Approfondimenti

La quarantena all’hotel Michelangelo a Milano

hotel Michelangelo Milano

A ingranare ci ha messo un po’. Nel grande caos delle prime settimane della pandemia, l’hotel Michelangelo di Milano, una delle due strutture abilitate in città a ricevere persone COVID positive dimesse dagli ospedali o entrate in contatto con persone infette, era semivuoto. Complicazioni organizzative, perlopiù, oltre a qualche rivalità derivante dal fatto che è un progetto con molti attori, dal Comune alla Regione, all’ASST Trivulzio. Adesso, a cinque settimane dall’ingresso del primo ospite, è quasi pieno.

Diciassette piani, 202 ospiti su una capienza di quasi 300. Per la maggior parte sono persone dimesse dagli ospedali non completamente guarite o comunque ancora positive. E poi, qualche accesso diretto di COVID-positivi con condizioni abitative non compatibili con una quarantena, alcune decine di poliziotti per cui il Prefetto ha richiesto l’isolamento.

Nelle stanze gli ospiti stanno da soli, i pasti vengono lasciati davanti alla porta, una volta la settimana cambio di lenzuola e biancheria. Anche i consulti con i medici volontari, che offrono assistenza per otto ore al giorno nella struttura, avvengono prevalentemente al telefono.

Nel tempo la permanenza media all’hotel Michelangelo si è allungata: i 14 giorni sono diventati 21, man mano che si è capito che il virus è più persistente di quanto si pensasse. Due volte al giorno vengono misurati i parametri vitali. Ma non c’è solo questo, perchè quella dei guariti è una categoria molto eterogenea: “Chi è stato intubato per settimane ha delle conseguenze sul sistema muscolare molto importanti, stenta a camminare“, spiega il dottor Boioli, uno dei medici impegnati nella struttura. “E poi ci sono le malattie pregresse: chi è entrato in ospedale col diabete se lo porta dietro, e va curato“.

Le difficoltà ci sono e sono tante: per gli ospiti, racconta sempre il dottore, l’isolamento è duro. Molti sono stranieri, con le complicazioni linguistiche e culturali del caso. Chi è stato malato si sente un sopravvissuto. Per alcuni, i più fragili, dopo il Michelangelo non c’è nulla: come la badante che si è ammalata insieme alla donna che curava e che ora, guarite entrambe, non la rivuole più: anche la paura è contagiosa.

  • Autore articolo
    Diana Santini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 28/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 28/10/20 delle 19:47

    Metroregione di mer 28/10/20 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui - 29/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 28/10/20

    1- Votare negli Stati Uniti non è un diritto garantito per ..tutti. L’odissea degli elettori da New York al Wisconsin.…

    Esteri - 29/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 28/10/20

    Uno di Due di mer 28/10/20

    1D2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l’armadillo - 29/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 28/10/20

    Jack di mer 28/10/20

    Jack - 29/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay human - 29/10/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 27/10/20

    La puntata della settimana è dedicata a questa seconda ondata di Covid-19. Ci siamo domandati se e come i Dipartimenti…

    Psicoradio - 29/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 28/10/20

    Lo spettro del debito pubblico italiano non si aggira più per l’Europa. Perchè l’agenzia americana di valutazione Standard&Poor’s, qualche giorno…

    Memos - 29/10/2020

  • PlayStop

    Sara Turetta, I cani della mia vita

    SARA TURETTA - I CANI DELLA MIA VITA - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 29/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 28/10/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, matteo ceschi, note per salvare il pianeta, vololibero edizioni, nordic film festival, linda gaardner,…

    Cult - 29/10/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 28/10/20

    Trump e il suo profilo Twitter; individuati gli hacker russi responsabili dei più clamorosi attacchi degli ultimi anni; Snowden ha…

    Doppio Click - 29/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 28/10/20

    Usa a una settimana dal voto, ne parliamo con l'americanista Mario Del Pero. La Regione Lombardia in ritardo coi tamponi…

    Prisma - 29/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 28/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mer 28/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 29/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 28/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mer 28/10/20

    Il demone del tardi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 28/10/20

    Fino alle otto di mer 28/10/20

    Fino alle otto - 29/10/2020

Adesso in diretta