Approfondimenti

L’asilo si paga

Uno degli Stati più ricchi del mondo che confisca ai richiedenti asilo i loro soldi, prima di concedere loro protezione. E se decide che ne hanno diritto, chiede loro di “ripagarsi” l’asilo a rate, come se restituissero un mutuo. Accade in Svizzera, e non da oggi. Come ha spiegato la portavoce della Segreteria di Stato della migrazione, l’organismo nazionale che si occupa delle richieste d’asilo, la legge prevede da anni che a chi presenta le pratiche nei centri vengano sequestrati i beni di valore superiore ai mille franchi svizzeri, equivalenti a poco più di 900 euro.

La norma prevede la possibilità di perquisire i migranti per verificare che non nascondano denaro o preziosi. Si salvano gli oggetti di valore affettivo come fedi nuziali, medaglie o ritratti di famiglia. Al richiedente protezione internazionale viene consegnata una ricevuta, e se entro sette mesi deciderà di lasciare volontariamente il Paese potrà riavere indietro quanto confiscato, diversamente la cifra verrà incamerata come contributo per coprire i costi delle procedure d’asilo – ha rivelato la portavoce alla Radiotelevisione svizzera di lingua tedesca. Nel 2015 le autorità svizzere hanno sequestrato circa 210mila euro a 112 migranti.

La legge, che contiene una proposta simile a quella recente del governo danese, è in vigore dal 1992, nel silenzio generale. Se ne parla oggi perché il tema delle migrazioni è diventato massiccio e oggetto di polemica politica. Ma c’è di più. Qualora il richiedente asilo ottenga la protezione internazionale, dovrà versare un contributo. Il diritto a risiedere in Svizzera costerà fino a 15mila franchi, circa 13.700 euro. Una cifra che dovrà essere versata a rate del 10 per cento del proprio reddito per dieci anni.

Ma tutto questo è possibile o la Svizzera infrange qualche norma internazionale?
Anche se il Paese non fa parte dell’Unione europa, ha sottoscritto la Convenzione di Dublino con un accordo con l’Ue. “Fermo restando che questa notizia sorprende tutti e dovremmo vedere i testi per commentarla adeguatamente”, ci ha detto Gianfranco Schiavone, giurista dell’Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione) e presidente del Cir (Consorzio italiano di solidarietà), “è previsto dalla direttiva europea sull’accoglienza che il richiedente asilo possa compartecipare alle spese per l’accoglienza qualora disponga di mezzi”.

Grave e “stupefacente” invece, “immaginare che qualora si ottenga il diritto d’asilo si configuri una sorta di risarcimento danno”, commenta ancora Schiavone. “Un risarcimento spese ex post da parte del rifugiato è una cosa che ha dell’incredibile oltre che moralmente inaccettabile perché la direttiva prevede che gli Stati siano obbligati a provvedere a realizzare misure per l’integrazione sociale dei rifugiati riconosciuti, quindi a impegnare delle risorse, e non immagina forme di restituzione. Che chi fugge da una guerra o una persecuzione sia obbligato a ripagare a rate un diritto previsto dalle convezioni internazionali rappresenta “uno scenario surreale”.

Ascolta qui l’intervista a Gianfranco Schiavone

SCHIAVONE 1230 svizzera ronzani

  • Autore articolo
    Chiara Ronzani
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/09/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/09/2022

Adesso in diretta