Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di sab 14/12 delle ore 10:30

    GR di sab 14/12 delle ore 10:30

    Giornale Radio - 14/12/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 14/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/12/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 13/12 delle 19:50

    Metroregione di ven 13/12 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 14/12/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di ven 13/12

    Mash-Up di ven 13/12

    Mash-Up - 14/12/2019

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 13/12

    Doppia Acca di ven 13/12

    Doppia Acca - 14/12/2019

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di ven 13/12

    Musiche dal mondo di ven 13/12

    Musiche dal mondo - 14/12/2019

  • PlayStop

    Esteri di ven 13/12

    1- Brexit ora a un passo dopo la grande vittoria di Boris Johnson. Ma la Gran Bretagna rischia di ..Ulster…

    Esteri - 14/12/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 13/12

    Note dell'autore di ven 13/12

    Note dell’autore - 14/12/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 13/12

    Il demone del tardi - copertina di ven 13/12

    Il demone del tardi - 14/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (terza parte)

    Fino alle otto - 14/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (seconda parte)

    Fino alle otto - 14/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (prima parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (prima parte)

    Fino alle otto - 14/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12

    Fino alle otto di ven 13/12

    Fino alle otto - 14/12/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 12/12 (seconda parte)

    Cult di gio 12/12 (seconda parte)

    Cult - 12/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di gio 12/12

    Tazebao di gio 12/12

    Tazebao - 12/12/2019

  • PlayStop

    Memos di gio 12/12

    Piazza Fontana, la strage di stato. 50 anni fa la bomba alla Banca nazionale dell’agricoltura. Diciasette le vittime. Tre giorni…

    Memos - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12

    Fino alle otto di gio 12/12

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di gio 12/12

    Radio Session di gio 12/12

    Radio Session - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 12/12

    Malos di gio 12/12

    MALOS - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 12/12 (prima parte)

    Malos di gio 12/12 (prima parte)

    MALOS - 12/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 12/12 (terza parte)

    Paolo Silva, vice presidente associazione familiari delle vittime della strage di Piazza Fontana (terza parte)

    Fino alle otto - 12/12/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Le chiacchiere di Lega e M5S stanno a zero

Giovanni Tria

Se vogliamo una chiave per interpretare questa ipertrofia di sparate salviniane, e questo controcanto dei grillini che disperatamente gli contendono il palcoscenico, dobbiamo segnarci un nome e tenere d’occhio le sue dichiarazioni: Giovanni Tria.

È vero che sembra che il governo sia solo Salvini, più Toninelli e Di Maio di contorno, ma Giovanni Tria è il ministro dell’Economia. E’ da lui che passano le decisioni strategiche. E cosa ha detto Tria oggi? Ha detto che tutte le misure che verranno approvate nel 2018 dovranno essere a costo zero, che è intenzione del governo non sforare dal rapporto deficit-Pil dello 0,3 per cento e che lui con i commissari Ue all’Eurogruppo non ha mai discusso di un allentamento dei margini perché è intenzione del governo rimanere nei margini. E ha aggiunto che Di Maio non gli ha mai parlato del reddito di cittadinanza. Quindi, le chiacchiere leghiste e grilline stanno a zero.

La linea del governo è questa. Non a caso Tria, vicino a Forza Italia, già direttore della scuola dei dirigenti della pubblica amministrazione quindi uomo delle Istituzioni, pura espressione del famigerato ‘establishment’ attaccato sia dalla propaganda leghista che da quella grillina, è stato imposto al ministero dell’economia e finanze dal capo dello Stato.

Lo raccontavamo nelle settimane in cui a fatica si è formata questa maggioranza. Lo psicodramma del fallimento del primo tentativo del governo Conte, quello con Savona ministro dell’economia, e la successiva soluzione si spiega col fatto che Mattarella ha blindato i ministeri chiave, dagli esteri all’economia, per garantire una continuità che altrimenti sarebbe stata messa in forte discussione. Si spiega anche così, oltre che con l’attitudine alla propaganda permanente, il continuo urlare dei leader di Lega e 5 Stelle, il continuo alzare la posta.

Si deve coprire una impotenza di fatto, rispetto ai temi con cui hanno vinto le elezioni. Il solo risultato di questo esecutivo e di questa maggioranza parlamentare, fino a questo momento, riguarda due navi delle Ong piene di donne uomini e bambini in cerca di salvezza che vengono respinte. Non c’è altro. E se Salvini dà dell’ubriaco al presidente della Repubblica francese Macron, si prepara un bellissimo alibi se, domenica, al vertice europeo sull’immigrazione, l’Italia ottenesse poco o nulla.

Giovanni Tria
Foto dal sito del MEF http://www.mef.gov.it/ministro-uffici/ministro/ministro.html
  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni