpo verrà ritrovato alcune settimane dopo nelle campagne laziali, ma già il giorno dopo il suo rapimento, non vedendolo più in Parlamento, i deputati dell'opposizione capirono che Matteotti era stato ucciso per ordine di Mussolini. Questo podcast è stato curato da Anna Bredice. Sono intervenuti: Mauro Canali, storico, docente di storia contemporanea, autore del libro "Il delitto Matteotti". Rossella Pace, storica, segretaria generale della Fondazione Giacomo Matteotti, autrice di libri sulle donne liberali nella Resistenza. Antonio Tedesco, direttore scientifico della Fondazione Pietro Nenni, autore della biografia della figlia di Nenni, Vittoria. Vittorio Zincone, giornalista, autore del libro Matteotti, dieci vite. Federico Fornaro, storico e deputato del partito Democratico, autore del libro Giacomo Matteotti l'Italia migliore

    Clip - 29-05-2024

Adesso in diretta