Approfondimenti

La simpatia tra Giuseppe Sala e CL

Tra Giuseppe Sala e Comunione e Liberazione c’è una reciproca apertura politica. Gli eredi di Don Giussani sono alla ricerca di nuovi referenti politici, dopo la fine del berlusconismo e Renzi e il suo mondo sono interlocutori privilegiati.

L’ex commissario di Expo2015 che si appresta a diventare il candidato renziano alle primarie del centrosinistra milanese per la successione a Pisapia è, da questo punto di vista, un osservato speciale.

Abbiamo parlato con alcuni esponenti di primo piano della galassia ciellina e abbiamo raccolto attestazioni di stima per Sala e manifestazioni di interesse.

“Se si candiderà alle elezioni comunali io lo voterò” dice ad esempio Massimo Ferlini, vicepresidente nazionale della Compagnia delle Opere, il braccio economico di Comunione e Liberazione, con migliaia di aziende affiliate.

“A me piace Sala – afferma Ferlini – per quello che ha fatto in modo straordinario per Expo e per Milano”.

Il candidato in pectore di Renzi alle primarie si prepara a chiedere i voti anche al di fuori del perimetro tradizionale del centro sinistra. All’ultimo meeting ciellino di Rimini, Giorgio Vittadini lo aveva detto chiaro e tondo: Comunione e Liberazione non è più un movimento di centrodestra. Non è diventata di centrosinistra ma non ha più nel centrodestra il riferimento. Renzi è stato invitato a Rimini e ha raccolto grandi applausi.

A Milano, oggi, Giuseppe Sala e Cl si mandano segnali. Durante il suo primo discorso pubblico da candidato alle primarie, anche se ancora manca l’ufficialità, Sala ha elencato un programma che trova consenso tra i ciellini che abbiamo intervistato. E ha citato una sola persona: lo scrittore Luca Doninelli, uno sguardo sulla città di Milano vicino a Comunione e Liberazione. Lo abbiamo raggiunto. Ci ha detto perchè apprezzi Sala e perchè il dialogo tra il commissario di Expo2015 e Cl sia destinato a continuare:

“Ho tutte le ragioni per avere stima di Sala per come ha gestito un difficile pre-Expo e poi l’Expo, che non avrà avuto un grande contenuto culturale però è stato ben gestito, è stato un successo di pubblico” afferma Doninelli. “Poi – precisa – bisognerà vedere se saprà fare il sindaco. Io faccio lo scrittore e se lei mi chiedesse di condurre un programma televisivo le direi che è un altro mestiere”.

Secondo lei che profilo culturale e politico ha Sala?

“E’ il rappresentante di un nuovo modo di intendere la città, con una connotazione ideologica a grado minimo e con un’idea molto chiara del funzionamento della struttura della città. Credo abbia abbastanza chiaro che Milano è più grande di come è stata pensata fino a oggi. Milano come una sorta di città-Stato. Milano è di fatto una città che ha acquistato una grande importanza in questo senso. “Capitale morale” mi sembra una definizione troppo italocentrica; Milano è una capitale del sud Europa. Credo che occorra qualcuno che la pensi in termini più ampi”.

E lui è una persona giusta che ha questo tipo di visione?

“Questo tipo di visione secondo me lui ce l’ha”.

Perché una evoluzione del genere nella politica avviene oggi a Milano nel campo del centrosinistra e non nel campo che dovrebbe essere più consono, quello del centrodestra, dove invece ci si radicalizza sullo sparatore di Vignate e su Salvini?

“E’ una questione di dimensione culturale. Se uno continua a pensarsi di destra contro la sinistra dopo un po’ si ritrova con 20 anni di ritardo sulla realtà. Adesso la sfida non è tra destra e sinistra ma su chi ha un pensiero sulla città. Con tutti i problemi che anche la sinistra ha sempre avuto mi sembra che adesso una capacità di lettura stia emergendo”.

Che sviluppi potrà avere questo dialogo che si sta instaurando?

“Tanto più avrà sviluppi quanto più sarà un dialogo tra persone. Sarà sempre più la persona, il coraggio imprenditoriale ma anche intellettuale e morale della persona a fare forte la città”.

La destra è in ritardo, dice Doninelli. Lo dice anche il direttore di Tempi, Luigi Amicone. Alla guida del settimanale ciellino, Amicone ha sempre condotto battaglie contro la sinistra scegliendo solidamente il campo della destra.

“Io non lo voto perchè Sala tolse il logo di Expo al convegno sulla famiglia tradizionale organizzato dalla Regione Lombardia” ci ha spiegato.

Ma Sala è un profilo interessante per molti ciellini. Perchè il voto di Cl oggi è in libera uscita e il pd renziano, dice Amicone, è una novità interessante:

“In assenza di alternative Sala è un candidato che troverebbe consenso anche nell’area moderata. Ad oggi abbiamo Sala, in effetti. Siccome anche Cl, parlo da militante di base, ormai da parecchi anni ha fatto una scelta chiara e irrevocabile di distanza critica dalla politica, nel senso che chi la fa si assume le sue responsabilità personali ma Cl non coprirà più nessuno, il voto di Cl è pienamente contendibile” ragiona Amicone.

“Per cui – continua – penso che anche in Cl quella di Sala è una candidatura certamente apprezzata, votabile. Magari altri con me non lo voteranno ma il voto è in libera uscita, quindi ognuno avrà piena libertà. Tempo addietro c’erano indicazioni e un orientamento verso il centrodestra, Formigoni Berlusconi e Forza Italia sono stati area riferimento. Da qualche anno non è più cosi”.

Stiamo parlando di Sala o del Pd?

“Devo dire che con Renzi si apre una possibilità. Non, con lo schema del passato, di adesione a un partito in quanto tale, ma con lui si vede una discontinuità di tipo liberale col passato, col Pci-Ds“.

In questo senso Sala, che rappresenta quel pensiero, potrebbe essere interessante?

“Perfetto. Anche se il limite di Sala è di essere, più che il rappresentante di un pensiero, un tecnico in funzione di un leader, ci può essere un avvicinamento a Sala in quanto uomo di Renzi. Questo è possibile”.

Molto più esplicito Ferlini. Che ci dice che lui, Sala, lo voterebbe:

Se si candida a sindaco lo voto, lo vuole sapere cosi secco? Se si candida a sindaco lo voterei”.

Il numero due della Compagnia delle Opere ha un passato nella corrente migliorista del Partito Comunista e oggi vede in Renzi una prospettiva politica interessante. Anche Ferlini sottolinea come oggi sia il centrosinistra il campo a cui guardare. Anche solo per la debolezza attuale della destra:

“Voterei Sala anche perché porterebbe una ventata di quel riformismo che questo governo sta cercando di portare avanti a livello nazionale. Renzi ha impresso un esempio operativo di un riformismo governativo di tipo nuovo e che svecchia, è una spinta al rinnovamento del Paese di cui si sentiva l’esigenza”.

E’ il superamento del centrosinistra come lo abbiamo conosciuto in questi 25 anni?

“Di sicuro una rottura rispetto a un bipolarismo muscolare e a una chiusura al dialogo lui l’ha rappresentata, questo sì. La mossa che rimette in moto tutte le forze è questa” afferma Ferlini, il quale ribadisce a sua volta la debolezza odierna del centrodestra che fa sì che Cl se ne allontani: “La riflessione su Milano è sicuramente più presente nello schieramento di sinistra. In parte l’autocandidatura di Corrado Passera cerca di infilarsi in questo dibattito. Di là (nel centrodestra) invece si ricerca un personaggio più di bandiera, ritenendo che questa sia una fase in cui debba prevalere l’identitarismo politico invece che l’identità civica”.

“Secondo me – dice Ferlini della destra – se vanno avanti cosi commettono un errore di analisi, però è un dibattito ancora aperto”.

Quindi, Giuseppe Sala. L’uomo su cui si confida per il ricoinvolgimento nell’area di Governo:

“Di sicuro mi piacerebbe che Sala facesse la scelta di candidarsi -spiega Ferlini- e che lo facesse con uno schieramento che tenesse assieme l’esperienza che la sinistra ha fatto in questi anni e portando quelle capacità di apertura e di fare che sono la capacità di rilanciare la Milano internazionale e la Milano che dà per costruire davvero la città metropolitana”.

Ascolta il reportage andato in onda su Radio Popolare

Cl e Sala podcast

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/02/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta