Approfondimenti

La ‘buona morte’ tra mito e realtà

Il titolo – L’accabadora – non deve ingannare, è lo stesso dell’affascinante romanzo di Michela Murgia e descrive la figura di una di quelle donne che accompagnavano alla “buona morte” le persone sofferenti. Figure forse esistite davvero nella prima metà del ‘900, ma potrebbe anche essere solo una leggenda. Per il suo film, il regista sardo Enrico Pau non ha fatto riferimento al romanzo della Murgia, ma a un saggio di Alessandro Bucarelli. A queste figure viene attribuito il dubbio che si tratti di un’invenzione, della costruzione di un mito, anche se è evidente – dice Pau – che queste storie sono fondamentali per ribadire il diritto a morire e a scegliere di porre fine alle proprie sofferenze in maniera dignitosa. Questo è il senso più profondo del film, un modo per indagare attraverso la tradizione ciò che oggi può offrire la scienza.

La leggenda dice che queste donne fossero anziane e che come strumento per finire le vite, queste usassero un martelletto, ma nel film si affida il momento letale alla pressione di un cuscino.

L’accabadora si inserisce in quel filone di film, ancora troppo esile in Italia, che affronta il tema dell’eutanasia, come recentemente hanno fatto Marco Bellocchio con La bella addormentata e Valeria Golino con Miele.

La protagonista del film è Donatella Finocchiaro, che dà volto e corpo a l’accabadora, si muove lenta e scura di casa in casa, in un villaggio rurale della Sardegna, dove la chiamano per far morire persone malate terminali. Da questo villaggio la scena si sposta a Cagliari alla fine dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, dove Annetta incontra un medico (l’attore Barry Ward), mettendo insieme due aspetti differenti del territorio sardo e della storia dell’isola. Il villaggio immobile nel suo tempo e la città, vittima della guerra. Cagliari torna ancora una volta nel cinema di Enrico Pau, più irreale rispetto a Pesi leggeri e Jimmy della collina, due film alla ricerca di un realismo contemporaneo, narrazione di un’adolescenza pronta a perdersi.

Lo stile narrativo si concentra sui corpi, vivi e in decomposizione, sulle ombre delle stanze di morte e il chiarore delle macerie nella città bombardata. Pau ama citare Pasolini parlando dello stile frammentato del suo film, che va a pescare nella tradizione dei luoghi, espressione di storie antichissime.

L’accabadora, presentato in anteprima a La Valigia dell’Attore, uscirà nelle sale italiane a metà ottobre. Nel cast Carolina Crescentini e Anita Kravos e i costumi sono di Antonio Marras.

Ascolta l’intervista al regista Enrico Pau

Enrico Pau_Accabadora

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 25/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 25/11/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 25/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 26/11/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 25/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/11/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 25/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 25/11/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 26/11/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 25/11/2022

    Proseguiamo il nostro viaggio negli ospedali lombardi tra liste d’attesa e call center quasi inutili: oggi ci trasferiamo al S.…

    37 e 2 - 26/11/2022

  • PlayStop

    Marta Correggia. Il mio nome è Aoise

    MARTA CORREGGIA – IL MIO NOME E’ AOISE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/11/2022

Adesso in diretta