Approfondimenti

L’attivismo ambientale che uccide: il report dell’Ong Global Witness

ambiente

 

Questa è la voce di Chut Wutty, un uomo cambogiano e un attivista ambientale. Fu una delle sue ultime interviste rilasciate, nel 2010: poco dopo, Wutty fu ucciso. In questo audio raccontava la situazione nella foresta Prey Lang, una delle ultime distese di alberi del Sud Est asiatico, che tra il 2001 e il 2014 vide un tasso di disboscamento illegale che fu il più rapido al mondo. Wutty venne ucciso a causa delle sue azioni di attivismo ambientale, perché denunciava la scomparsa della foresta, dava fastidio.

Dall’anno della sua morte, la Ong Global Witness, che ha sedi in Inghilterra e negli Stati Uniti, tiene il conto di tutti gli attivisti uccisi per le loro battaglie a difesa dell’ambiente. Negli ultimi dieci anni sono stati più di 1.700, racconta l’ultimo report di Global Witness, pubblicato nelle scorse settimane.

Nel 2021 ci sono state 200 vittime, più di una ogni due giorni. È interessante osservare la loro distribuzione: il 39% degli attivisti uccisi era indigeno, nonostante le comunità indigene rappresentino solo il 5% della popolazione mondiale. La maggior parte delle uccisioni avviene attorno a territori ricchi di risorse naturali. L’Amazzonia in primis: Brasile e Colombia sono stati nel 2021 i Paesi che hanno visto un numero più alto di morti. Il Messico però è il primo della lista. Per l’Africa invece tra i territori più martoriati c’è il Parco Nazionale del Virunga, in Repubblica democratica del Congo. È considerato patrimonio dell’umanità dall’Unesco, ed è anche casa del gorilla di montagna, una specie protetta. Allo stesso tempo, il territorio è controllato da gruppi militari che ne gestiscono le risorse in modo illegale. Si calcola che i ranger uccisi lì siano stati più di 200, a partire dal 2008.

Vengono colpiti in modo particolare anche i piccoli agricoltori. Le piantagioni su larga scala cancellano l’agricoltura famigliare su piccola scala. I contadini devono rinunciare ai loro campi e spesso vengono ignorati negli accordi di compravendita dei territori. Chi è espropriato, spesso senza alcun risarcimento, si ritrova in uno stato di povertà tale da non riuscire più a garantire un sostentamento alla propria famiglia. Opporsi alla privatizzazione dei terreni è naturalmente una conseguenza che espone a un pericolo.

La crisi climatica è oggi tra i temi centrali per le opinioni pubbliche. Per risponderle, per difendere ecosistemi ambientali in via di estinzione, c’è anche chi si gioca la vita.

Chiara Vitali
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 04/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/04/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 04/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/04/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 04/12/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 12/04/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 04/12/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 12/04/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 04/12/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 12/04/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 04/12/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 12/04/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 04/12/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 12/04/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 04/12/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 12/04/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 04/12/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 12/04/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 04/12/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 12/04/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 04/12/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 12/04/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 04/12/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 12/04/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 04/12/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 12/04/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 04/12/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 12/04/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 04/12/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 12/04/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 04/12/2022

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 12/04/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 03/12/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 12/03/2022

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 03/12/2022

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 12/03/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 03/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/03/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 03/12/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 12/03/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 03/12/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 12/03/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 03/12/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 12/03/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 03/12/2022

    l fascino di Samara Joy, giovane jazz singer newyorkese, interprete dalla grande tecnica, in grado di rileggere Gershwin e Monk…

    Stay human - 12/03/2022

Adesso in diretta