Approfondimenti

La scommessa di Agrivis, cooperativa sociale agricola di città

Agrivis

di Luca Parena

Per fare progetti sul futuro questo non è il periodo più adatto. Con la pandemia, guardare lontano è diventato quasi un tabù. Tutto quello che possiamo fare è restare aggrappati a piccole certezze in attesa di momenti migliori. Ci sono però delle eccezioni. Per qualcuno resistere non significa rintanarsi a coltivare il proprio orticello. Al contrario vuol dire lavorare più di tre ettari di terreno, dare un’occasione a chi ha alle spalle drammi come l’emigrazione o lo sfruttamento e costruire con queste persone un percorso che possa migliorare la loro vita.

Tutto questo e anche qualcosa in più fanno gli ideatori di Agrivis, cooperativa sociale del gruppo no profit milanese “L’Impronta”. Dal 2015 hanno cominciato a creare una filiera alimentare che va dall’agricoltura, biologica e chilometro zero, alla vendita al dettaglio e alla ristorazione offrendo posti di lavoro a persone fragili. Andrea Miotti è il presidente di Agrivis: “Ci siamo chiesti dove avesse origine tutto, quale fosse il luogo più affascinante: la natura e quindi l’agricoltura, parlando in termini di produzione. Così abbiamo deciso di lanciarci in questa sfida molto difficile perché vogliamo dare lavoro a delle persone, per cui dobbiamo per forza avere dei ricavi e una sostenibilità. Non è stato facile trovare i terreni giusti: li cercavamo dentro la città, in un posto raggiungibile anche a piedi ma che non fosse in mezzo ai palazzi. Poteva avere la vista sui palazzi ma doveva essere perfettamente immerso nella natura”.

L’identikit porta come risultato al Parco Agricolo Sud Milano. Più precisamente a Macconago. A pochi passi c’è un laghetto attrezzato per la pesca sportiva, intorno il verde dei campi e la ghiaia della strada fanno sembrare lo sfondo dei grattacieli molto più lontano di quel che è. Qui i lavoratori di Agrivis hanno tirato su dei grandi tunnel per coltivare frutta e ortaggi meno sensibili al freddo degli ultimi mesi. Pur tra mille complicazioni, la pandemia non ha mai interrotto l’attività ordinaria. Da poche settimane però è anche partito il nuovo progetto Agrilab, come spiega Andrea Foschi del gruppo L’Impronta: “Abbiamo partecipato a un bando dove c’era un finanziamento del Governo italiano sul fondo asilo e immigrazione. Per dare una mano alle persone fragili, abbiamo pensato di aderire a questo progetto nazionale di carattere formativo ed educativo a cui partecipano diciotto realtà dell’agricoltura sociale. Delle figure di tutor aiutano i ragazzi a consolidare il loro percorso professionale e danno loro una mano a cercare un’occupazione stabile in ambito rurale. I beneficiari sono 340, provenienti soprattutto dall’Africa subsahariana. Noi abbiamo deciso di accoglierne ventiquattro”.

Creando una rete tra associazioni, comunità e oratori del sud Milano che si occupano di accoglienza, Agrivis ha individuato le persone interessate a iniziare il percorso formativo, pratico e lavorativo di Agrilab. Una proposta rivolta a chi non può aspettare tempi migliori. Non ha risparmi su cui appoggiarsi, magari ha perso la casa o conta sull’ospitalità di qualcuno.Kingsley è nato in Nigeria, l’ha lasciata sei anni fa per motivi politici e religiosi. Nel nord del Paese ha lavorato come muratore, le sue mani ingrigite lo testimoniano ancora. Da cristiano racconta di aver temuto per la propria vita per gli attacchi terroristici di Boko Haram e di essere partito per la Libia. Qui ha già familiarizzato con l’agricoltura e ricorda che il suo datore di lavoro, colluso con i trafficanti di esseri umani, lo ha spinto fin da subito a imbarcarsi verso l’Europa.

Le discriminazioni subite per il colore scuro della sua pelle – spiega – lo hanno convinto a partire di nuovo. Dice di non ricordare molto della traversata, a differenza di molti però ha la possibilità di raccontarla: “Sono rimasto in mare tre giorni, non trovavamo la rotta verso la costa italiana. Un’esperienza dura, non auguro a nessuno di vivere una situazione del genere. Le persone muoiono in mare: c’erano due barche in viaggio, una si è capovolta, noi siamo stati fortunati. Il carburante è finito, eravamo alla deriva, ci siamo salvati perché una nave ci ha raggiunto e soccorso”.

Il percorso che lo ha condotto nel milanese non è stato lineare. Alla fine, però, è stato accolto in una parrocchia di Rozzano e ora può imparare un lavoro che gli apre qualche prospettiva nuova: “Per me è un’occasione, curo le piante, faccio del mio meglio per seguire le indicazioni che mi danno. Mi piacerebbe continuare qui, è un ottimo progetto, ma dipende da come loro si trovano con me. Quello che mi interessa è far vedere che sono forte e posso lavorare. Voglio imparare il più possibile perché in futuro, se ne avessi la possibilità, ovunque mi trovassi, potrei dare a qualcun altro l’idea di coltivare”. La storia di Lex, invece, è un’avventura ben diversa. Mentre racconta spesso s’interrompe dicendo che non vuole soffermarsi sui dettagli. Forse perché ci vorrebbe troppo tempo per dire tutto. Ha lasciato la Costa d’Avorio con la sua famiglia da piccolo, è cresciuto in Francia, a Lille, poi è venuto in Italia. Qui ha vissuto in maniera decisamente intensa: ha fatto il calciatore finché le ginocchia glielo hanno permesso, si è iscritto a Scienze politiche, per tanti anni ha avuto un lavoro stabile per una grande azienda. Nel 2014 ha deciso di licenziarsi – dice – per ideare qualcosa di suo: tirare fuori una marca di abbigliamento o creare una piccola impresa, anche agricola, perché no? Nell’ultimo anno però ha perso l’impiego da steward allo stadio e gli è stato pignorato l’appartamento: “Lavoravo con Inter e Milan, ma non ci sono più spettatori, non lavoro più. Dopo questo progetto mi piacerebbe tornare in Costa d’Avorio, creare opportunità, anche collaborare con voi. Ho scelto di lasciare il lavoro stabile che avevo perché a me non piacciono le cose stagnanti. Ho fatto calcio, il pilota, sono maestro di karate, ho tentato di creare un mio marchio di abbigliamento. Io sono così, ho bisogno di avere un obiettivo nella mia vita. Se riuscirò a portarne fino in fondo anche solo uno sarò contento”.Di sicuro qui le spinte a intraprendere qualcosa di nuovo non mancano.

La stessa Agrivis ha in cantiere un altro progetto importante: il completamento di una cascina lì, accanto ai terreni di Macconago. Come spiegano Miotti e Foschi è un passo importante verso la sostenibilità e per dare un aiuto in più ai lavoratori che accoglieranno. Un passo che però ha bisogno di una spinta dal basso: “Sarà pronta tra luglio e settembre 2021. La prima opportunità in più sarà quella di conservare e trasformare i nostri prodotti. Stiamo cercando risorse finanziarie per completare degli alloggi che daremo ai lavoratori fragili. Potranno vivere direttamente qua. Grazie al Comune di Milano, stiamo partecipando a un crowdfunding civico. Se riusciremo a raccogliere 26mila euro entro il 24 aprile, ne avremo altri 40 dal Comune. Questo contributo per noi è importantissimo perché riusciremmo a completare gli appartamenti”.
Le difficoltà sono evidenti, fare qualcosa per andare avanti e sostenere chi è più esposto alle crisi del lavoro, dell’immigrazione, della pandemia è più complicato del solito. Un piccolo insegnamento però lo si può tirare fuori. Questo, oltre che un tempo sospeso, può anche essere un tempo di semina. Nel vero senso della parola.

Foto | Agrivis, cooperativa sociale agricola a Macconago

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 26/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

Adesso in diretta