Approfondimenti

La terza stagione de L’Amica Geniale: storia di chi fugge e di chi resta

L'Amica Geniale 3

Si è conclusa su Rai1 e RaiPlay la terza stagione di L’amica geniale, sottotitolata – come il romanzo da cui è tratta – Storia di chi fugge e di chi resta. La cosiddetta “Ferrante Fever” è un fenomeno noto a tutti: la quadrilogia letteraria è stata pubblicata in 40 paesi e ha venduto oltre 10 milioni di copie, e soprattutto negli Stati Uniti, dov’è nota come Neapolitan Novels, è un successo senza precedenti per un’autrice italiana.

La serie è una co-produzione tra RaiFiction e HBO, distribuita internazionalmente con il titolo My Brilliant Friend: in America la messa in onda della nuova annata comincia lunedì 28 febbraio. Da un altro romanzo di Elena Ferrante, La figlia oscura, è stato tratto un film, The Lost Daughter, presentato e premiato all’ultima Mostra del cinema di Venezia e presto in sala, esordio alla regia dell’attrice Maggie Gyllenhaal e con l’interprete premio Oscar Olivia Colman; nel frattempo, proprio in questi giorni, Netflix annuncia il cast di una nuova serie tv in produzione, ispirata all’ultimo libro narrativo di Ferrante, La vita bugiarda degli adulti, con Valeria Golino e Alessandro Preziosi, che dovrebbe approdare sulla piattaforma entro la fine di quest’anno.

La terza stagione di L’amica geniale è arrivata a due anni dalla seconda, segnata da alcune scelte non da tutti apprezzate. Il cambiamento alla regia, in primis: dopo due stagioni curate e dirette da Saverio Costanzo (con due bellissimi episodi firmati da Alice Rohrwacher), la terza annata è stata interamente affidata a Daniele Luchetti, regista di film importanti come Il portaborse, La scuola, Mio fratello è figlio unico fino al recente Lacci, anche se Costanzo è rimasto come sceneggiatore (gli script sono firmati anche dalla stessa Elena Ferrante, che collabora intensamente via mail con la produzione). Controversa è stata anche una “non scelta”, ovvero la decisione di non sostituire gli attori visti fin qui con altri interpreti più maturi: Gaia Girace e Margherita Mazzucco, che incarnano le protagoniste Lila e Lenù, avevano appena 13 anni quando furono selezionate, dopo un processo di casting lunghissimo, per la prima stagione; ora ne hanno 18, ma in Storia di chi fugge e di chi resta i loro personaggi raggiungono e superano i 30 anni, e lo stesso vale per il cast di loro coetanei.

Qualcuno ha trovato difficile sospendere l’incredulità davanti ai loro volti e corpi giovanissimi (e anche a qualche asperità recitativa), anche se Luchetti ha giustificato la scelta con un desiderio di conservare il legame affettivo del pubblico con gli interpreti e anche di sottolineare come le generazioni passate affrontassero molto prima di quelle odierne certi momenti cruciali dell’esistenza. Anche i dati Auditel, che nelle prime due stagioni avevano segnato numeri record, sono calati, ma è difficile individuarne il motivo.

L’amica geniale resta un unicum nella serialità televisiva italiana, e questa terza stagione l’ha evidenziato più che mai, portando in prima serata su Rai1, a un pubblico che più generalista non si può, un punto di vista e una storia autenticamente femministi: quelle di Lila e Lenù sono le vite invisibili raramente protagoniste dei grandi racconti popolari, di solito incentrati o su personaggi maschili o su eroine esemplari. Lila e Lenù sono invece caratteri umanissimi, verosimili, complessi. Difficili, entrambe: scorrendo i commenti sui social network, si nota il rifiuto di molti spettatori per i loro errori, per i tratti peggiori della loro personalità – oltre che per l’attenzione alla sessualità riservata dalla serie, e probabilmente ancora indigeribile a certo perbenismo bigotto. Indomabile e a tratti crudele Lila, arrendevole fin quasi all’inettitudine Lenù, in molte ci riconosciamo nella loro autenticità. E nel loro percorso a specchio, complementare e opposto, prosegue l’illustrazione di come l’oppressione di genere – oltre a quella di classe e di provenienza: mai dimenticarsi che L’amica geniale è anche una storia di povertà e d’immigrazione interna – abbia da sempre plasmato, costretto, mutilato l’esistenza delle donne, relegandole alla sfera domestica, al solo regno dei sentimenti (e poi decidendo che i sentimenti erano una cosa stupida e frivola), all’impossibilità di vedersi “intere”, sempre ridotte all’appendice ancillare di un uomo.

E allora con il loro rapporto doloroso e sfuggente, insieme di rivalità, competizione, sostegno e affetto, con le loro decisioni a volte incomprensibili e spesso frustranti, nella loro sorellanza continuamente cercata e inevitabilmente spezzata, Lila e Lenù – e con loro la serie – compiono un gesto di vera ribellione: diventare vere, imporre la propria scomoda presenza, venire alla luce, semplicemente esserci, senza compromessi.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 16/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 15/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 15/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 16/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 15/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 16/05/2022

Adesso in diretta